Dal mondo
Usa: pronti nuovi servizi fai da te.
Online sono sempre più richiesti
Il piano delle offerte disponibili sul sito dell'Irs per chi è già registrato o lo fa per la prima volta si arricchisce di novità
servizi fiscali_irs
Visualizzare fino a 18 mesi la cronologia dei pagamenti fiscali, gli importi dei versamenti e il saldo per ogni anno, ottenere trascrizioni online di documenti tramite il servizio Get Transcript, fornire opinioni sulle esperienze con l’account online e suggerire miglioramenti del servizio. Sono alcune delle novità annunciate dall’IRS, l’Agenzia americana delle Entrate, nell’ambito del piano di potenziamento dei servizi digitali e annunciate nel corso di una conferenza stampa.
 
Uno strumento che si arricchisce di novità
L'account online, molto simile al cassetto fiscale italiano, consente ai contribuenti individuali di accedere alle informazioni più recenti disponibili sul conto fiscale federale attraverso un metodo sicuro e conveniente attivabile mediante la piattaforma IRS.gov. Da oggi il servizio si arricchisce di nuove funzionalità in linea con il programma deciso dall’Agenzia e finalizzato a migliorare le interazioni dei contribuenti con l'Agenzia americana delle Entrate e aggiungere queste nuove funzionalità all'account online del contribuente.
 
Come funziona il servizio
Per poter usufruire delle varie opzioni è richiesta una registrazione al servizio. Registrarsi è piuttosto semplice e i contribuenti devono avere a disposizione alcune informazioni personali. In particolare un numero di previdenza sociale, informazioni finanziarie specifiche, tra cui un numero di carta di credito, indirizzo email e un telefono cellulare abilitato per i messaggi di testo a nome dell'utente. I contribuenti, prima di accedere al servizio, devono autenticare la proprie identità attraverso un processo rigoroso di verifica. Si tratta di un sistema di autenticazione a due fasi, e, per poter accedere, è necessario possedere le credenziali (nome utente e password) e un codice di sicurezza inviato come testo ai telefoni cellulari.
 
Una maggiore attenzione alla sicurezza e agli accessi
Come parte del processo di sicurezza per l'autenticazione dei contribuenti, l'IRS invierà una serie di codici di verifica, messaggi di posta elettronica e di testo. I messaggi di testo e le email dell’Agenzia contengono esclusivamente codici da utilizzare una sola volta. In ogni caso l’IRS ha già fatto presente ai contribuenti che non inizierà il contatto tramite messaggio di testo o email richiedendo informazioni di accesso o dati personali.
 
La sicurezza prima di tutto
Secondo gli standard dell’Irs, prima di offrire ai contribuenti un conto online, devono essere superati rigorosi controlli di autenticazione. L’obiettivo è proteggere i contribuenti dal furto di identità. La sicurezza, al di là della funzionalità dell’account, rappresenta un requisito prioritario. A ribadirne l’importanza è stato John Koshinen, Commissario responsabile dell’IRS, in occasione di un incontro che si è svolto presso il National Press Club di Washington e la notizia è stata riportata un noto quotidiano nazionale. Intanto l’Agenzia delle Entrate alcune settimane fa ha scoperto una nuova truffa informatica collegata al sistema elettronico di pagamento delle imposte (EFTPS). Secondo quanto indicato dall'IRS, i  truffatori, tramite un sofisticato sistema di simulazione e verifica dell'identità elettronica, avevano formulato la richiesta di un pagamento immediato delle imposte tramite una carta di debito prepagata. Il meccanismo truffaldino è stato segnalato in tutto il Paese e l'Agenzia delle Entrate ha inviato i dettagli delle indagini effettuate alle autorità federali per l’adozione dei provvedimenti del caso.
 
Il sito dell’Irs e l’indice di gradimento
Nel corso dell’incontro Koshinen ha anche citato alcuni numeri. Più dell’87% dei contribuenti americani, di persona o attraverso intermediari, per questa stagione fiscale, ha utilizzato i software informatici offerti dall’Agenzia per preparare le dichiarazioni dei redditi. Per far fronte a questa richiesta, l’Irs si è concentrata sulla opportunità di offrire ai contribuenti una serie di opzioni digitali avanzate disponibili sul sito web. Un sito che, secondo le ultime rilevazioni, ha avuto nel solo mese di aprile più di 25 milioni di pagine visitate e oltre 6 milioni di visitatori unici in un solo giorno. Dalle rilevazioni è emerso anche che, prendendo a riferimento la rilevazione degli ultimi 30 giorni, il sito dell’Irs è stato il più visitato tra i siti di governo e ha attirato più visitatori del servizio meteo nazionale che è quello più seguito.
 
Un servizio inaugurato nel 2016
Lo strumento che oggi si arricchisce di alcune novità è stato inaugurato per la prima volta nel 2016 e consente ai contribuenti di visualizzare il saldo del conto fiscale, che comprende l'importo dovuto per imposta, penalità e interessi. I contribuenti possono inoltre disporre di varie opzioni di pagamento online per il saldo delle imposte dovute. 
 
Gianluca Di Muro
pubblicato Lunedì 11 Settembre 2017

I più letti

Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La scadenza viene ricordata dal dipartimento delle Finanze che fornisce anche indicazioni utili per la corretta determinazione delle aliquote applicabili e degli importi dovuti
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Le dichiarazioni di terzi rese nel corso di attività investigativa e trascritte nel pvc possono essere poste a base di un giudizio presuntivo teso a dimostrare l’evasione fiscale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
La scadenza viene ricordata dal dipartimento delle Finanze che fornisce anche indicazioni utili per la corretta determinazione delle aliquote applicabili e degli importi dovuti
L’esame delle modifiche, entrate in vigore dal 1° luglio 2017, prende avvio dall'estensione del perimetro di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti
Il meccanismo della scissione dei pagamenti viene esteso alle società controllate dalla pubblica amministrazione con l’obiettivo di rafforzare la sua finalità di contrasto all’evasione da riscossione
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino