Dal mondo
Ucraina: sui beneficial owner
sì alle informazioni condivise
Firmato un memorandum di intesa con la Transparency International e il consorzio “Open Ownership”
ucraina_cartina
L’Ucraina ha accettato di condividere dati su chi ultimamente possiede e controlla le imprese ucraine: ha compiuto, quindi, un passo avanti nella lotta contro il segreto aziendale e la corruzione.
Le autorità ucraine hanno firmato un memorandum di intesa con la Transparency International ed il consorzio “Open Ownership” per partecipare alla creazione di un registro globale dei proprietari effettivi delle società (“Beneficial owners”). Nell’ambito di questa cooperazione, l’Ucraina è uno dei primi Paesi europei che intende condividere con il Global Register le informazioni sui beneficial owner di società ucraine dal registro delle imprese ucraino.

Gli effetti dell'accordo
I dati nazionali sui beneficial owners dell’Ucraina saranno ora automaticamente collegati ai dati provenienti da altri Paesi e messi a disposizione del pubblico mondiale gratuitamente.
Un proprietario effettivo è la persona reale che, in ultima analisi, possiede, controlla o beneficia di un fondo di società o di trust e del reddito che genera.
Dare visibilità a chi ha veramente le imprese è una difesa fondamentale per arrestare la corruzione. Queste informazioni aiutano a impedire che i corrotti nascondano i guadagni dietro i segreti aziendali e che possano tracciare i flussi di fondi illeciti oltre i confini.
 
Come funziona il consorzio
Il consorzio “Open Ownership” raccoglie tutte le informazioni pubbliche disponibili in una piattaforma centrale. Questo è il primo registro pubblico di beneficenza globale e globale, che rende più facile comprendere le catene di proprietà aziendali collegando i punti tra le persone e le imprese in tutta la giurisdizione.
Il consorzio è un’iniziativa globale della società civile finanziata dall’associazione Uk Aid che collega i dati provenienti da registri aziendali e da altre fonti per creare un’unica fonte accessibile di Informazioni sui proprietari effettivi a livello mondiale. Open Ownership sta già lavorando a stretto contatto con i governi, le imprese e le organizzazioni della società civile per sviluppare uno standard comune di dati che fornisce una base concettuale e un modello tecnico per i governi che vogliono creare i propri registri dei proprietari effettivi.
 
La trasparenza sulla proprietà effettiva a livello globale
Sono in corso alcune azioni a livello mondiale legate alla proprietà anonima di una società. Oltre all’Ucraina, la Norvegia e il Regno Unito hanno utilizzato i propri piani d'azione dell’Open Government Partnership (Ogp) per mettere in atto iniziative sul beneficial ownership. L’Ogp è un’iniziativa internazionale che mira a ottenere impegni concreti dai governi in termini di promozione della trasparenza, di sostegno alla partecipazione civica, di lotta alla corruzione e di diffusione, dentro e fuori le Pubbliche Amministrazioni, di nuove tecnologie a sostegno dell’innovazione.  Danimarca e Slovenia hanno approvato leggi per stabilire registri pubblici mentre simili progetti di legge stanno procedendo attraverso altri parlamenti.
Inoltre, 51 membri dell’iniziativa trasparenza delle industrie estrattive si sono impegnati a  pubblicare i dati sui beneficiari effettivi entro il 2020.  L'anno scorso 21 governi, tra cui Afghanistan, Kenya, Nigeria, Australia, Irlanda e Francia, si sono impegnati a stabilire registri al summit anticorruzione del Regno Unito.
Nella grande maggioranza dei paesi rimane legale per le aziende nascondere l'identità dei loro proprietari effettivi.  Alcune aziende usano società di proprietà anonima per spostarsi, riciclare e spendere soldi sporchi nel sistema finanziario globale senza essere individuate.
 
Claudia Scardino
pubblicato Giovedì 13 Luglio 2017

I più letti

L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Corte di Giustizia Ue
I giudici europei chiariscono quali sono i limiti che la normativa nazionale può imporre alla rettifica da parte del contribuente della base imponibile Iva in caso di mancato incasso
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il sistema di navigazione dinamico mostra i risultati registrati anno per anno. Nuove informazioni a disposizione del contribuente, per un dialogo all’insegna della trasparenza
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino