Dal mondo
Giappone: riforme e fiscalità
le priorità indicate per il 2017
Il programma annunciato dal responsabile del dicastero Finanze corrisponde al piano di dicembre 2016
parlamento giapponese
Imprimere un nuovo slancio alle politiche fiscali, con una particolare attenzione alle riforme strutturali e alle dinamiche dell'economia nipponica. Sono queste le priorità indicate dal ministro delle Finanze giapponese, Taro Aso, nel discorso tenuto recentemente alla Dieta del Sol Levante. Secondo l’esponente dell’esecutivo i primi anni di Abenomics hanno ottenuto segnali di positivi sul fronte del reddito e dell’occupazione. I buoni dati sulla disoccupazione registrati a gennaio (3%, il tasso minimo degli ultimi 20 anni) confermano questa valutazione. Ora occorre accelerare sulla strada già intrapresa. L’idea di fondo è quella di promuovere un’idea di società che in cui tutti i cittadini siano tutti inclusi nel processo di creazione della ricchezza. A quattro anni dal suo avvio, la politica economica di Abe mostra però un bilancio controverso, ai buoni risultati in materia di occupazione corrispondono un debito pubblico da record mondiale (10.557 miliardi di dollari per il Fondo monetario internazionale) e una crescita dell'economia ancora abbastanza lenta (2,2% nel 2016).

Abbiamo un piano! – Punto di riferimento programmatico del governo giapponese è il “Piano per il progresso economico e la rivitalizzazione del fisco” del 2016, una vera e propria roadmap con la prospettiva di raggiungere il surplus nei conti pubblici a partire dal 2020. Obiettivo che l'esecutivo giapponese considera raggiungibile, considerate la crescita delle entrate registrata con la applicazione della Abenomics e la diminuzione della spesa in sussidi di disoccupazione. Il concetto che sottolineano ripetutamente i documenti elaborati dal governo giapponese è solo apparentemente banale: senza il rilancio dell'economia non può essere raggiunto il consolidamento fiscale. Per raggiungere l'equilibrio di bilancio nel 2020, stima il governo, il prodotto interno lordo del Giappone deve raggiungere la quota di 600mila miliardi di yen all'anno.
 
2017, le entrate e la riforma fiscale – Per quanto riguarda l'anno in corso, il ministro Aso stima, approssimativamente, le entrate del Giappone in circa 63mila miliardi di yen (di cui 58 miliardi di entrate fiscali). Dal punto di vista dell'attuazione della riforma fiscale, sono previste modifiche alle detrazioni per il coniuge in modo da consentire una migliore organizzazione dell'orario di lavoro. Priorità anche all'espansione del settore della ricerca e sviluppo, con l'introduzione di un credito di imposta progettato per favorire la crescita dei salari degli addetti del settore e quindi la crescita dell'economia nel suo complesso. In programma buste paga più pesanti anche per i lavoratori dell’infanzia, importantissimi per favorire l’inserimento delle donne nel mercato del lavoro. Sono in vista, fra l’altro, novità anche per la tassazione degli alcolici, con la redistribuzione del carico fiscale fra i diversi liquori. Fuori dall'agenda fiscale 2017 l'aumento dell'Iva dall'8 al 10%, che lo scorso anno è stato rimandato al 2019, nonostante le ramanzine del Fondo monetario internazionale.
 
La maggioranza di governo – Il programma presentato alla Dieta giapponese dal Ministro Aso corrisponde, quasi punto per punto, alla riforma fiscale presentata lo scorso dicembre alla stampa dalle due formazioni che reggono la maggioranza: i liberaldemocratici e il partito di ispirazione neobuddista Komeito. L'esperienza di Governo del premier Shinzo Abe è ormai una delle più lunghe dell'intera storia del Giappone democratico e potrebbe diventare la più duratura in assoluto se arrivasse sino al 2020, anno delle Olimpiadi a Tokyo.
 
Fabrizio Ortu
pubblicato Giovedì 16 Marzo 2017

I più letti

Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Con un’integrazione al provvedimento sull’obbligo di rendicontazione dei gruppi societari multinazionali, pubblicato lo scorso 28 novembre, arrivano i chiarimenti sul primo appuntamento
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino