Notizie flash
Cina, green tax al primo tagliando.
Più riscossione, minori emissioni
Le autorità di Pechino hanno stilato il bilancio dei sei mesi di vita della nuova imposta
inquinamento
In metà anno, 9,68 miliardi di yuan, pari a 1,2 miliardi di euro sono confluiti nelle casse del Fisco cinese grazie alla lotta contro l’inquinamento. Si tratta del primo bilancio, a soli pochi mesi dal suo avvio, della environmental protection tax, la nuova imposta “green” introdotta da Pechino a partire dal 1° gennaio 2018 per favorire l’adozione di comportamenti a minore impatto ambientale da parte di imprese e istituzioni pubbliche. Dopo i primi sei mesi di applicazione, il Sat (State Administration of taxation) ha diffuso alcune cifre a consuntivo, che marcano un aumento del gettito fiscale rispetto al riscosso del 2017, quando era in vigore la vecchia tassa sugli scarichi inquinanti. Il secondo dato è la diminuzione delle emissioni inquinanti dichiarate dagli operatori.
In particolare, le autorità cinesi hanno registrato l’incasso di un +22,1% (corrispondente a 1,75 miliardi di yuan) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, quando era in vigore la preesistente imposta sugli agenti inquinanti. Le entrate maggiori sono arrivate dall’industria pesante, del cemento e petrolchimico e dalle centrali termoelettriche. La “green tax”, da cui sono esclusi i semplici cittadini, viene pagata dalle imprese private e dai soggetti pubblici che rilasciano nell’ambiente sostanze inquinanti tramite l’autocertificazione, da parte degli operatori, delle quantità e delle tipologie di elementi inquinanti prodotti. Rientrano nell’imposizione le emissioni nocive nell’aria, gli scarichi nelle acque, i rifiuti nel suolo e l’inquinamento acustico.

Le buone notizie sulla protezione ambientale
L’altro dato emerso è il calo, rispetto agli stessi mesi del 2017, delle emissioni nell’aria e degli scarichi inquinanti nelle acque, dichiarati dagli stessi operatori nelle comunicazioni periodiche con le quali viene effettuato il calcolo dell’imposta dovuta, dati che, secondo la nuova procedura prevista, saranno incrociati con i livelli riscontrati dai controlli ambientali delle autorità.
Le buone notizie sul fronte fiscale fanno il paio con gli ultimi numeri rilasciati dal Ministero dell’Ecologia e dell’Ambiente sull’inquinamento atmosferico, secondo cui 338 città monitorate nel Paese hanno migliorato la propria qualità dell’aria rispetto all’anno scorso per quasi tutti i giorni di luglio.
Secondo le autorità cinesi, a funzionare particolarmente sembrano essere i premi e gli incentivi riconosciuti a chi investe in tecnologie ecologiche e il sistema integrato della “green tax”, che a partire dalle autocertificazioni degli agenti inquinanti da parte degli operatori, prevede un lavoro coordinato tra i controlli sulla riscossione da parte delle autorità fiscali e la verifica delle emissioni da parte degli organi adibiti alla protezione ambientale. Su quest’ultimo fronte, proprio il Ministero dell’Ecologia e dell’Ambiente ha annunciato in estate un piano triennale di miglioramento del sistema di monitoraggio ambientale e pene sia per gli operatori che per le autorità locali in caso di falsificazione delle rilevazioni.
 
Anna D'Angelo
pubblicato Venerdì 28 Settembre 2018

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Nei confronti di chi versa l’imposta, con riferimento all’anno in cui avviene la cessione del prodotto non si applica la ritenuta del 23% ordinariamente prevista sul 78% dei corrispettivi
Il trasferimento è efficace ai fini fiscali solo in presenza della successiva indicazione in dichiarazione, della conseguente richiesta di rimborso e della notifica dell’atto
Hanno valenza fiscale e previdenziale e possono essere applicate esclusivamente ai settori produttivi indicati nelle tabelle allegate al decreto ministeriale che le ha determinate
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
fatture elettroniche
Per quelle emesse in ciascun trimestre solare, l’imposta deve essere versata entro il giorno 20 del primo mese successivo; l’importo dovuto è reso noto dall’Agenzia delle entrate
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino