Notizie flash
Le accise sui prodotti petroliferi nel mirino Ue
Il Commissario Ue alla Fiscalità e Unione Doganale, Làszlo Kovàcs, ha dichiarato lo scorso 13 marzo che non è più tollerabile l’enorme differenza sussistente, tra i vari Paesi membri, in materia di diritti di accise che gravano sui prodotti petroliferi e, in particolare, sul carburante utilizzato per i trasporti su strada. Tale ingiustificato scarto di prezzo apre un insanabile contrasto con gli obiettivi del mercato unico in quanto introduce, nell’ambito della stessa area, forti squilibri per quanto riguarda il corretto atteggiarsi della concorrenza, vista l’enorme incidenza che il costo dei trasporti ha sul prezzo di vendita delle merci.

Il "turismo del rifornimento di benzina"
Kovàcs individua, altresi',  un pericoloso effetto collaterale della denunziata differenza di prezzo nel cosiddetto "turismo del rifornimento di benzina" che costringe i guidatori a modificare sensibilmente il tragitto per approviggionarsi presso i distributori, situati negli Stati membri, che applicano i prezzi più vantaggiosi. Cosa che ha conseguenze nefaste non solo per la concorrenza ma anche per l’ambiente: basti pensare che il trasporto su strada è responsabile, in ambito Ue, di emissione di gas nocivi (effetto serra) per una percentuale pari al 20 per cento di quella registrata nell’intera area comunitaria. Ecco perché la Commissione ha proposto di ridurre sensibilmente gli scarti di prezzo attualmente esistenti introducendo  un aumento generale delle tariffe minime applicate al gasolio destinato ai camion. La ratio della proposta in esame emerge in tutta la sua evidenza se soltanto si considera che i diritti di accise gravano per circa il 18 per cento dell’ammontare complessivo delle spese sostenute da un’impresa di autotrasporti. Ecco perchè i conducenti sono disposti a effettuare anche rilevanti deviazioni rispetto all’itinerario prefissato pur di fruire di una sensibile riduzione del prezzo sui carburanti: basti pensare che i grossi camion possono percorrere, con un pieno, da 1500 a 3000 chilometri, per avere un’idea della estrema convenienza, sotto il profilo dei costi, di allungare il tragitto per lucrare su un risparmio elevato vista l'entità del carburante immagazzinato ad ogni pieno.

Gli effetti distorsivi sul commercio
Gli effetti distorsivi sul commercio sono in re ipsa: i Paesi membri che applicano un tasso di accise più elevato si vedono sottratti una buona parte di gettito (e l’Italia è tra questi) rispetto agli altri Stati membri che praticano tariffe ridotte. La Commissione ha proposto agli Stati membri di adottare un livello minimo eguale per le accise applicabili al carburante utilizzato per la trazione ai soli fini commerciali: il livello di accise dovrebbe gradualmente spostarsi dai 302 ai 380 euro ogni 1000 litri (è stato suggerito di predisporre tale innalzamento in due tappe a decorrere da ora e raggiungere il livello sopra indicato entro il 2014). È chiaro che, per assicurare la effettività della riforma e preservare la tutela dell’ambiente, i livelli di accise applicabili al carburante ceduto per altri scopi non dovranno mai essere inferiori a quelli praticati nel settore commerciale. La proposta in esame si coniuga perfettamente con gli impegni assunti dall’Unione europea nella Conferenza di Kyoto consistenti nella riduzione delle emissioni di gas nocivi. La normalizzazione che seguirà all’innalzamento dei tassi minimi delle accise e il graduale livellamento dei prezzi praticati nell’intera area Ue sicuramente porterà a risultati apprezzabili entro un breve lasso di tempo.
Raffaella Salerno
pubblicato Martedì 20 Marzo 2007

I più letti

immagine
Ad affermarlo, sono le prime pronunce delle Commissioni tributarie provinciali chiamate a decidere sulle controversie in materia dopo la sentenza della Corte costituzionale
testo alternativo per immagine
Raccolti in un unico documento di prassi, i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate su varie questioni interpretative in materia di Irpef prospettate dai Caf e da altri soggetti
immagine generica
Le Amministrazioni pubbliche, tenute a versare l'Iva, invece che al fornitore, direttamente all'erario, possono anche utilizzare l'importo dovuto in compensazione verticale
testo alternativo per immagine
Tra le operazioni escluse, quelle a cui si applicano regimi speciali che prevedono sì l’addebito Iva in fattura, ma si distinguono per la determinazione forfetaria della detrazione
testo alternativo per immagine
Superate le vecchie indicazioni fornite dall’Amministrazione, che subordinavano il riconoscimento del regime di favore all’adozione dell’accordo prima dell’atto di cessione
immagine
Ad affermarlo, sono le prime pronunce delle Commissioni tributarie provinciali chiamate a decidere sulle controversie in materia dopo la sentenza della Corte costituzionale
immagine
Anche se con modalità applicative differenti rispetto a quelle nazionali, la scissione dei pagamenti è uno dei modelli esaminati dalla Commissione europea contro le frodi
immagine
La scissione dei pagamenti non si applica agli enti pubblici non economici autonomi rispetto alla struttura statale, che perseguono fini propri, anche se di interesse generale
testo alternativo per immagine
Tra le operazioni escluse, quelle a cui si applicano regimi speciali che prevedono sì l’addebito Iva in fattura, ma si distinguono per la determinazione forfetaria della detrazione
Anziani che guardano la tv
Le persone anziane con redditi bassi entro fine mese possono inviare la dichiarazione sostitutiva che li dispensa dalla tassa sul possesso di apparecchi radiotelevisivi
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
immagine
Sono escluse dall’applicazione del meccanismo le attività di pulizia specializzata di impianti e macchinari industriali, in quanto questi strumenti non rientrano nella nozione di edifici
faq
Chiarimenti su operazioni con soggetti residenti in Paesi della black list, caselle “Autofattura” e “reverse charge”, fatture emesse registrate tra i corrispettivi. E altro ancora
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
carte di credito e lucchetto
I due particolari meccanismi puntano a prevenire fenomeni evasivi in settori economici considerati particolarmente "a rischio" e a garantire il versamento dell'imposta all'erario