Dal mondo
Unione europea: in 8mila fogli
nero su bianco il futuro dell’Iva
La consultazione pubblica della Commissione Ue racchiude le principali proposte di contribuenti e imprese
Unione europea: in 8mila fogli|nero su bianco il futuro dell’Iva
Oltre 1.700 contributi per un totale di circa 8mila pagine che racchiudono il futuro dell’Iva “comunitaria”. Sono questi i risultati della consultazione pubblica lanciata dalla Commissione europea nel dicembre 2010 (e conclusa il 31 maggio scorso) per dare la possibilità ai contribuenti e alle imprese interessati di esprimere le proprie opinioni sul sistema Iva all’interno dell’Unione europea. Sulla base delle proposte, la Commissione elaborerà entro dicembre una Comunicazione da presentare agli organi legislativi dell’Unione. 
 
Obiettivo prioritario: rivedere l’Iva
L’idea della consultazione è nata dall’esigenza di modificare un sistema ormai obsoleto e di renderlo più aderente ai cambiamenti intervenuti negli ultimi decenni, legati soprattutto all’innovazione tecnologica, alla globalizzazione e all’aumento delle dimensioni del settore terziario all’interno dell’economia europea. La revisione dell’imposta sul valore aggiunto rappresenta, infatti, già da tempo uno degli obiettivi prioritari della politica fiscale dell’Unione europea ed è contenuta nell’Atto per il mercato unico, “Insieme per una nuova crescita”, la Comunicazione che la Commissione ha presentato lo scorso aprile al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle Regioni. Il documento propone dodici leve per stimolare la crescita e rafforzare la fiducia e considera la revisione del sistema Iva un passo fondamentale per il rafforzamento del mercato interno. 
 
Dati e punti deboli 
Il gettito proveniente dalla riscossione dell’imposta sul valore aggiunto rappresenta una delle fonti più consistente di entrate fiscali. Secondo statistiche ufficiali, infatti, nel 2008 nell’Ue le entrate derivanti dall’Iva ammontavano a circa 862 miliardi di euro, costituendo circa il 21.4 % del totale e segnando dal 1995 un incremento del 12%. Una quota che, secondo una nota ufficiale dell’Ue, è destinata a crescere. 
Il Libro verde, il documento che sta alla base della consultazione, ha individuato i punti deboli del sistema Iva comunitario. In prima battuta, i costi amministrativi eccessivi per le aziende che svolgono attività transfrontaliera. Costi che rappresentano un fattore di rischio per lo sviluppo del mercato interno perché potenziale ostacolo per le imprese che vogliono espandere la propria attività fuori dai confini nazionali. Altro punto debole, l’esistenza delle cosiddette “frodi carosello”, che sottraggono alle casse dell’Unione parecchi miliardi di euro ogni anno. Su questo fronte già dal 2008 la Commissione ha avviato una strategia coordinata per migliorare la lotta all’evasione e all’elusione, attraverso interventi legislativi in materia e la creazione di Eurofisc, un network che coordina lo scambio di dati Iva fra le Amministrazioni fiscali dei Paesi Ue. 
Su questi temi sono stati chiamati a esprimersi i cittadini dell’Unione (ma sono arrivati contributi anche dalla Svizzera, dal Giappone e dagli Stati Uniti). Il risultato, un pacchetto di proposte che spazia dai meccanismi di detrazione alla semplificazione degli adempimenti, dal mantenimento di aliquote ridotte agli strumenti antifrode, dal miglioramento della riscossione al criterio da adottare in merito alla tassazione di beni e servizi. 
 
Tempo di bilanci, inoltre, anche per un’altra consultazione, “aperta” dal 28 gennaio al 30 aprile 2011, sul tema della tassazione dei dividendi esteri. Anche su questo argomento, la Commissione è impegnata adesso a estrapolare una proposta concreta dalle opinioni giunte da parte degli stakeholder (singoli cittadini, imprese, Stati membri, Amministrazioni fiscali, studi tributari, università, enti governativi e organizzazioni no profit). 
 
Alessandra Gambadoro
pubblicato Giovedì 21 Luglio 2011

I più letti

L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Corte di Giustizia Ue
I giudici europei chiariscono quali sono i limiti che la normativa nazionale può imporre alla rettifica da parte del contribuente della base imponibile Iva in caso di mancato incasso
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il sistema di navigazione dinamico mostra i risultati registrati anno per anno. Nuove informazioni a disposizione del contribuente, per un dialogo all’insegna della trasparenza
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino