Dal mondo
Entrate Ue: Spagna prima
con Irlanda al top per l’Iva
In rete l'aggiornamento del Rapporto del Df sul gettito tributario relativo ai primi quattro mesi dell'anno
entrate internazionali

Bisogna ritornare al 2014 per rivedere una alternanza al vertice delle entrate tributarie internazionali e dell’Iva con Irlanda e Spagna protagoniste. A tre anni di distanza da quell’evento oggi il gettito della Spagna si conferma in ripresa e le permette di conquistare il primo posto di merito della speciale classifica. È il primo dato di rilievo che emerge dall’ultima istantanea scattata dal Rapporto quadrimestrale sulle entrate tributarie internazionali, pubblicato sul sito del Df. Il secondo è invece rappresentato dall’Irlanda che ottiene il primo posto di merito sul versante dell'Iva.


 

La Spagna torna in testa alla classifica  

La migliore performance, nel periodo di riferimento, l’ha ottenuta la Spagna con una variazione positiva, rispetto allo stesso periodo del 2016, del 9,6% che riflette l’aumento delle imposte dirette (+14,9%) e delle imposte indirette (+7%). A garantire il risultato sono stati, secondo quanto indicato nel documento, l’andamento positivo dell’imposta sulle persone fisiche (4,7%), sulle società e dell’Iva (7,8%).

 

Germania e Regno Unito al secondo e terzo posto

La Germania registra una crescita tendenziale delle entrate del 6,5% superando il tasso medio di crescita del 2016. Tra le cause del risultato positivo figurano il rinnovo dei contratti collettivi e il generale andamento dell’occupazione. Il Regno Unito con un +4,9% si porta al secondo posto della speciale classifica con una crescita del gettito tributario che si è rivelata più lenta rispetto a quella media osservata nel corso del 2016.

 

La Francia e l’Irlanda completano profilo

I transalpini mostrano per la prima volta una inversione dell’andamento negativo del gettito osservato agli inizi dell’anno e con un +3% completano insieme all’Irlanda il profilo degli inseguitori. La ex tigre celtica, a sua volta, nonostante il risultato positivo di aprile (0,5%) mostra una forte riduzione del tasso di crescita che è fortemente al di sotto della media degli ultimi tre anni (+8,8%).

 

Fanalino di coda è il Portogallo

Il gettito del Portogallo mostra una flessione (-2,8%) che è la risultante della flessione delle imposte dirette (-9,2%) e dell’incremento di quelle indirette (+1,5%). Nel solo mese di aprile poi il Portogallo ha registrato una flessione tendenziale delle entrate tributarie (-11%) che risulta in controtendenza rispetto al dato dell’ultimo mese.

 

L’andamento del gettito Iva

La forbice di variazione che divide il Paese con la crescita più elevata, l’Irlanda, da quello con la minore crescita, il Portogallo, si attesta a 12 punti percentuali. A fare ancora una volta l’andatura è l’ex tigre celtica che fa registrare il risultato più elevato (+14,5%) seguita dalla Spagna (+8,2%), Francia (6,3%) e Germania (+5,5%). A chiudere il gruppo ci pensano il Regno Unito (+3,4%) e il Portogallo (+2,5%).

Gianluca Di Muro
pubblicato Giovedì 15 Giugno 2017

I più letti

Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Secondo l’Agenzia delle entrate, la società istante può procedere al “recupero” del componente negativo di reddito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa
L’interpretazione dell’articolo 7-quater, comma 1, lettera a), del Dpr 633/1972, si basa sui chiarimenti forniti dall’articolo 31-bis del Regolamento di esecuzione Ue 1042/2013
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
La richiesta deve essere effettuata compilando e inviando l’apposito modello. Le istanze trasmesse prima del 24 settembre non saranno prese in considerazione e andranno riproposte
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Per quelle emesse nei confronti dei soggetti passivi Iva da un Comune che gestisce il servizio idrico sussiste l’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 21, Dl 78/2010
Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Le informazioni per ottenere l’agevolazione vanno inviate esclusivamente on line utilizzando Spid, le credenziali di Fisconline o Entratel, oppure la Carta nazionale dei servizi
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino