Notizie flash
Ocse: su scambio informazioni
primo invio entro fine mese
Ai blocchi di partenza i primi 49 Stati pronti a utilizzare lo standard concordato
CRS e scambio informazioni
Ci siamo. Dopo mesi di preparativi la data tanto attesa è giunta e in casa Ocse sono pronti a stappare la prima bottiglia di champagne. A settembre 2017, si era detto e ripetuto più volte, si taglia il primo traguardo della lunga corsa a ostacoli del Common Reporting Standard (CRS) e a settembre 2017 siamo giunti, con ormai 49 Stati che hanno preso l’impegno di utilizzare lo standard Ocse e avviare, durante il mese in corso, i primi scambi automatici di informazioni finanziarie (che saranno comunque bilaterali). Tra dodici mesi, inoltre, il numero complessivo delle giurisdizioni coinvolte arriverà a 102 (e il numero pare destinato a salire). Sono 53, infatti, i Paesi che entreranno in gioco a partire da settembre 2018. In ogni caso, al momento, sono oltre duemila le relazioni bilaterali che tra pochi giorni si concretizzeranno per rendere operativo lo scambio automatico di informazioni sin da quest’anno.
 
Per arrivare alla prima tappa sono stati necessari alcuni passaggi ineludibili. La corretta attuazione del Crs richiede innanzitutto l’adeguamento della legislazione nazionale dei singoli Stati partecipanti. Nell’ordinamento interno vanno previsti degli obblighi specifici che indirizzino le attività degli istituti finanziari: sono questi a dover identificare e segnalare correttamente alle Amministrazioni fiscali i conti detenuti dai (e intestati ai) non residenti. Dal punto di vista del quadro giuridico internazionale, invece, la strada maestra è data dall’Accordo multilaterale tra autorità competenti (MCAA), che definisce l'ambito, la tempistica, il formato e le condizioni per lo scambio di informazioni e trae origine dall’articolo 6 della Convenzionale multilaterale sulla mutua assistenza amministrativa in materia fiscale.
 
Attualmente sono 95 le giurisdizioni che hanno firmato la Convenzione multilaterale dell’Ocse. Tutte e 95 queste giurisdizioni partecipano al Forum globale sulla trasparenza e lo scambio di informazioni a fini fiscali. E, sempre di queste, 93 su 95 si sono impegnate a scambiarsi i dati finanziari utilizzando il Crs tra il 2017 e il 2019.
 
Per l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico la rete di relazioni bilaterali che sta per attivarsi in questi giorni (quelle previste tempo addietro per l’anno in corso) copre circa il 99% del numero totale dei possibili rapporti di scambio. Inoltre, 20 delle 53 giurisdizioni impegnate per il 2018, hanno già introdotto nel loro ordinamento i prerequisiti legali per avviare gli scambi il prossimo anno. Un ulteriore ciclo di attivazione è previsto tra due mesi (novembre 2017). A quel punto le restanti 33 giurisdizioni dovrebbero nominare i partner con cui intraprenderanno gli scambi automatici di informazioni a settembre del prossimo anno. All’Ocse, intanto, cantano già vittoria.
 
Vito Rossi
pubblicato Giovedì 21 Settembre 2017

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Nei confronti di chi versa l’imposta, con riferimento all’anno in cui avviene la cessione del prodotto non si applica la ritenuta del 23% ordinariamente prevista sul 78% dei corrispettivi
Il trasferimento è efficace ai fini fiscali solo in presenza della successiva indicazione in dichiarazione, della conseguente richiesta di rimborso e della notifica dell’atto
Hanno valenza fiscale e previdenziale e possono essere applicate esclusivamente ai settori produttivi indicati nelle tabelle allegate al decreto ministeriale che le ha determinate
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
fatture elettroniche
Per quelle emesse in ciascun trimestre solare, l’imposta deve essere versata entro il giorno 20 del primo mese successivo; l’importo dovuto è reso noto dall’Agenzia delle entrate
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino