Dal mondo
Nel 2018, il Fisco globale cambia.
Servizi sempre più Smart&Digital
Il processo di informatizzazione e l’introduzione di nuove tecnologie semplificano gli adempimenti e i pagamenti
world bank

L’istantanea 2018 che il WBG scatta sull’evoluzione attuale del fisco globale sottolinea, in modo piuttosto inequivocabile, la centralità strategica d’una tendenza già avviata a inizio millennio e che riflette il focus e gli sforzi continui da parte di molti Governi, e delle rispettive Amministrazioni finanziarie, nello sviluppo di sistemi efficienti e ad alto contenuto tecnologico sia per la riscossione delle imposte sia riguardo la facilitazione nell’adempiere gli obblighi fiscali e nell’effettuazione dei pagamenti richiesti da parte dei contribuenti.
 

Tempi ridotti e migliori pagamenti
L’introduzione delle nuove tecnologie nella ridefinizione della relazione tra fisco e contribuenti cosa comporta? Per gli esperti che per conto del Gruppo della Banca Mondiale si sono occupati di condurre l’outlook 2018 doing-business, le positività della digitalizzazione e della maggiore interazione e immediatezza che essa determina con i contribuenti producono risultati significativi. In particolare, il tempo dedicato agli adempimenti tende a ridursi e, al contempo, anche i versamenti da effettuare si riducono in quanto si concentrano. Non è quindi un caso secondo gli autori del Rapporto che, proprio in correlazione con il diffondersi del fattore tecnologico in ambito fiscale la tempistica degli adempimenti sia globalmente scesa, in media, a 240 ore, 5 in meno rispetto allo scorso anno, e ben 54 in meno rispetto al decennio passato. Al medesimo tempo, si riduce anche il numero die pagamenti, 24 in media rispetto ai 25 dell’edizione 2017. Ebbene, queste riduzioni, nei tempi e negli esborsi, sono in gran parte determinate dall'aumento nell’uso di tecnologie sempre più innovative sia dai contribuenti che dalle stesse autorità fiscali nazionali. Si tratta, infatti, di nuovi strumenti, procedure o servizi generalmente informatizzati al 100% che migliorano i sistemi online di archiviazione tradizionali e migliorano le modalità dei pagamenti.

 

31 Paesi Ocse e ora anche la Cina guardano con convinzione al fisco online
L’innovazione e la modernizzazione in chiave digitale delle Amministrazioni finanziarie è piuttosto evidente in Europa e in Nord-America. Non è quindi un caso se i Paesi membri dell’Ocse e dell’Unione europea risaltino rispetto ad altre regioni o Paesi nello sviluppo e nell’uso dell’online, delle app del fisco, dell’Intelligenza Artificiale, della Robotica e quant’altro. Più indietro le realtà africane e asiatiche, anche se i segnali d’un netto risveglio sono oramai evidenti anche i Paesi come la Namibia, il Kenya, il Sud Africa e, sorpresa, le Seychelles. Ma il salto maggiore è stato compiuto nel triennio passato dai Paesi cosiddetti emergenti, in particolare Cina e India. La prima ha avviato un restyling completo sia delle procedure impiegate dal fisco sia nei sistemi di archiviazione documentale e per quanto attiene alle modalità di controllo e verifica dei contribuenti. In altre parole, il data-mining e l’online parlano anche cinese. Un balzo in avanti se si pensa che fino a dieci anni or sono erano la carta e gli uffici delle imposte gli unici strumenti che avvicinavano fisco e contribuenti, 350milioni di contribuenti. Lo stesso vale per l’India, dove però, è corretto riconoscerlo, la corsa al fisco digitale è iniziata prima e, ad oggi, ha raggiunto risultati che la mettono, in molti campi, al pari delle economie più avanzate.

 

Anche la tecnologia porta con se dei dubbi
L'introduzione di nuovi sistemi digitali e di nuove tasse potrebbero tuttavia condurre in futuro ad un aumento nel tempo impiegato per adempiere, almeno inizialmente. In pratica, è uno sforzo transitorio che va sempre considerato in quanto necessario perché contribuenti e autorità fiscali familiarizzino con i nuovi processi e requisiti introdotti tramite strumenti tecnologici ottimizzati.

 

 

Stefano Latini
pubblicato Lunedì 12 Febbraio 2018

I più letti

L’Agenzia delle entrate illustra come utilizzerà le informazioni relative agli utenti, comprese quelle fornite per registrarsi al servizio di newsletter della rivista online FiscoOggi
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
immagine di un cronometro su un calendario
È possibile suddividere il pagamento con F24 fino a un massimo di 24 rate mensili di pari importo (senza applicazione di sanzioni e interessi) a decorrere dalla stessa data
Circa 60mila, tra vecchi e nuovi iscritti, gli aspiranti destinatari di una quota dell’Irpef. Prossima tappa, per i neocandidati, la presentazione della dichiarazione sostitutiva
I nuovi servizi del software Otello 2.0 sono disponibili a partire già da oggi. Per accreditarsi alla piattaforma gli utenti dovranno utilizzare i sistemi nazionali di identità digitale
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Sono stati pubblicati sul sito dell’Agenzia delle entrate i programmi che consentono la compilazione e il controllo delle comunicazioni; prossimo appuntamento il 31 maggio
I nuovi servizi del software Otello 2.0 sono disponibili a partire già da oggi. Per accreditarsi alla piattaforma gli utenti dovranno utilizzare i sistemi nazionali di identità digitale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
Previsti tre diversi metodi di determinazione della base imponibile a seconda della natura dei beni rivenduti, delle modalità di esercizio dell’attività e dei soggetti rivenditori
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino