Dal mondo
Ucraina: sui beneficial owner
sì alle informazioni condivise
Firmato un memorandum di intesa con la Transparency International e il consorzio “Open Ownership”
ucraina_cartina
L’Ucraina ha accettato di condividere dati su chi ultimamente possiede e controlla le imprese ucraine: ha compiuto, quindi, un passo avanti nella lotta contro il segreto aziendale e la corruzione.
Le autorità ucraine hanno firmato un memorandum di intesa con la Transparency International ed il consorzio “Open Ownership” per partecipare alla creazione di un registro globale dei proprietari effettivi delle società (“Beneficial owners”). Nell’ambito di questa cooperazione, l’Ucraina è uno dei primi Paesi europei che intende condividere con il Global Register le informazioni sui beneficial owner di società ucraine dal registro delle imprese ucraino.

Gli effetti dell'accordo
I dati nazionali sui beneficial owners dell’Ucraina saranno ora automaticamente collegati ai dati provenienti da altri Paesi e messi a disposizione del pubblico mondiale gratuitamente.
Un proprietario effettivo è la persona reale che, in ultima analisi, possiede, controlla o beneficia di un fondo di società o di trust e del reddito che genera.
Dare visibilità a chi ha veramente le imprese è una difesa fondamentale per arrestare la corruzione. Queste informazioni aiutano a impedire che i corrotti nascondano i guadagni dietro i segreti aziendali e che possano tracciare i flussi di fondi illeciti oltre i confini.
 
Come funziona il consorzio
Il consorzio “Open Ownership” raccoglie tutte le informazioni pubbliche disponibili in una piattaforma centrale. Questo è il primo registro pubblico di beneficenza globale e globale, che rende più facile comprendere le catene di proprietà aziendali collegando i punti tra le persone e le imprese in tutta la giurisdizione.
Il consorzio è un’iniziativa globale della società civile finanziata dall’associazione Uk Aid che collega i dati provenienti da registri aziendali e da altre fonti per creare un’unica fonte accessibile di Informazioni sui proprietari effettivi a livello mondiale. Open Ownership sta già lavorando a stretto contatto con i governi, le imprese e le organizzazioni della società civile per sviluppare uno standard comune di dati che fornisce una base concettuale e un modello tecnico per i governi che vogliono creare i propri registri dei proprietari effettivi.
 
La trasparenza sulla proprietà effettiva a livello globale
Sono in corso alcune azioni a livello mondiale legate alla proprietà anonima di una società. Oltre all’Ucraina, la Norvegia e il Regno Unito hanno utilizzato i propri piani d'azione dell’Open Government Partnership (Ogp) per mettere in atto iniziative sul beneficial ownership. L’Ogp è un’iniziativa internazionale che mira a ottenere impegni concreti dai governi in termini di promozione della trasparenza, di sostegno alla partecipazione civica, di lotta alla corruzione e di diffusione, dentro e fuori le Pubbliche Amministrazioni, di nuove tecnologie a sostegno dell’innovazione.  Danimarca e Slovenia hanno approvato leggi per stabilire registri pubblici mentre simili progetti di legge stanno procedendo attraverso altri parlamenti.
Inoltre, 51 membri dell’iniziativa trasparenza delle industrie estrattive si sono impegnati a  pubblicare i dati sui beneficiari effettivi entro il 2020.  L'anno scorso 21 governi, tra cui Afghanistan, Kenya, Nigeria, Australia, Irlanda e Francia, si sono impegnati a stabilire registri al summit anticorruzione del Regno Unito.
Nella grande maggioranza dei paesi rimane legale per le aziende nascondere l'identità dei loro proprietari effettivi.  Alcune aziende usano società di proprietà anonima per spostarsi, riciclare e spendere soldi sporchi nel sistema finanziario globale senza essere individuate.
 
Claudia Scardino
pubblicato Giovedì 13 Luglio 2017

I più letti

Con un altro provvedimento, anch’esso pronto per la firma, slitta al 31 ottobre il termine per la presentazione della dichiarazioni dei redditi, Irap e dei modelli dei sostituti, i 770/2017
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Secondo l’Agenzia delle Entrate, nella fattispecie non sussistono i presupposti per l’applicazione della disciplina dell’articolo 10-bis dello Statuto dei diritti del contribuente
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dopo aver ribadito i requisiti previsti dal Tuir per la deducibilità dei costi, l’Agenzia delle Entrate mette in chiaro le modalità per la loro conservazione dematerializzata
Con un altro provvedimento, anch’esso pronto per la firma, slitta al 31 ottobre il termine per la presentazione della dichiarazioni dei redditi, Irap e dei modelli dei sostituti, i 770/2017
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino