Notizie flash
Bulgaria pronta per aderire
all’Unione Bancaria Europea
Il Paese approva le misure propedeutiche per l’accesso
unione bancaria
Il 22 agosto 2018, il Consiglio dei Ministri bulgaro ha adottato un piano d’azione sulle misure da avviare in relazione all’adesione al Meccanismo di tasso di cambio europeo (ERM II) ed alla partecipazione al meccanismo di vigilanza unico dell’Ue attraverso una stretta collaborazione con la Banca Centrale Europea.
La Bulgaria è il primo Stato membro non appartenente alla zona euro a cercare di aderire all'unione bancaria, che consentirà alla Banca Centrale Europea di monitorare i suoi principali istituti di credito.
Elaborato dal Ministero delle Finanze della Bulgaria, il piano d’azione dovrebbe essere messo in atto a luglio 2019 quando, nel Paese si prevede formalmente una stretta cooperazione con la Banca Centrale Europea e l’adesione al Meccanismo di tasso di cambio europeo. Le misure mirano a rafforzare il quadro normativo sulla vigilanza bancaria, a rafforzare la vigilanza del settore finanziario non bancario (fondi pensione e assicuratori) e a migliorare il quadro di insolvenza.
Il piano d’azione è strutturato attorno ai seguenti ambiti principali: modifiche al quadro giuridico e valutazione della qualità degli attivi del settore bancario prima di aderire al meccanismo di vigilanza unico tramite la stretta collaborazione con la Banca Centrale Europea; emendamenti alla legislazione in vigore (ad esempio la Legge sugli istituti di credito, la Legge della Banca Nazionale Bulgara, eccetera) relativi ai poteri della Banca Centrale Europea da attuare entro il mese di dicembre 2018; revisioni della qualità degli attivi bancari e prove di stress sul settore bancario da eseguire e completare entro luglio 2019. Questo sarà il secondo esame completo della qualità degli attivi in tre anni.

Gli step prima del piano d’azione
Nel marzo 2017 il primo ministro ad interim Ognjan Gerdžikov ha annunciato l'imminente presentazione della domanda formale di adesione agli Accordi europei di cambio. Quest’anno, con il mandato di presidenza dell’Unione, il governo ha deciso di accelerare il passo e di fare domanda di accesso al meccanismo ERM II entro la fine del primo semestre 2018. Il ministro delle finanze bulgaro, insieme al governatore della Banca nazionale, ha inviato una lettera all’Eurogruppo il 29 giugno 2018 per chiedere l'ingresso nel meccanismo ERM II. Il 12 luglio l’Eurogruppo e la Banca centrale europea hanno pubblicato una dichiarazione sui passi necessari perché il Paese venga accolto negli Accordi europei di cambio entro luglio 2019.
 
Claudia Scardino
pubblicato Giovedì 20 Settembre 2018

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Per quanto concerne l’investimento immobiliare, l’accensione di un prestito bancario, opportunamente certificato, è prova idonea della provenienza non reddituale della provvista
Questi strumenti tecnologici sono in grado di memorizzare in modo permanente e immutabile, elaborare e inviare le informazioni, garantendone l’inalterabilità e la sicurezza
Grazie al nuovo servizio messo a disposizione dall’Agenzia delle entrate, i “clienti” persone fisiche potranno visionare i documenti inviati dai fornitori sin dal 1° gennaio di quest’anno
Per gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi ad alto contenuto tecnologico e digitale, di ammontare fino a 2,5 milioni di euro, la maggiorazione è stata elevata al 170%
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Per quanto concerne l’investimento immobiliare, l’accensione di un prestito bancario, opportunamente certificato, è prova idonea della provenienza non reddituale della provvista
Per gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi ad alto contenuto tecnologico e digitale, di ammontare fino a 2,5 milioni di euro, la maggiorazione è stata elevata al 170%
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino