Dal mondo
Uk, per i lavoratori dei servizi
un “regalo di Natale” dall’Hmrc
Possono richiederlo tutti i contribuenti che hanno sostenuto delle spese per l’acquisto di beni necessari per la loro attività.
regalo
Milioni di lavoratori del Regno Unito possono ricevere un regalo di Natale dall’Hmrc (Her Majesty's Revenue and Customs), l’amministrazione fiscale britannica. Si tratta per lo più dei dipendenti del settore dei servizi: infermieri, lavoratori dell’edilizia, operatori dell’alimentare e delle vendite al dettaglio possono richiedere un rimborso fiscale e riceverlo direttamente sul conto corrente prima delle prossime festività. Lo ricorda l’Agenzia delle Entrate inglese, che sul proprio sito internet fornisce tutte le informazioni utili per far sì che i cittadini conoscano e sfruttino questa opportunità. Nello specifico, si tratta di uno sgravio per le spese effettuate per l’acquisto di beni e servizi necessari per svolgere la propria attività professionale: costi sostenuti per riparare o sostituire piccoli strumenti di lavoro, per lavare, riparare o sostituire accessori e capi di abbigliamento che fanno parte nell’equipaggiamento. Possono essere fatte valere anche alcune tipologie di spese sostenute in caso di trasferta, così come quelle relative a onorari e abbonamenti.

Non tutte le voci danno però diritto a questo “Christmas present”. Per questo, sul sito dell’Hmrc sono dettagliate le regole per accedere al beneficio ed è anche disponibile un tool che consente di verificare subito se si ha diritto al bonus. Primo, può accedere al rimborso chi acquista di tasca propria strumenti necessari per il lavoro; è poi necessario che questi beni siano destinati a un uso personale. Inoltre, non è possibile chiedere il bonus se la spesa viene interamente rimborsata dal datore di lavoro o se l’azienda mette già a disposizione del lavoratore quel particolare bene, anche se di altra marca o modello. Bisogna infine, naturalmente, aver pagato le imposte durante l’anno. A questo proposito, l’Hmrc precisa che lo sgravio sarà calcolato applicando all’importo speso l’aliquota utilizzata per determinare le imposte.  Per esempio: chi ha speso 60 sterline e paga le tasse con un’aliquota del 20% può chiedere uno sgravio pari a 12 sterline.

La maggior parte delle richieste, fa sapere l’Hmrc, riguardano la riparazione o la sostituzione di strumenti, (come per esempio le forbici o il trapano elettrico), o abbigliamento tecnico da lavoro (tute, camici o equipaggiamento di protezione). È possibile chiedere lo sgravio per l’intera somma spesa - ma in questo caso occorrerà essere in possesso delle ricevute - o in alternativa si può avere diritto a un importo fisso concordato (una sorta di deduzione forfettaria). Anche i veicoli utilizzati rientrano tra le spese agevolabili: è infatti possibile accedere al bonus se si utilizzano auto, furgoni, motociclette o biciclette per motivi di lavoro. In questo caso, è necessario tenere un registro delle date e dei chilometri percorsi e sottrarre le somme eventualmente già rimborsate dall’azienda a copertura dei costi. Dentro anche le spese relative al carburante in caso di viaggi d'affari con l'auto aziendale e quelle sostenute per le trasferte: vitto, alloggio, biglietti del trasporto pubblico, pedaggi autostradali e telefonate di lavoro.

Mel Stride, segretario finanziario del Tesoro ha dichiarato: "Sappiamo quanto uno sgravio fiscale possa fare la differenza per le persone che lavorano duro, specialmente in questo periodo dell’anno. Hmrc desidera assicurarsi che i contribuenti ricevano tutte le agevolazioni cui hanno diritto, utilizzando il servizio online”. Per aiutare i lavoratori a verificare in modo puntuale quali sono le voci di spesa agevolabili l’Amministrazione ha messo online un servizio-guida, il check If You Can Claim tool. Una volta fatto il controllo, il bonus può essere richiesto subito online, ma anche tramite un modello da scaricare e spedire per posta, o infine per telefono, se le spese non superano in totale le mille sterline.
 
Chiara Ciranda
pubblicato Lunedì 24 Dicembre 2018

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Nei confronti di chi versa l’imposta, con riferimento all’anno in cui avviene la cessione del prodotto non si applica la ritenuta del 23% ordinariamente prevista sul 78% dei corrispettivi
Il trasferimento è efficace ai fini fiscali solo in presenza della successiva indicazione in dichiarazione, della conseguente richiesta di rimborso e della notifica dell’atto
Hanno valenza fiscale e previdenziale e possono essere applicate esclusivamente ai settori produttivi indicati nelle tabelle allegate al decreto ministeriale che le ha determinate
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
fatture elettroniche
Per quelle emesse in ciascun trimestre solare, l’imposta deve essere versata entro il giorno 20 del primo mese successivo; l’importo dovuto è reso noto dall’Agenzia delle entrate
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino