Dal mondo
Fumo: in salita i prezzi
di “bionde” elvetiche e tedesche
Solida la dichiarazione d'intenti sul Fisco tra Svizzera e Germania. Simili i provvedimenti adottati per il tabacco
sigarette

Il consiglio federale svizzero ha preso importanti decisioni in materia di vendita di tabacchi. Dal 1° ottobre è aumentata l'aliquota dell'imposta sulla vendita di sigarette mentre dal 1° gennaio 2011 il prezzo di ogni pacchetto aumenterà di venti centesimi. La previsione è di incassare ogni anno circa cinquanta milioni di franchi in più.

Dal fisco alla salute tutte le ragioni di una scelta
Il provvedimento, anche se può sembrare drastico, estemporaneo e dovuto a una momentanea cattiva congiuntura, rientra invece in una politica governativa molto attenta ed efficace sia dal punto di vista fiscale che sanitario. Si tratta del risultato di una vigilanza attenta da parte delle autorità governative nei riguardi del controllo dei prezzi delle sigarette nei Paesi limitrofi, del consumo interno, del contrabbando, delle vendite nel traffico turistico e di confine.
Fabbricanti e importatori di tabacco avranno tre mesi di tempo per adeguarsi ai nuovi criteri che apporteranno comunque un moderato contributo allo sgravio di bilancio della Confederazione elvetica.

Una decisione condivisa
Sicuramente a favore dell'aumento si è dichiarata l'Associazione elvetica per la prevenzione del tabagismo, sorretta dalla Convenzione quadro sul controllo dei tabacchi dell'Organizzazione mondiale della sanità che, peraltro, aveva lamentato scarsi risultati nella diminuzione dei consumi di tabacco a fronte di un aumento, nel 2008 e nel 2009, dell'imposta e dei prezzi.
La decisione governativa è corroborata anche dal fatto che la Svizzera, messa a confronto con i tempi di lavorazione del tabacco e della confezione dei pacchetti di sigarette, è il Paese che ha i prezzi più bassi al consumo di tutta l'Europa.

La Germania seconda in ordine di tempo
Anche il governo tedesco ha deciso l'aumento del pacchetto di sigarette tra gli otto e i quattordici centesimi all'anno per i prossimi cinque anni. La decisione è stata assunta dopo le proteste della Confindustria a seguito dell'introduzione della cosiddetta tassa ecologica. Il governo è dovuto intervenire per la segnalazione fondata da parte degli industriali di rischio di ''fuga della produzione'' e conseguente perdita di posti di lavoro. La nuova tassa sul fumo servirà quindi a bilanciare i minori introiti dovuti alla diminuzione del gettito da fumi industriali. Il ministro delle finanze ribadisce peraltro che un aumento delle tasse in congiuntura positiva, annuncia sgravi fiscali futuri e avvicina all'obiettivo dichiarato di far presentare la dichiarazione dei redditi ogni due anni.
Si segnala l'ovvio disappunto dei fumatori ma anche dei non fumatori: il fumo delle sigarette inquina meno delle ciminiere.

Giappone: aumento del 40% dei prezzi delle bionde
Dal 1° ottobre una misura analoga per far smettere di fumare è stata adottata anche dal Giappone dove il prezzo di un pacchetto delle principali marche di sigarette, per effetto di una nuova tassa, è aumentato del 40% da 300 a 410 yen. Il governo punta ad aumentare ulteriormente il prezzo di un pacchetto di 20 bionde a 700 yen, analogamente a quanto avvenuto in alcuni Stati europei come Svizzera, Germania e negli Stati Uniti. 
 

Silvano Forte
pubblicato Lunedì 8 Novembre 2010

I più letti

postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
La “scissione dei pagamenti” aveva determinato problemi di liquidità, solo in parte attenuati dalla possibilità di chiedere il rimborso dell’eccedenza Iva in via prioritaria
Per escludere ogni profilo di negligenza, bisogna provare di aver controllato l’operato del consulente o di essere stato vittima di un comportamento fraudolento da parte sua
Con il primo dovranno riversare all’erario le somme riscosse per l’abbonamento alla televisione, con il secondo potranno recuperare gli eventuali rimborsi effettuati ai clienti
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Corretto considerarla “plusvalenza” e legittimo, quindi, l’avviso di accertamento dell’ufficio. Né è annullabile la sentenza d’appello perché “fotocopia” di quella della commissione provinciale
La “scissione dei pagamenti” aveva determinato problemi di liquidità, solo in parte attenuati dalla possibilità di chiedere il rimborso dell’eccedenza Iva in via prioritaria
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma