Dal mondo
Entrate Ue: Spagna in testa
idem è l’Irlanda sul fronte Iva
Pubblicato sul sito del Dipartimento Finanze l’ultimo aggiornamento relativo ai primi cinque mesi dell’anno
grafico risultati

Spagna prima per dati di gettito davanti a Regno Unito e Germania mentre sul fronte Iva il miglior risultato di merito lo ottiene l’Irlanda davanti alla Spagna e alla Germania. Sono le principali indicazioni che emergono dalla lettura dell’ultimo bollettino delle entrate tributarie internazionali, pubblicato sul sito del Df e relativo al periodo gennaio-maggio 2017.

 

La Spagna davanti a Regno Unito e Germania

La Spagna, come avvenuto nell’ultima rilevazione, si conferma al primo posto di merito con il tasso di crescita più elevato e con una variazione positiva da inizio anno del 9,3% che la vede nettamente in testa davanti al Regno Unito (5,7%) e alla Germania (5,6%). Sul risultato positivo della Spagna pare abbia influito l’aumento delle imposte dirette (+13,4%) e di quelle indirette (+6,8%). Il Regno Unito, medaglia d’argento, registra una crescita del gettito (+5,7%) simile a quella media registrata nel corso dello scorso anno (+5,4%). La Germania, invece, anche se al terzo posto di merito, registra una crescita tendenziale delle entrate (+5,6%) che supera il tasso medio di crescita dello scorso anno.

 

Irlanda, Francia e Italia chiudono il gruppo degli inseguitori

In testa al gruppo degli inseguitori, a ridosso dei primi tre posti di merito, è l’Irlanda che, nonostante il risultato positivo di maggio (+2,9%), evidenzia una forte riduzione del tasso di crescita che lascia pensare in quanto risulta al di sotto della media registrata negli ultimi tre anni (+8,8%). La Francia, invece, con un +2,5% ottiene un risultato che le permette di invertire l’andamento negativo osservato a gennaio di quest’anno. L’Italia, a sua volta, conferma il tendenziale positivo osservato da gennaio 2015.

 

L’andamento del gettito Iva

Sul fronte del gettito Iva, la forbice di variazione tra il miglior risultato, dell’Irlanda, con la crescita maggiore anche in rapporto al risultato positivo del 2016, e quello più contenuto, del Portogallo è di 9,9 punti percentuali. Tutti i Paesi, oggetto dell’ultima rilevazione, registrano risultati con un segno più. A fare l’andatura ancora una volta è l’Irlanda (+13,3%), che ottiene il palmares del miglior risultato di periodo, davanti alla Spagna (+8,2%) e alla Germania (+5%). Completano il profilo del gettito Iva la Francia (+4,8%), il Regno Unito (+4,4%), l’Italia (+4,3%) e il Portogallo (+3,4%).

Gianluca Di Muro
pubblicato Lunedì 17 Luglio 2017

I più letti

L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Corte di Giustizia Ue
I giudici europei chiariscono quali sono i limiti che la normativa nazionale può imporre alla rettifica da parte del contribuente della base imponibile Iva in caso di mancato incasso
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il sistema di navigazione dinamico mostra i risultati registrati anno per anno. Nuove informazioni a disposizione del contribuente, per un dialogo all’insegna della trasparenza
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino