Notizie flash
Australia, in rete la trasparenza.
L’Ato aggiorna i dati sui big payers
Pubblicato il Rapporto sulla trasparenza fiscale societaria del Fisco australiano
Sidney
Dicembre è tempo di trasparenza. Anche quest’anno l'Agenzia delle Entrate australiana (l’Ato, Australian Taxation Office) ha provveduto ad aggiornare le informazioni finanziarie e i dati fiscali delle oltre 2mila grandi aziende operanti nel Paese. Il report pubblicato sul sito dell’Ato è il terzo da quando è diventato obbligatorio per legge e analizza il biennio 2015-2016.
 
Cosa c’è nell’elenco
Una volta all’anno il Fisco australiano rende disponibili, in un comodo file excel, i dati relativi a tutte le imprese con più di 100 milioni di dollari australiani di fatturato. Una volta aperto il report sul proprio computer, il cittadino può vedere con i propri occhi i dati più importanti (quantomeno dal punto di vista fiscale) relativi ai grandi contribuenti del continente australiano. E stabilire da sé (non per forza a ragione) chi è un buon contribuente e chi no.
Nel lungo elenco sono riportati il nome e il numero di Abn (Australian Business Number) di ciascuna società, il reddito complessivo, il reddito imponibile, e l’imposta sul reddito dovuta. I dati contenuti nella relazione derivano dalle dichiarazioni dei redditi presentate entro il primo settembre 2017. Quest’anno le società inserite nella lista toccano quota 2.043.
 
Versamenti spontanei e promozione della compliance
Il dato più significativo, dicono dalle Entrate del Commonwealth dell'Australia, è questo: nell’arco temporale 2015-2016 l’insieme delle imposte dovute dalle società comprese nell’elenco rappresenta il 60% di tutte le imposte sul reddito delle società dovute. Non solo, nel biennio precedente (per il quale i dati sono già definitivi), i grandi gruppi societari hanno pagato spontaneamente il 91% delle imposte dovute, mentre un ulteriore 3% è stato versato in seguito alle attività di promozione della compliance realizzate dall'Ato.

Luci e ombre del rapporto
Contestualmente alla pubblicazione della nuova lista, il Fisco australiano ha voluto precisare alcuni punti per evitare che i professionisti della polemica potessero partire in quarta contro l’operazione.
Punto uno, se alcuni dati sono negativi è, in parte, perché le informazioni pubblicate riflettono lo stato dell'economia del biennio, in cui si è verificato un calo significativo della redditività delle società operanti nel mercato dell’energia e dello sfruttamento delle risorse naturali.
Punto due, dice l’Ato, siamo a conoscenza del fatto che la maggiore criticità dell’operazione trasparenza è sempre la stessa. Quest’anno sono 732 i grandi contribuenti che non verseranno un dollaro alle casse dello Stato, 53 in più rispetto all’elenco dell’anno passato. In pratica, il 35% della platea considerata. Il rapporto sulla trasparenza delle imposte sulle società si porta questo neo sin dall’inizio. E ogni volta l’Ato è costretta a ricordare che le imposte si pagano sugli utili (non sul reddito lordo), e che gli utili sono erosi dalle perdite e dai costi sostenuti dalle società. Sulla pianificazione fiscale delle aziende, insomma, stiamo lavorando. Per i miracoli ci stiamo attrezzando.
 
Vito Rossi
pubblicato Mercoledì 20 Dicembre 2017

I più letti

Affrontate e risolte le problematiche applicative sorte dopo la riduzione del termine di decadenza prevista dal “decreto legge conti pubblici” della scorsa primavera (Dl 50/2017)
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Pubblicati dopo un breve periodo di prova, entrano a pieno titolo nella sezione del sito dell'Agenzia a essi dedicata. A fine mese arriverà il bollino anche per il pacchetto “Redditi”
I “parenti stretti” che coadiuvano nell’attività dell’azienda sono meri collaboratori privi di contitolarità, per cui i loro compensi devono essere qualificati come redditi di puro lavoro
Affrontate e risolte le problematiche applicative sorte dopo la riduzione del termine di decadenza prevista dal “decreto legge conti pubblici” della scorsa primavera (Dl 50/2017)
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
Pubblicati dopo un breve periodo di prova, entrano a pieno titolo nella sezione del sito dell'Agenzia a essi dedicata. A fine mese arriverà il bollino anche per il pacchetto “Redditi”
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
Bonus energetico cedibile anche in caso di lavori sul singolo appartamento. Debutto assoluto della detrazione del 36% per le spese finalizzate a interventi di “sistemazione a verde”
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino