Dal mondo
Ecofin: ecco la lista Ue dei Paesi
non collaborativi in materia fiscale
Sono 17 le giurisdizioni che non rispettano i criteri Ue su trasparenza, equità fiscale e adozione delle misure anti-Beps
logo Ecofin 5 dicembre
L’Unione europea ha la sua lista di Paesi non collaborativi in materia fiscale. Il Consiglio europeo dei ministri dell’economia ha approvato ieri l’elenco di 17 giurisdizioni classificate come non collaborative, coloro, cioè, che hanno un sistema fiscale che non rispetta i requisiti elaborati dall’Unione riguardanti la trasparenza fiscale, un’equa tassazione e l’applicazione delle misure anti-Beps e che rappresentano quindi le potenziali destinazioni finali del gettito sottratto alle casse degli Stati Ue attraverso pratiche evasive ed elusive. La  misura era attesa ormai da mesi e costituisce l’esito di un anno di lavoro del gruppo Ue del Codice di condotta, che ha passato al vaglio gli impianti fiscali di decine di giurisdizioni terze, contattando quelle non in regola con gli standard Ue e chiedendo loro di allinearsi. Sono 17 le giurisdizioni che alla fine del processo non hanno risposto alle richieste di adeguamento dell’Unione e che quindi da oggi figurano ufficialmente come non collaborative. Sono invece 47 le giurisdizioni che hanno assunto l’impegno di rimediare alle proprie criticità, e che sono state quindi escluse dalla lista dei paradisi fiscali, ma messe sotto osservazione dall’Unione. L’elenco diffuso ieri non è l’unica decisione importante in materia tributaria adottata dal Consiglio Ue dei ministri dell’Economia, che ha approvato anche nuove regole Iva in materia di commercio elettronico e ha rilanciato a livello internazionale la discussione sulla tassazione dei profitti nell’economia digitale.
 
I 17 paradisi secondo l’Ue
La lista comprende 17 giurisdizioni, valutate come “non collaborative”: si tratta di Samoa, Bahrain, Barbados, Grenada, Guam, Corea del Sud, Macao, Isole Marshall, Mongolia, Namibia, Palau, Panama, Saint Lucia, Samoa, Trinidad e Tobago, Tunisia ed Emirati Arabi Uniti. L’elenco è l’esito di un anno di valutazioni e di dialogo con varie giurisdizioni terze, dodici mesi in cui i singoli sistemi fiscali sono stati valutati secondo i tre criteri elaborati un anno fa dal Consiglio e riguardanti trasparenza fiscale, equa tassazione e applicazione delle misure Ocse anti-Beps. Sono invece 47 le giurisdizioni che si sono impegnate a risolvere, entro il 2018 o, in alcuni casi, entro il 2019, le criticità sollevate dall’Ue sulla propria normativa tributaria e allinearsi ai criteri necessari per non essere inserite, anche successivamente, nella lista delle realtà fiscali non collaborative. L'attuazione degli impegni sarà verificata dall’Unione, che aggiornerà la lista ogni anno.
 
Le misure difensive contro le giurisdizioni non collaborative
Obiettivo dell’elenco è spingere i Paesi “nominati” a intraprendere un percorso di collaborazione per vedere abbattute le barriere protettive che l’Ue intende promuovere per arginare la fuoriuscita di gettito che ogni anno frodi, evasione ed elusione fiscali drenano dai Paesi Ue verso i paradisi fiscali. In particolare, l’Ecofin invita gli Stati membri ad adottare, verso le giurisdizioni non collaborative, misure coordinate come il monitoraggio rafforzato di alcune transazioni, un incremento dei controlli sui soggetti che beneficiano dei regimi a rischio o che hanno legami con centri offshore. A queste misure, i singoli Stati membri ne possono associare altre ad hoc come, ad esempio, l’indeducibilità di costi “black list”, il rafforzamento delle discipline nazionali sulle Cfc, l’introduzione di ritenute alla fonte, l’obbligo, per intermediari e consulenti fiscali, di comunicare la messa a punto di operazioni potenzialmente a rischio elusione. In più, la lista dei Paesi non collaborativi potrebbe avere rilevanza anche per politiche, sia a livello Ue sia degli Stati membri, non strettamente fiscali, ma più in generale economiche, con lo scopo di spingere le giurisdizioni recalcitranti ad avere interesse verso un percorso di maggiore trasparenza fiscale e a fuoriuscire dalla lista.
 
Focus su commercio elettronico ed economia digitale
Nell’incontro di ieri, l’Ecofin ha anche approvato un pacchetto di nuove regole che mirano a rendere più semplice la riscossione dell’Iva nell’e-commerce e che si inseriscono nella strategia Ue del mercato unico digitale, tra le quali l’estensione per  le vendite a distanza dell’uso del portale europeo Mini one-stop shop.
Meno risolutive le conclusioni dei ministri dell’Economia Ue sul tema della tassazione dei profitti nell’economia digitale. Il Consiglio ha infatti concordato sul livello necessariamente internazionale della discussione, rilanciando una stretta collaborazione con Ocse e altri partner internazionali e rimandando alla Commissione il compito di individuare misure specifiche, anche temporanee, per l’inizio del 2018. In particolare, i ministri dell’Economia Ue hanno proposto un esame del concetto di "stabile organizzazione virtuale", unitamente alle modifiche delle regole che disciplinano il prezzo di trasferimento e l'attribuzione degli utili.
Anna D'Angelo
pubblicato Mercoledì 6 Dicembre 2017

I più letti

La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Ai fini delle deduzioni dei costi e delle detrazioni Iva incombe sul contribuente l’onere di provare l’inerenza del bene o del servizio all’attività imprenditoriale
Può essere presentato direttamente in rete attraverso il servizio “Fai DA Te” oppure consegnato agli sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione o, ancora, inviato tramite Pec
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
L’ufficio finanziario è tenuto a riscontrare la coerenza fra le diverse operazioni realizzate, pertanto, non è sufficiente che tali documenti siano correttamente registrati in contabilità
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino