Dal mondo
Usa: un sistema fiscale ingiusto
per due contribuenti su tre
A indicarlo una indagine statistica e un sondaggio che sono stati condotti entrambi da un noto centro di ricerca
stati uniti_cartina
Una maggioranza fiscalmente “rumorosa” quella statunitense, tutt’altro che “silenziosa”. In pratica, una quota crescente di lavoratori, contribuenti e comuni cittadini americani percepisce oramai stabilmente, in modo radicato, il sistema fiscale federale attualmente in vigore come fondamentalmente ingiusto e regressivo. La ragione principale all’origine di questa larga disaffezione è data dal fatto, acclarato, che non tutti i soggetti passivi, persone fisiche e imprese, paghino la quota dovuta al fisco federale, con ciò violando l’equità alla base del sistema tributario stesso.
 
1 americano su 4 è “disturbato” dal fatto di pagare troppe tasse, mentre 2 americani su 3 lo sono perché le grandi aziende e i ricchi non le pagano affatto, almeno non nella forma e nella proporzione dovuta – Dunque, i cittadini americani, il 62%, sostengono d’essere disturbati "molto" dalla sensazione che alcune aziende, in particolare grandi gruppi e multinazionali, non paghino la loro parte equa delle tasse. A questo malessere, diffuso, il 60% aggiunge una medesima frustrazione, ma rivolta non alle imprese quanto piuttosto ai ricchi che non pagano tasse e imposte dovute. Soltanto il 43% afferma invece di trovare disturbante la complessità estrema del sistema fiscale. Ma il risultato più insolito, e per certi versi spiazzante, dell’indagine statistica e del sondaggio, condotti entrambi Pew Research Center il mese scorso, rivela come soltanto ¼, il 27% per l’esattezza, dei soggetti intervistati si dichiari “disturbato” per l'importo esoso che pagano in tasse e imposte.
 
Il sistema fiscale perfetto? Questione di equità, la complessità e il peso delle imposte si possono tollerare, le diseguaglianze nel trattamento fiscale “no” - In pratica, una maggioranza del 56% descrive il sistema fiscale federale statunitense come non troppo equo, mentre per il 27% è “molto” ingiusto. Il risultato è che soltanto una minoranza lo ritiene “giusto”, anzi, moderatamente equo. Peraltro, l'indagine, ripetuta negli anni, trova pochi cambiamenti nelle percezioni espresse dagli intervistati e nelle opinioni degli individui circa l'equità del proprio onere fiscale. Poco più della metà, il 54%, dice di pagare circa il giusto importo delle tasse, considerando ciò che ricevono dal governo federale, mentre il 40% sostiene di pagare più della loro quota equa. In pratica, solo il 5% dichiara di pagare meno di quello che dovrebbero. Resta inamovibile un punto ben definito e tratteggiato dallo studio: la maggior parte degli americani, a tutti i livelli di reddito, dichiara d’essere “molto disturbato” dalla sensazione che alcune società e persone ricche non paghino affatto la loro parte equa dell'onere fiscale spettante, per legge. Naturalmente, la sensazione che alcune società e persone ricche non stiano pagando la loro parte equa delle tasse è più spesso citato come fattore “fastidioso e frustrante” da contribuenti con redditi familiari generalmente bassi piuttosto che da coloro, una minoranza a dire il vero, con redditi più elevati.
 
La riforma del fisco Usa alla luce del sondaggio – Le rilevazioni contenute nello studio realizzato sul fiscal sentiment dei cittadini statunitensi dal Pew Research Institute pone in risalto una percezione generalmente e, ciò che è peggio, continuativamente nel tempo, “negativa” dell’intero sistema fiscale Usa. Di fatto, ciò spiega il perché gli esperti, i politici e i tecnici incaricati di riscrivere le regole fiscali oggi vigenti negli States abbiano optato per l’acquisizione di tale sentiment come una sorta di bussola capace di orientare scelte future. Comunque, c’è da dire che i tempi della riforma fiscale non saranno affatto brevi né definiti.
 
Stefano Latini
pubblicato Venerdì 11 Agosto 2017

I più letti

Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Con un’integrazione al provvedimento sull’obbligo di rendicontazione dei gruppi societari multinazionali, pubblicato lo scorso 28 novembre, arrivano i chiarimenti sul primo appuntamento
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino