Notizie flash
Scambio automatico di informazioni
al centro del Global forum Ocse
Oltre 100 giurisdizioni a confronto sui progressi compiuti nella condivisione dei dati finanziari
ocse
Lo scambio di informazioni finanziarie attraverso gli standard Ocse è ormai una realtà consolidata e diffusa. A Punta del Este, in Uruguay, dove si sono riuniti, dal 20 al 22 Novembre scorsi, oltre 200 delegati da tutto il mondo, in occasione del Global Forum on Tax Transparency, in qualche modo si è festeggiato questo successo, che va nella direzione di una sempre più efficace azione di contrasto ai fenomeni evasivi ed elusivi a livello internazionale. Un successo quantificabile in 4.500 scambi bilaterali avvenuti nel 2018 con il nuovo standard di scambio automatico di informazioni (AEOI) , realizzati da 86 giurisdizioni, come emerge dal Rapporto di attuazione AEOI 2018. Le informazioni scambiate attraverso il sistema di trasmissione, messo a disposizione e gestito dal Global Forum, hanno riguardato i conti finanziari che i contribuenti di ciascuna giurisdizione detengono all'estero. La cooperazione fiscale internazionale, dal punto di vista operativo, non si muove comunque soltanto sul fronte dello scambio automatico ma anche su quello delle richieste mirate, tant’è che il Global Forum ha pubblicato quest'anno 22 nuove peer review, relative ad altrettante giurisdizioni, in merito allo scambio di informazioni su richiesta (EOIR). Si tratta di un processo di revisione della corretta applicazione dello standard che ha preso il via nel 2010, molto prima che diventassero realtà lo scambio automatico e le iniziative di trasparenza collegate alle azioni previste dal Beps. 

Punta de Este Declaration: cooperazione rafforzata per l’America latina

Il Global Forum on Tax Transparency è stato anche l’occasione per realizzare un progetto di cooperazione regionale tra i Paesi dell’area latinoamericana. Il 19 novembre, il giorno prima dell’avvio ufficiale dei lavori del Forum, il ministro dell’Economia e delle Finanze uruguaiano, Danilo Astori, ha riunito ministri, rappresentanti di alto livello e alti funzionari dell'America latina per avviare un confronto su come rafforzare gli sforzi regionali per combattere la frode e la corruzione fiscale. L'incontro si è concluso con la firma della Dichiarazione di Punta del Este, in cui Uruguay, Argentina, Panama e Paraguay hanno concordato di lavorare insieme per massimizzare l'uso efficace delle informazioni scambiate nell'ambito degli standard internazionali di trasparenza fiscale, non solo per contrastare l'evasione fiscale, ma anche per combattere la corruzione e altri reati finanziari.
L’accordo, accolto con favore dai delegati del Global Forum, si propone, inoltre, di studiare nuovi strumenti di cooperazione, compreso un uso più ampio delle informazioni scambiate a fini fiscali per contrastare anche altri fenomeni illeciti e di stabilire piani d'azione nazionali per promuovere gli obiettivi di cooperazione internazionale.
 
Valeria Ibello
pubblicato Venerdì 23 Novembre 2018

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Il trasferimento è efficace ai fini fiscali solo in presenza della successiva indicazione in dichiarazione, della conseguente richiesta di rimborso e della notifica dell’atto
Hanno valenza fiscale e previdenziale e possono essere applicate esclusivamente ai settori produttivi indicati nelle tabelle allegate al decreto ministeriale che le ha determinate
Nei confronti di chi versa l’imposta, con riferimento all’anno in cui avviene la cessione del prodotto non si applica la ritenuta del 23% ordinariamente prevista sul 78% dei corrispettivi
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
fatture elettroniche
Per quelle emesse in ciascun trimestre solare, l’imposta deve essere versata entro il giorno 20 del primo mese successivo; l’importo dovuto è reso noto dall’Agenzia delle entrate
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino