Dal mondo
Entrate Ue: per la Spagna inizio
al top. Irlanda forte sull’Iva
Il dato confermato dai due bollettini di gennaio e febbraio diffusi dal Df che rompono in parte uno schema consolidato
entrate ue_gen 2017

Il 2017 si apre all’insegna di un cambio al vertice delle entrate tributarie internazionali. Dopo 35 mesi dominati dall’Irlanda, in questo inizio d’anno è la Spagna a rubare, in parte, la scena alla ex tigre celtica. Infatti se è vero che su gennaio e febbraio l’andamento tendenziale rende onore agli iberici è anche vero che la ex tigre celtica, sia pur in quadro ridimensionato ma positivo, fa il pieno sul versante dell’Iva. Sono, in estrema sintesi, le novità che emergono dalla lettura dei due Rapporti 2017 del dipartimento delle Finanze sulle entrate internazionali relativi al periodo gennaio e febbraio.



Spagna in testa a gennaio
I primi tre posti della speciale classifica sono ad appannaggio di Spagna (+8%), Irlanda (+6%) e Regno Unito (+4,3%). Nel gruppo degli inseguitori brilla la Germania, a una spanna dal terzo classificato (+4%), seguita dall’Italia (+1,9%) ed entrambe protagoniste di una performance caratterizzata da un segno positivo. Di valenza opposta i risultati ottenuti dalla Francia che, penultima in ordine di classifica, inverte la dinamica del gettito tributario e fa registrare una flessione del 2,1% e dal Portogallo che chiude con un segno negativo (-11,1%) dopo un 2016 all’insegna della produttività.
 

Irlanda prima per gettito Iva
Nel segno dell’assoluta continuità è l’Irlanda che registra il tasso di variazione più elevato con un +10,2% seguita da Germania (5,5%) e Italia (4,5%). Al quarto e quinto posto di merito si portano il Regno Unito (3,7%) e il Portogallo (3,2%). A chiudere il gruppo, nella posizione di fanalino di coda, è invece la Francia che con un -0,8% registra la prima flessione tendenziale dal maggio del 2015.
 

Una manciata di decimali divide i Paesi su febbraio
In questo caso tre sono i Paesi divisi da una manciata di decimali. A fare l’andatura sul fronte delle entrate è sempre la Spagna con un +6,5% seguita a una spanna dalla Germania (+6,2%) e dalla Francia (6,1%). Al quarto posto di merito il Regno Unito non troppo distante con un 5,8%, seguito dall’Irlanda (4,1%) e dall’Italia (+3,1%). All’ultimo posto di merito si colloca il Portogallo che registra una nuova variazione negativa (-3,1%), ma più contenuta rispetto al risultato di gennaio.
 

Sul versante Iva, l’Irlanda sempre davanti
Ancora più sostenuta è la crescita registrata dall’Irlanda in febbraio che, con un 16,9%, è prima in assoluto davanti a tutti e supera di gran lunga il risultato positivo dello scorso anno. Al secondo posto di merito è sempre la Spagna con un 7,9% seguita al terzo posto dalla Germania (+6,3%). Completano il profilo della speciale classifica, in ordine di risultato, la Francia (+5,7%), l’Italia (+5,3%), il Regno Unito (+3,7%) e il Portogallo (+2,2%). Tutti i Paesi osservati hanno registrato risultati positivi e la forbice di variazione tra il valore più marcato e quello più contenuto è di 14,7 punti percentuali.

Gianluca Di Muro
pubblicato Martedì 18 Aprile 2017

I più letti

immagine generica che indica una sostituzione
L'obiettivo è favorire l'emersione spontanea di basi imponibili, stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari e rafforzare la collaborazione tra i contribuenti e la Pa
immagine di una mano con dito che spinge un pulsante
La legge di bilancio 2017 ha introdotto un meccanismo di detassazione indirizzato a canalizzare gli investimenti privati verso il finanziamento del sistema imprenditoriale italiano
Così delimitato l'ambito delle ragioni adducibili dall'ufficio nell’eventuale successiva fase contenziosa, il contribuente può esercitare il diritto di difesa
Non è prevista alcuna deroga alle disposizioni che indicano specificamente nel pagamento il momento dal quale deve decorrere il tempo disponibile per la presentazione dell’istanza
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
Dalla nuova procedura di collaborazione rafforzata per le società non residenti all’introduzione degli indici di affidabilità fiscale: sono numerose le “new entry” in ambito tributario
immagine generica che indica una sostituzione
L'obiettivo è favorire l'emersione spontanea di basi imponibili, stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari e rafforzare la collaborazione tra i contribuenti e la Pa
Si applica il principio di onnicomprensività, secondo cui tutte le somme e i valori, a qualunque titolo percepiti durante il periodo d’imposta, costituiscono reddito imponibile
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
Il credito di imposta va utilizzato in compensazione, a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in cui sono stati sostenuti i costi relativi agli investimenti eleggibili
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino