Dal mondo
Entrate Ue: Spagna prima
con Irlanda al top per l’Iva
In rete l'aggiornamento del Rapporto del Df sul gettito tributario relativo ai primi quattro mesi dell'anno
entrate internazionali

Bisogna ritornare al 2014 per rivedere una alternanza al vertice delle entrate tributarie internazionali e dell’Iva con Irlanda e Spagna protagoniste. A tre anni di distanza da quell’evento oggi il gettito della Spagna si conferma in ripresa e le permette di conquistare il primo posto di merito della speciale classifica. È il primo dato di rilievo che emerge dall’ultima istantanea scattata dal Rapporto quadrimestrale sulle entrate tributarie internazionali, pubblicato sul sito del Df. Il secondo è invece rappresentato dall’Irlanda che ottiene il primo posto di merito sul versante dell'Iva.


 

La Spagna torna in testa alla classifica  

La migliore performance, nel periodo di riferimento, l’ha ottenuta la Spagna con una variazione positiva, rispetto allo stesso periodo del 2016, del 9,6% che riflette l’aumento delle imposte dirette (+14,9%) e delle imposte indirette (+7%). A garantire il risultato sono stati, secondo quanto indicato nel documento, l’andamento positivo dell’imposta sulle persone fisiche (4,7%), sulle società e dell’Iva (7,8%).

 

Germania e Regno Unito al secondo e terzo posto

La Germania registra una crescita tendenziale delle entrate del 6,5% superando il tasso medio di crescita del 2016. Tra le cause del risultato positivo figurano il rinnovo dei contratti collettivi e il generale andamento dell’occupazione. Il Regno Unito con un +4,9% si porta al secondo posto della speciale classifica con una crescita del gettito tributario che si è rivelata più lenta rispetto a quella media osservata nel corso del 2016.

 

La Francia e l’Irlanda completano profilo

I transalpini mostrano per la prima volta una inversione dell’andamento negativo del gettito osservato agli inizi dell’anno e con un +3% completano insieme all’Irlanda il profilo degli inseguitori. La ex tigre celtica, a sua volta, nonostante il risultato positivo di aprile (0,5%) mostra una forte riduzione del tasso di crescita che è fortemente al di sotto della media degli ultimi tre anni (+8,8%).

 

Fanalino di coda è il Portogallo

Il gettito del Portogallo mostra una flessione (-2,8%) che è la risultante della flessione delle imposte dirette (-9,2%) e dell’incremento di quelle indirette (+1,5%). Nel solo mese di aprile poi il Portogallo ha registrato una flessione tendenziale delle entrate tributarie (-11%) che risulta in controtendenza rispetto al dato dell’ultimo mese.

 

L’andamento del gettito Iva

La forbice di variazione che divide il Paese con la crescita più elevata, l’Irlanda, da quello con la minore crescita, il Portogallo, si attesta a 12 punti percentuali. A fare ancora una volta l’andatura è l’ex tigre celtica che fa registrare il risultato più elevato (+14,5%) seguita dalla Spagna (+8,2%), Francia (6,3%) e Germania (+5,5%). A chiudere il gruppo ci pensano il Regno Unito (+3,4%) e il Portogallo (+2,5%).

Gianluca Di Muro
pubblicato Giovedì 15 Giugno 2017

I più letti

Un decreto del ministero dell’Economia ritocca il catalogo delle giurisdizioni estere interessate alle procedure internazionali di collaborazione in materia di conti finanziari
immagine di due faldoni di documenti in un'aula di tribunale
La Consulta ha respinto le censure di incostituzionalità sollevate nei confronti della disposizione che, nel secondo grado di giudizio, ne consente la produzione senza limiti
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino