Dal mondo
Fmi: la performance d’impresa
dipende anche dal Fisco
Un rapporto di settore evidenzia l'incidenza della qualità dell’Amministrazione finanziaria sulle aziende
fmi_logo
Il Fondo monetario internazionale ha pubblicato di recente un Rapporto che analizza la relazione tra Amministrazione fiscale e performance aziendale. I costi legati agli adempimenti fiscali tendono ad essere sproporzionatamente più alti per le piccole e le giovani imprese. Il paper del Fondo Monetario Internazionale “Tax Administration and Firm Performance: New Data and Evidence for Emerging Market and Developing Economies” esamina come la qualità dell'amministrazione fiscale influenzi le performance aziendali per un ampio ventaglio di aziende dei mercati emergenti e delle economie in via di sviluppo.
 
Un indice innovativo di analisi
I ricercatori hanno costruito un indice innovativo e multidimensionale internazionale di qualità dell'amministrazione fiscale (TAQI) utilizzando le informazioni provenienti dallo strumento di valutazione delle amministrazioni fiscali. L’indice è composto da queste componenti: supporto dell’informazione ai contribuenti, compilazione delle dichiarazioni dei redditi e pagamento delle imposte, i processi successivi alla compilazione, responsabilità e trasparenza dell’amministrazione fiscale.


Grafico




Peso della tax compliance come proporzione delle vendite – Pmi e grandi aziende 
Fonte:
FMI


I riflettori accesi sugli adempimenti fiscali e le performance aziendali
Utilizzando nuovi dati sulla qualità dell'amministrazione fiscale, i ricercatori del Fondo Monetario Internazionale nel paper si concentrano su un aspetto diverso dell'amministrazione fiscale: il legame tra i costi legati agli adempimenti fiscali e le performance aziendali. I costi relativi alla tax compliance possono appesantire notevolmente il carico fiscale che le imprese sopportano e possono essere particolarmente onerosi per le piccole e medie imprese (Pmi) e le giovani imprese. Il documento si concentra, in particolare, sull'impatto differenziato della qualità dell'amministrazione fiscale sulla produttività in aziende di diversa dimensione e età. Data la natura regressiva dei costi di tax compliance, l'ipotesi è che le piccole e le giovani imprese beneficeranno di più rispetto alle imprese più grandi e più mature grazie alle amministrazioni che riducono i costi degli adempimenti fiscali. Gli studi sui costi di tax compliance realizzati in molti Paesi indicano che le microimprese e le Pmi presentano tipicamente costi di compliance più elevati rispetto alle grandi imprese. Ad esempio, in Ucraina, i costi di compliance per le Pmi sono più alti del 117 per cento relativamente alle vendite rispetto alle grandi aziende. Più in generale, emerge come la disparità tra i costi per gli adempimenti fiscali delle Pmi rispetto a quelli delle grandi imprese può essere significativa nei Paesi in cui la qualità dell'amministrazione è meno efficiente.
 
Le conclusioni del Rapporto
Dal paper emerge come una migliore amministrazione fiscale attenui il divario di produttività delle piccole e delle giovani imprese rispetto alle grandi e alle vecchie imprese, risultato che impatta su altri aspetti della politica fiscale e della governance economica. Da una prospettiva politica, si fornisce la prova che i Paesi possono raccogliere i dividendi della crescita e della produttività grazie ai miglioramenti nell'amministrazione fiscale che riducono i costi degli adempimenti fiscali delle imprese.
 
Come sostenere le piccole e le giovani imprese
I risultati dell’analisi condotta nel paper sostengono fortemente la presenza di guadagni di produttività delle aziende derivanti dagli sforzi per rafforzare l'amministrazione fiscale. In particolare, troviamo un effetto positivo e statisticamente significativo di un basso onere di compliance sulla produttività delle piccole e delle giovani imprese. Il documento del Fondo suggerisce un modo alternativo e altrettanto importante per sostenere le piccole e le giovani imprese, vale a dire migliorare quegli aspetti dell'amministrazione fiscale che riducono i costi di compliance fiscale implementando le informazioni dei contribuenti e rafforzando la trasparenza da parte delle autorità fiscali. Sebbene queste misure non siano specificamente destinate alle piccole imprese, possono essere particolarmente vantaggiose per le piccole imprese con un fatturato relativamente basso e con un profitto limitato per coprire i costi di tax compliance, dato che presentano una componente di costo fisso significativo. 

 
Claudia Scardino
pubblicato Venerdì 19 Maggio 2017

I più letti

Un decreto del ministero dell’Economia ritocca il catalogo delle giurisdizioni estere interessate alle procedure internazionali di collaborazione in materia di conti finanziari
immagine di due faldoni di documenti in un'aula di tribunale
La Consulta ha respinto le censure di incostituzionalità sollevate nei confronti della disposizione che, nel secondo grado di giudizio, ne consente la produzione senza limiti
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
Istituite per i documenti cartacei consultati meno di frequente relativi al periodo ante 1° gennaio 1970 e a quello informatizzato tra il 1° gennaio 1999 e il 31 dicembre 2014
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino