Dal mondo
Gafi, un italiano alla presidenza
del Gruppo per il 2011-2012
Giancarlo Del Bufalo dal 1° luglio è il nuovo responsabile designato del Gruppo d'azione finanziaria internazionale
logo gafi

Ad annunciarlo una nota del ministero dell'Economia e delle Finanze diramata oggi. Dopo aver ricoperto importanti incarichi  presso il ministero dell'Economia e delle Finanze come direttore generale del dipartimento del Tesoro, responsabile della direzione Affari finanziari internazionali, del dipartimento Affari generali, personale e amministrazione, membro permanente dell'Ocse e Segretario generale del Comitato per l'introduzione della moneta unica europea in Italia, Giancarlo Del Bufalo approda alla nuova struttura a cui è demandata l'elaborazione di strategie di lotta al riciclaggio dei capitali di origine illecita. Dal 2001 è stato attribuito al Gafi anche un ruolo di prevenzione del finanziamento al terrorismo e dal 2008 di contrasto al finanziamento della proliferazione di armi di distruzione di massa. La nomina di Del Bufalo segue, in ordine cronologico, quella del messicano Luis Urrutia Corral a cui subentra per il periodo 2011-2012 nella guida del Gafi e sarà ufficializzata oggi durante la sessione plenaria del Gafi-Fatf in corso a Città del Messico.
 

Gli obiettivi della nuova presidenza italiana
Consolidare il ruolo e le attività intraprese dal Gruppo d'Azione finanziaria internazionale. È l'ambizioso obiettivo della presidenza italiana che, sul solco di quanto già fatto da quella messicana, continuerà nell'opera intrapresa negli ultimi anni. In particolare identificare i Paesi che denotano carenze strategiche nel contrasto al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, operare affinchè adeguino i sistemi agli standard internazionali, approfondire l'analisi di nuovi metodi e tecnologie di utilizzo del sistema finanziario per fini illegali. In questo contesto fondamentale sarà il dialogo con i gruppi regionali costituiti sul modello del Gafi (come Moneyval per i paesi aderenti al Consiglio d'Europa).
 

Il terrorismo: lotta al riciclaggio e al finanziamento
Gli obiettivi della presidenza italiana sono in linea anche con la responsabilità di guidare la struttura nel processo di revisione degli standard internazionali contro il riciclaggio e il finanziamento al terrorismo. In particolare nel contrasto al finanziamento della proliferazione di armi di distruzione di massa, nella lotta alla corruzione, nella maggiore trasparenza nel settore finanziario. Il tutto in vista dell'avvio del quarto "Round of Mutual Evaluations" dei Paesi membri e non membri del Gafi.
 

Gli strumenti operativi del Gruppo
Sono 49 le raccomandazioni elaborate dal Gruppo che definiscono, nel dettaglio, le misure da adottare per consentire agli Stati interessati di combattere con efficacia il riciclaggio di capitali e il finanziamento del terrorismo. Pur non essendo obbligatorie dal punto di vista giuridico (soft law), le raccomandazioni hanno avuto rilievo sul piano internazionale. Dal 2008 al Gafi, già competente in materia di lotta al riciclaggio dei capitali di origine illecita e di prevenzione del finanziamento al terrorismo, è stato attribuito un nuovo incarico che riguarda il contrasto al finanziamento della proliferazione di armi di distruzione di massa.

Un po' di storia
Il Gruppo d'Azione Finanziaria Internazionale (Gafi) o Financial Action Task Force (Fatf), costituito nel 1989 in occasione del G7 di Parigi, è un organismo intergovernativo di cui fanno parte 35 membri in rappresentanza di Stati e organizzazioni regionali che corrispondono ai principali centri finanziari internazionali, organismi finanziari internazionali e del settore come Fmi, Banca Mondiale, Banca centrale europea, Nazioni Unite, Europol, Egmont.

 

Gianluca Di Muro
pubblicato Venerdì 24 Giugno 2011

I più letti

Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
Le disposizioni di riferimento del Tuir per i proventi “paradisiaci” sono, per quanto concerne i primi, l’articolo 47, comma 4 e, per quanto concerne i secondi, l’articolo 68, comma 4
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino