Dal mondo
Repubblica ceca: con l'austerity
deciso l’aumento delle imposte
Il governo alla prova del pacchetto rigore che prevede incrementi fiscali e contenimento della spesa pubblica
la sede del governo della repubblica ceca
Approvato dal Gabinetto del governo della Repubblica Ceca un pacchetto di misure di austerità per mantenere il deficit di bilancio sotto il 3% del Pil per il 2013 e 2014 che include un aumento delle tasse e l’abolizione di tre ministeri.
 
Dall’aumento dell’Iva all’imposta di solidarietà
Il pacchetto di austerity prevede l'aumento di un punto percentuale delle due aliquote Iva, portate rispettivamente al 21% e al 15% a partire dal prossimo anno, e l’introduzione di un’imposta di solidarietà, pari al 7%, sui redditi superiori a 100mila corone lorde al mese.
Altre misure fiscali incluse nel pacchetto sono: l’introduzione di una tassa del 35% sui pagamenti dei residenti in giurisdizioni con cui la Repubblica Ceca non ha concluso un accordo per lo scambio di informazioni e l’aumento dell’aliquota Iva applicabile agli alimenti e alle medicine dell’1%, dal 14% al 15%, a partire dal 1° gennaio 2013.
Inoltre è stata aumentata l’aliquota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche dal 15% al 20% a partire dal 1° gennaio 2014 ma nella base imponibile non saranno inclusi i contributi di sicurezza sociale. Anche l’aliquota dell’imposta sul trasferimento di proprietà sarà aumentata dal 3% al 4% a partire dal 1° gennaio 2013.
L’obiettivo generale del pacchetto è adottare misure volte a stabilizzare  le finanze pubbliche e a favorire un ritorno al pareggio di bilancio nel 2016.
 
Entrate tributarie in aumento
Dai recenti dati dell’Amministrazione finanziaria ceca, nel 2010 le entrate fiscali raccolte dall’imposta sul reddito di entità societarie hanno registrato un lieve  incremento. Infatti si sono attestate sui 114.746 miliardi di corone ceche, risultato superiore di 4.203 miliardi rispetto al 2009. Sempre nello stesso anno anche il recupero delle tasse derivanti dal reddito di lavoro delle persone fisiche è leggermente aumentato: ha infatti raggiunto i 111.842 miliardi di corone ceche, che significa un aumento di 0,8 miliardi rispetto al 2009. Registrato poi un aumento delle tasse connesse alle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche, dai 5.565 miliardi del 2009 ai 7.987 miliardi di corone ceche del 2010.
Per quanto riguarda l’Iva, le entrate totali registrate nel 2010 sono state di 269.582 miliardi di corone ceche.
Claudia Scardino
pubblicato Lunedì 30 Aprile 2012

I più letti

Un decreto del ministero dell’Economia ritocca il catalogo delle giurisdizioni estere interessate alle procedure internazionali di collaborazione in materia di conti finanziari
immagine di due faldoni di documenti in un'aula di tribunale
La Consulta ha respinto le censure di incostituzionalità sollevate nei confronti della disposizione che, nel secondo grado di giudizio, ne consente la produzione senza limiti
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino