Notizie flash
Nuove regole su trust e riciclaggio.
Ok da Parlamento e Consiglio Ue
Al via l’accesso ai dati sui proprietari effettivi delle società operanti in Europa
beneficiario effettivo
Accordo raggiunto sulla proposta di modifica della direttiva antiriciclaggio presentata nel 2016 dalla Commissione europea. La notizia dell’intesa definita da Parlamento e Consiglio dell’Ue è stata diffusa a metà dicembre. In base al contenuto dell’accordo quadro, al momento dell’entrata in vigore, la nuova normativa consentirà a qualsiasi cittadino europeo di accedere ai dati sui proprietari effettivi di tutte le società che esercitano un'attività nell’Unione. Le unità investigative finanziarie e i soggetti portatori di un interesse legittimo, invece, potranno avere accesso alle informazioni sulla titolarità dei trust. Ciò costituirebbe un argine alle frodi fiscali architettate da intermediari spregiudicati al fine di impedire alle autorità di risalire ai titolari effettivi di complesse e opache strutture societarie.
 
Esistono ulteriori aspetti della normativa antiriciclaggio che, nelle intenzioni di Commissione, Parlamento e Consiglio, verranno sottoposti a revisione. Il memorandum messo a punto dalle istituzioni europee stabilisce infatti il terreno comune per modificare una volta per tutte la quarta direttiva dell’Ue. In particolare, la proposta condivisa dai vari attori in campo punta a raggiungere alcuni obiettivi. Il primo è realizzare una maggiore trasparenza su chi detiene realmente la proprietà di società ed enti commerciali, tramite l’introduzione di nuovi registri pubblici contenenti i dati sui beneficiari effettivi. Allo stesso tempo però, le modifiche mirano a prevenire i rischi associati al ricorso delle monete virtuali nel finanziamento al terrorismo e a limitare l’uso delle carte prepagate; a implementare la sicurezza delle transazioni finanziarie in riferimento al ruolo dei Paesi terzi ad alto rischio e ad assicurare in tutta Europa l’accesso delle autorità investigative alle informazioni finanziarie, partendo dalle informazioni relative ai conti correnti.
 
I punti chiave dell’intesa
Oltre all’istituzione di registri pubblici previsti per le società in generale, l'accordo stretto dalle istituzioni dell’Unione prevede la possibilità di garantire l’accesso alle informazioni sui beneficiari effettivi dei trust a chi è in grado di dimostrare di avere un "interesse legittimo". In teoria, questo scenario renderebbe disponibili le informazioni sui veri titolari dei trust ai giornalisti investigativi e alle organizzazioni non governative. Altre misure concordate da Consiglio e Parlamento sono criteri più severi per valutare se i Paesi terzi presentano un rischio maggiore di riciclaggio di denaro (compresa la possibilità di comminare sanzioni e l'obbligo di segnalare transazioni sospette) e nuove forme di protezione per gli informatori che permettono alle autorità nazionali di contrastare il riciclaggio di denaro (compreso il diritto all'anonimato).
 
Il cronoprogramma dei lavori
La proposta di modifica legislativa adesso passa all’esame del Parlamento europeo. Successivamente il testo dovrà essere sottoposto anche a un’ulteriore approvazione del Consiglio. Dal punto di vista statale, invece, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale Ue, gli Stati membri avranno 18 mesi di tempo per inserire le regole nel proprio ordinamento.
 
Vito Rossi
pubblicato Giovedì 28 Dicembre 2017

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
È obbligatorio esibire la documentazione in originale per le richieste relative ai mezzi acquistati in regime di Iva del margine o utilizzati come beni strumentali dell’attività di impresa
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Deve essere rilasciata dalle organizzazioni firmatarie dell’accordo concluso su base locale ed è necessaria per il riconoscimento delle agevolazioni fiscali previste dalla legge
Quando un soggetto è identificato ai fini dell’imposta sul valore aggiunto in più di uno Stato membro, deve considerarsi solo il codice con cui ha effettuato l’acquisto intracomunitario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Scade il 15 maggio il termine per aderire alla definizione agevolata e pagare l’importo residuo delle somme dovute senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora
Il 730 potrà essere modificato e inviato dal 2 maggio al 23 luglio, mentre il modello Redditi potrà essere modificato dal 2 maggio e trasmesso dal 10 maggio al 31 ottobre
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Previsti tre diversi metodi di determinazione della base imponibile a seconda della natura dei beni rivenduti, delle modalità di esercizio dell’attività e dei soggetti rivenditori
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino