Dal mondo
Fmi: la performance d’impresa
dipende anche dal Fisco
Un rapporto di settore evidenzia l'incidenza della qualità dell’Amministrazione finanziaria sulle aziende
fmi_logo
Il Fondo monetario internazionale ha pubblicato di recente un Rapporto che analizza la relazione tra Amministrazione fiscale e performance aziendale. I costi legati agli adempimenti fiscali tendono ad essere sproporzionatamente più alti per le piccole e le giovani imprese. Il paper del Fondo Monetario Internazionale “Tax Administration and Firm Performance: New Data and Evidence for Emerging Market and Developing Economies” esamina come la qualità dell'amministrazione fiscale influenzi le performance aziendali per un ampio ventaglio di aziende dei mercati emergenti e delle economie in via di sviluppo.
 
Un indice innovativo di analisi
I ricercatori hanno costruito un indice innovativo e multidimensionale internazionale di qualità dell'amministrazione fiscale (TAQI) utilizzando le informazioni provenienti dallo strumento di valutazione delle amministrazioni fiscali. L’indice è composto da queste componenti: supporto dell’informazione ai contribuenti, compilazione delle dichiarazioni dei redditi e pagamento delle imposte, i processi successivi alla compilazione, responsabilità e trasparenza dell’amministrazione fiscale.


Grafico




Peso della tax compliance come proporzione delle vendite – Pmi e grandi aziende 
Fonte:
FMI


I riflettori accesi sugli adempimenti fiscali e le performance aziendali
Utilizzando nuovi dati sulla qualità dell'amministrazione fiscale, i ricercatori del Fondo Monetario Internazionale nel paper si concentrano su un aspetto diverso dell'amministrazione fiscale: il legame tra i costi legati agli adempimenti fiscali e le performance aziendali. I costi relativi alla tax compliance possono appesantire notevolmente il carico fiscale che le imprese sopportano e possono essere particolarmente onerosi per le piccole e medie imprese (Pmi) e le giovani imprese. Il documento si concentra, in particolare, sull'impatto differenziato della qualità dell'amministrazione fiscale sulla produttività in aziende di diversa dimensione e età. Data la natura regressiva dei costi di tax compliance, l'ipotesi è che le piccole e le giovani imprese beneficeranno di più rispetto alle imprese più grandi e più mature grazie alle amministrazioni che riducono i costi degli adempimenti fiscali. Gli studi sui costi di tax compliance realizzati in molti Paesi indicano che le microimprese e le Pmi presentano tipicamente costi di compliance più elevati rispetto alle grandi imprese. Ad esempio, in Ucraina, i costi di compliance per le Pmi sono più alti del 117 per cento relativamente alle vendite rispetto alle grandi aziende. Più in generale, emerge come la disparità tra i costi per gli adempimenti fiscali delle Pmi rispetto a quelli delle grandi imprese può essere significativa nei Paesi in cui la qualità dell'amministrazione è meno efficiente.
 
Le conclusioni del Rapporto
Dal paper emerge come una migliore amministrazione fiscale attenui il divario di produttività delle piccole e delle giovani imprese rispetto alle grandi e alle vecchie imprese, risultato che impatta su altri aspetti della politica fiscale e della governance economica. Da una prospettiva politica, si fornisce la prova che i Paesi possono raccogliere i dividendi della crescita e della produttività grazie ai miglioramenti nell'amministrazione fiscale che riducono i costi degli adempimenti fiscali delle imprese.
 
Come sostenere le piccole e le giovani imprese
I risultati dell’analisi condotta nel paper sostengono fortemente la presenza di guadagni di produttività delle aziende derivanti dagli sforzi per rafforzare l'amministrazione fiscale. In particolare, troviamo un effetto positivo e statisticamente significativo di un basso onere di compliance sulla produttività delle piccole e delle giovani imprese. Il documento del Fondo suggerisce un modo alternativo e altrettanto importante per sostenere le piccole e le giovani imprese, vale a dire migliorare quegli aspetti dell'amministrazione fiscale che riducono i costi di compliance fiscale implementando le informazioni dei contribuenti e rafforzando la trasparenza da parte delle autorità fiscali. Sebbene queste misure non siano specificamente destinate alle piccole imprese, possono essere particolarmente vantaggiose per le piccole imprese con un fatturato relativamente basso e con un profitto limitato per coprire i costi di tax compliance, dato che presentano una componente di costo fisso significativo. 

 
Claudia Scardino
pubblicato Venerdì 19 Maggio 2017

I più letti

immagine con una freccia che indica la via in mezzo a un groviglio di strade
Il "principio di derivazione rafforzata" è stato esteso ai soggetti, diversi dalle micro imprese, che redigono il bilancio in conformità alle nuove disposizioni del codice civile
Il risultato della sommatoria dei differenziali positivi e negativi derivanti dalla cessione di tali strumenti va assoggettato, se positivo, a un’imposta sostituiva del 26 per cento
testo alternativo per immagine
Possono ottenere il riconoscimento del maggior valore fiscale anche le partecipazioni in società controllate o collegate che costituiscono immobilizzazioni finanziarie
È il contribuente che deve dimostrare – analiticamente e non genericamente – che le movimentazioni bancarie non si riferiscono a operazioni imponibili
soldi cinesi
L’atto, anche se controfirmato da un pubblico ufficiale, non giustifica la movimentazione bancaria e la legalizzazione del Consolato nulla aggiunge al suo valore probatorio
immagine con una freccia che indica la via in mezzo a un groviglio di strade
Il "principio di derivazione rafforzata" è stato esteso ai soggetti, diversi dalle micro imprese, che redigono il bilancio in conformità alle nuove disposizioni del codice civile
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
Con una circolare, l’Agenzia delle Entrate illustra dettagliatamente la disciplina di riforma introdotta dal decreto legislativo 158/2015 in attuazione della legge di delega fiscale
Titoli
Negli ultimi anni, la disciplina di tali strumenti, grazie al progressivo incremento del livello di tassazione dei redditi di natura finanziaria, è stata notevolmente semplificata
Il risultato della sommatoria dei differenziali positivi e negativi derivanti dalla cessione di tali strumenti va assoggettato, se positivo, a un’imposta sostituiva del 26 per cento
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine della facciata di palazzo Chigi
Dal regime di tassazione delle locazioni brevi alla definizione delle liti pendenti: sono numerose e significative le disposizioni tributarie contenute nella manovra correttiva
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino