Dal mondo
Ue: più di 41 milioni di beni
sequestrati soltanto nel 2016
Lo indica il Rapporto della Commissione sui controlli doganali nell’ambito della lotta alla contraffazione
commissione europea
670 milioni di euro. È il valore dei beni contraffatti bloccati alle frontiere dell’Unione europea nel 2016 secondo il report sulle azioni svolte ai confini dell’Ue per garantire il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale. In base ai dati pubblicati a fine luglio dalla Commissione europea, durante l’anno passato le autorità doganali del Vecchio Continente hanno sequestrato oltre 41 mln prodotti di vario genere. Le sigarette sono la principale categoria di articoli intercettati dalle dogane (24%), seguite dai giocattoli (17%), dai prodotti alimentari (13%) e dal materiale da imballaggio (12%). Il numero di articoli intercettati è aumentato del 2% rispetto al 2015. I prodotti di uso quotidiano potenzialmente pericolosi per la salute e la sicurezza, come cibi e bevande, medicinali, giocattoli ed elettrodomestici, rappresentano oltre un terzo delle merci sequestrate.
 
Il mappamondo dei beni contraffatti
La relazione di Bruxelles si basa sui dati trasmessi dalle Amministrazioni doganali dei vari Stati membri.  In termini assoluti, il principale Paese di provenienza delle merci sospettate di violare un diritto di proprietà intellettuale è la Cina (e non è la prima volta). Il dato è indiscutibile: l'80% degli articoli in questione proviene dalla Repubblica popolare cinese. Se si analizzano le singole categorie di beni, invece, altri Paesi si piazzano sul podio al primo posto. Singapore, ad esempio, è la regina per le bevande alcoliche, l'Iran per gli accessori di abbigliamento, Hong Kong per telefoni cellulari, Cd e Dvd (ma anche pezzi di ricambio per veicoli) e l'India per i medicinali. I casi in cui le autorità doganali hanno individuato beni contraffatti riguardano perlopiù beni di consumo ordinati attraverso canali di commercio elettronico.
Nel 2016, le autorità doganali europee hanno operato complessivamente oltre 63mila confische, per un totale di 41,3 milioni di articoli sequestrati. Il valore della vendita al dettaglio degli articoli confiscati nel complesso supera i 670 milioni di euro. Le procedure di confisca avviate dalle dogane si sono concluse nell'82% dei casi con la distruzione delle merci. Delle decine di milioni di beni controllati, il 77% degli articoli analizzati è stato distrutto o sottoposto a un procedimento di sequestro coattivo.

La difesa delle imprese e dei marchi europei in mano alle Dogane
La lotta al commercio di beni contraffatti è senza dubbio una priorità per Bruxelles, del resto la competitività delle aziende europee dipende dalla capacità della autorità dell’Unione di far rispettare i diritti di proprietà intellettuale. Come sempre dal 2000 a oggi, il lavoro della Commissione è uno strumento prezioso, contenente le informazioni necessarie all'analisi delle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale nell'Ue e allo sviluppo di opportune contromisure da parte delle autorità doganali. Le statistiche dell’indagine, inoltre, forniscono la base di dati che permette all’Ocse di mappare le rotte più battute dai contraffattori.
Secondo studi citati dalla Commissione, l’Ue è particolarmente esposta alle importazioni di prodotti contraffatti. Pierre Moscovici, commissario per gli Affari economici e finanziari, la fiscalità e le dogane, ha sottolineato gli aspetti più rilevanti di questa “esposizione” e il rischio a cui sono esposti gli acquirenti di questi beni. "I prodotti contraffatti”, ha dichiarato il commissario, “costituiscono una minaccia reale per la salute e la sicurezza dei consumatori europei, danneggiano le attività legali e riducono le entrate degli Stati.”
 
Vito Rossi
pubblicato Venerdì 15 Settembre 2017

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Nei confronti di chi versa l’imposta, con riferimento all’anno in cui avviene la cessione del prodotto non si applica la ritenuta del 23% ordinariamente prevista sul 78% dei corrispettivi
Il trasferimento è efficace ai fini fiscali solo in presenza della successiva indicazione in dichiarazione, della conseguente richiesta di rimborso e della notifica dell’atto
Hanno valenza fiscale e previdenziale e possono essere applicate esclusivamente ai settori produttivi indicati nelle tabelle allegate al decreto ministeriale che le ha determinate
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
fatture elettroniche
Per quelle emesse in ciascun trimestre solare, l’imposta deve essere versata entro il giorno 20 del primo mese successivo; l’importo dovuto è reso noto dall’Agenzia delle entrate
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino