Dal mondo
Comitato controllo normativo Ue:
Web tax ammessa con riserve
L’organo indipendente di consulenza della Commissione ha valutato le misure proposte per tassare l’economia digitale
taxes
Il Comitato per il Controllo Normativo dell’Unione Europea ha espresso un parere complessivo “positivo con riserve” sulle misure della Commissione Europea per tassare il fatturato di determinate attività di imprese digitali. Gli esperti dell’organismo, infatti, hanno affermato che la Commissione non è riuscita a spiegare approfonditamente le misure proposte, le esigenze per le quali sono state formulate e ad analizzare il loro potenziale impatto.
 
Il background
Il 21 marzo la Commissione Europea ha pubblicato due proposte di modifica delle norme fiscali internazionali per garantire che le attività commerciali digitali siano tassate equamente e in modo da favorire la crescita dell’Unione Europea. Le proposte legislative sono state formulate in  risposta alle richieste degli Stati membri con l’obiettivo di assicurare una giusta quota delle entrate fiscali derivanti dalle attività online delle imprese.
La prima iniziativa mira a riformare le norme sulla tassazione delle società in modo che i profitti siano registrati e tassati laddove le imprese abbiano una significativa interazione con gli utenti attraverso i canali digitali. Questo costituisce la soluzione a lungo termine preferita dalla Commissione. La seconda prevede un’imposta provvisoria del 3% sul volume d'affari delle società impegnate in attività digitali che altrimenti non sarebbero soggette a tassazione. Questa imposta provvisoria garantisce che le attività attualmente non tassate in modo effettivo inizino a generare entrate immediate per gli Stati membri.
 
Parere positivo con riserve
Nel parere, il Comitato sottolinea alcune carenze riscontrate nelle proposte sulla web tax della Commissione ed esprime complessivamente un parere “positivo con riserve”. Positivo poiché la relazione della Commissione con le misure proposte può essere modificata tenendo conto delle raccomandazioni del Comitato su alcuni aspetti chiave.
Il gruppo di esperti del controllo normativo evidenzia, infatti, che si dovrebbe migliorare la descrizione del contesto politico, valutando i progressi compiuti a livello globale sulla questione della tassazione digitale, le attività in materia svolte dall’Ocse e il ruolo dell’Ue in questo dibattito. Dovrebbe essere giustificata, inoltre, l’urgenza dell’Unione Europea di agire e approfondire ulteriormente le ragioni del duplice approccio proposto. Il parere del Comitato suggerisce anche che la Commissione deve sottolineare i rischi di azioni unilaterali da parte degli Stati membri, la concorrenza fiscale, la frammentazione del mercato e l’elusione fiscale. Va rimarcato, continua il Comitato, che l’obiettivo dell’iniziativa è la chiarezza sull’assegnazione dei diritti di tassazione e non garantire un equo onere fiscale sulle società digitali rispetto a quelle non digitali.
Inoltre, la relazione dovrebbe analizzare meglio l’entità del problema, anche a livello di ogni singolo Stato membro e dovrebbe spiegare meglio le modalità della transizione dalla soluzione a breve termine a quella a lungo termine e fornire maggiori dettagli sul contenuto delle opzioni: cosa viene tassato, come, da chi e anche le soglie di reddito per l’attività digitale, i collegamenti con la Ccctb (base imponibile consolidata comune per l’imposta sulle società) e le sovrapposizioni del nuovo principio del luogo di “stabilimento permanente virtuale” dell’impresa con le convenzioni sulla doppia imposizione.
 
Come funziona il Comitato 
 Il Comitato per il Controllo Normativo è un organismo indipendente della Commissione che offre consulenze al collegio. Svolge una funzione centrale di controllo e supporto della qualità per le valutazioni d'impatto della Commissione e le sue attività di valutazione. Esamina e formula pareri e raccomandazioni su tutti i progetti di valutazioni d’impatto della Commissione e sui principali controlli e valutazioni dell’adeguatezza della normativa esistente.
Affinché la Commissione adotti un’iniziativa accompagnata da una valutazione d'impatto, il Comitato deve emettere un parere positivo. In caso di parere negativo, il progetto di relazione deve essere riesaminato e ripresentato alla Commissione. Il parere accompagna il progetto di iniziativa, insieme alla valutazione d’impatto, lungo l’intero processo decisionale politico della Commissione.
 
 
Claudia Scardino
pubblicato Lunedì 16 Aprile 2018

I più letti

Canale telematico ad ampio raggio per le richieste dei contribuenti che ritengono infondato o parzialmente infondato l’avviso di liquidazione emesso da un ufficio dell’Agenzia
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Nella corrispondenza, che contiene il logo dell'Agenzia delle entrate, si comunica il riconoscimento di un rimborso fiscale, per ottenere il quale bisogna scaricare un modulo allegato
A disposizione degli interessati ci sarà, inoltre, il prospetto di sintesi degli importi dovuti con le relative scadenze e le causali di pagamento; in arrivo anche e-mail di alert
Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà subito l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà subito l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il Mef ha stabilito gli importi delle deduzioni forfettarie e la misura del recupero del contributo al Ssn; dall’Agenzia arrivano le indicazioni per la loro esposizione nel modello Redditi
Il valore delle parti staccate confluisce in quello della prestazione, cioè gode dell’aliquota ridotta al 10 per cento, solo se connotate da una propria autonomia funzionale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino