Notizie flash
Svizzera: scambio automatico al via.
Dal 2018 dati finanziari condivisi
Il Parlamento elvetico ha aggiornato la lista degli Stati e dei territori “partner”
bandiera svizzera

Dal 2018 la Svizzera comincerà a scambiare in via automatica con altri Stati i dati finanziari, raccolti dal 1° gennaio 2017 presso gli istituti finanziari elvetici, sulla base di accordi bilaterali, come quello sottoscritto con l’Unione europea, o di accordi multilaterali.

Il Parlamento svizzero ha concluso la procedura, intrapresa a giugno del 2017 dal Consiglio federale, con cui è stata aggiornata la lista degli Stati e territori con i quali è stato introdotto lo scambio automatico di informazioni a fini fiscali. La nuova lista accoglie, oltre agli Stati partner con cui lo scambio inizierà nel 2018, quelli con cui lo scambio inizierà regolarmente nel 2019 sui dati relativi al 2018, quali, ad esempio, Monaco e Liechtenstein.

L’elenco aggiornato dal Parlamento contiene anche l’indicazione degli Stati che attualmente non soddisfano le condizioni dello standard globale per lo scambio automatico di informazioni e che per questo hanno posticipato l’introduzione dello scambio (Antigua e Barbuda, Aruba e Grenada), e quelli con cui lo scambio avverrà soltanto in un secondo tempo, quali Emirati Arabi Uniti e Isole Marshall.

Con particolare riferimento a Hong Kong e Singapore, con cui la Svizzera ha stipulato accordi bilaterali sull’introduzione dello scambio automatico di informazioni a partire dal 2018/2019, tali accordi verranno applicati in via provvisoria dal 1° gennaio 2018, in quanto il Parlamento delibererà in merito all’approvazione solo nel corso del 2018.

Inoltre, a seguito degli impegni assunti nel novembre 2017 in occasione del Global Forum, il Parlamento elvetico ha apportato un’importante precisazione alla definizione del termine di “Giurisdizione partecipante” ai sensi dell’Ordinanza sullo scambio automatico di informazioni a fini fiscali, che avrà ripercussioni sugli obblighi di adeguata verifica degli istituti finanziari svizzeri tenuti alla comunicazione.

Secondo questa nuova definizione, infatti, devono essere considerati “Partecipanti” anche tutti gli Stati che, nei confronti del Forum globale sulla trasparenza e sullo scambio di informazioni a fini fiscali, si sono dichiarati favorevoli ad attuare lo scambio automatico di informazioni, indipendentemente dalla stipula di un accordo.

 

Emiliano Marvulli
pubblicato Mercoledì 3 Gennaio 2018

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Panoramica della collocazione in dichiarazione degli sconti d’imposta legati al miglioramento strutturale ed energetico, alla valorizzazione e alla messa in sicurezza degli edifici
Per promuovere l’adempimento spontaneo dei contribuenti soggetti agli Studi, arrivano le comunicazioni dei riscontri tramite strumenti veloci e tecnologici: online, email, pec e sms
Il primo agevola la predisposizione e l’invio del documento elettronico, il secondo consente l’acquisizione automatica dei dati Iva dei clienti tramite un codice a barre
Il primo agevola la predisposizione e l’invio del documento elettronico, il secondo consente l’acquisizione automatica dei dati Iva dei clienti tramite un codice a barre
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
L’incarico può essere attribuito esclusivamente ai soggetti deputati alla trasmissione delle dichiarazioni (tra gli altri, commercialisti, ragionieri, consulenti del lavoro, Caf)
È sempre più fitto il calendario degli incontri informativi-formativi organizzati per esaminare, in un’ottica di collaborazione reciproca, gli adempimenti da attuare e le procedure da seguire
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Deve essere rilasciata dalle organizzazioni firmatarie dell’accordo concluso su base locale ed è necessaria per il riconoscimento delle agevolazioni fiscali previste dalla legge
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino