Dal mondo
Ghana, il rilancio del Paese
passa per la riforma del Fisco
Ai blocchi di partenza un'unica Autorità che riunisce, integrandone le funzioni, tre diverse Agenzie
mappa ghana

Il Fisco ghanese cambia volto in nome della modernizzazione. Dopo l'approvazione del Ghana revenue authority act nel 2009, un'Agenzia delle Entrate nuova di zecca inizia a muovere in Ghana i primi passi sulla via del rinnovamento, riunendo e integrando le funzioni delle tre diverse agenzie che fino a poco tempo fa hanno operato in campo fiscale nel Paese africano, l'Internal revenue service (Irs), il Value added tax (Vat) e il Customs excise and Preventive service (Ceps).

Trinità addio, il Fisco ghanese diventa uno
Queste amministrazioni, impegnate rispettivamente sui fronti della gestione dei tributi nazionali, dell'Iva e delle transazioni doganali, si uniscono per dar vita a una sola grande Autorità fiscale guidata da un unico commissario generale.
L'obiettivo è sottoporre a revisione procedure e linee d'azione per migliorare l'efficienza del sistema fiscale, tagliando drasticamente duplicazioni e lungaggini che dilatano i tempi di risposta degli uffici e inceppano la macchina burocratica.
Un traguardo di lungo periodo che è stato descritto nei suoi tratti essenziali dal viceministro per la Programmazione economica e finanziaria, Seth Tekper, nel corso di una giornata dedicata alla gestione del personale delle Agenzie fiscali.
Stando alle sue parole, la nuova Ghana Revenue Athority - che diventerà pienamente operativa nei prossimi 24 mesi - avrà il compito di ridurre i costi amministrativi e della compliance fiscale, di aumentare la produttività e di offrire servizi migliori ai contribuenti. In quest'ottica, acquistano un ruolo di primo piano, da un lato, l'informatizzazione degli uffici, con la trasformazione dei sistemi manuali, basati sulla carta, in piattaforme digitali, dall'altro l'incentivazione dei dipendenti, chiamati a giocare una parte importante nel processo di riorganizzazione.

I pilastri della riforma
Uno dei punti cardine di questa strategia di rinnovamento è, per esempio, l'elaborazione di campagne educative nazionali sulla legalità fiscale per diffondere nel Paese la consapevolezza che pagare le tasse è indispensabile per assicurare servizi pubblici essenziali come la scuola e la sanità.
Un piano ambizioso che si inserisce all'interno di una più ampia road map in cinque mosse, dal fondamentale programma di integrazione degli enti che a vario titolo si occupano di Fisco alla riqualificazione delle risorse umane, passando per la creazione di un'infrastruttura informatica adeguata e al passo coi tempi.
In questa prospettiva, inoltre, non possono non assumere un'importanza centrale la semplificazione e la codificazione delle norme fiscali, la segmentazione della massa dei contribuenti in tre macro categorie - piccoli, medi e grandi - e la revisione delle politiche di comunicazione. 

Nuove chance dal petrolio
Stando alle previsioni più ottimistiche, il progetto di portare le tre Agenzie sotto lo stesso ombrello è un primo step imprescindibile per mettere il Paese sulla strada dell'equilibrio fiscale. Da questo punto di vista, non stupisce che il governo dello Stato dell'Africa occidentale, secondo quanto riporta il notiziario online www.ghanabusinessnews.com, abbia proposto di assegnare alla neonata Ghana Revenue Authority la raccolta delle tasse sui profitti legati al petrolio. Infatti, la riorganizzazione dell'Amministrazione fiscale ghanese potrebbe ricevere un impulso significativo dalla produzione petrolifera in programma per l'ultimo trimestre dell'anno.

 

Laura Mingioni
pubblicato Lunedì 26 Aprile 2010

I più letti

testo alternativo per immagine
Confermati il recupero, fino a un massimo di 300 euro per veicolo, dei contributi versati al Ssn e la deducibilità forfetaria delle spese di trasporto personali non documentate
unico
L’appuntamento riguarda tutti i contribuenti “interessati” dagli studi di settore che hanno usufruito del posticipo della scadenza ordinaria di pagamento fissata per lo scorso 16 giugno
dichiarazione dei redditi
Gli intermediari che hanno già inviato almeno l’80% dei modelli possono usufruire della proroga dal 7 al 23 luglio, per la presentazione delle ultime dichiarazioni loro affidate
moneta spezzata
Solo per il primo periodo di applicazione, quello in corso al 31 dicembre 2015, opera una limitazione al 75%, con rinvio dell’eccedenza (il rimanente 25%) alle annualità successive
Con la Finanziaria del 2008, infatti, sono state estese ai reati tributari le disposizioni che prevedono la confisca per equivalente nei delitti contro la Pubblica amministrazione
pagamento
È legittimo il sequestro dei beni del professionista che concorre con il contribuente nella commissione dell’illecito e non si attiva, nel tempo, a ripristinare la legalità
moneta spezzata
Solo per il primo periodo di applicazione, quello in corso al 31 dicembre 2015, opera una limitazione al 75%, con rinvio dell’eccedenza (il rimanente 25%) alle annualità successive
dichiarazione dei redditi
Gli intermediari che hanno già inviato almeno l’80% dei modelli possono usufruire della proroga dal 7 al 23 luglio, per la presentazione delle ultime dichiarazioni loro affidate
testo alternativo per immagine
Confermati il recupero, fino a un massimo di 300 euro per veicolo, dei contributi versati al Ssn e la deducibilità forfetaria delle spese di trasporto personali non documentate
calcolo
Avvenuta la consegna dell’avviso, va soltanto notificata la relativa cartella di pagamento per la fase della riscossione coattiva entro il termine prescrizionale decennale
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
un sacco pieno di soldi
In caso di omessi versamenti, il dies a quo per regolarizzare decorre dal momento di commissione della violazione, anche in relazione ai tributi risultanti dalla dichiarazione
Dogana con la Svizzera
La corretta collocazione nei modelli del regime che consente agli acquirenti stranieri di non pagare l’imposta sul valore aggiunto relativa a beni comprati in Italia