Notizie flash
Svizzera: sì a proroga dell’aliquota
speciale Iva per gli alberghi
La decisione è stata adottata dal Consiglio federale nell’ultima seduta
svizzera
Prorogare a tempo determinato l’aliquota speciale Iva del 3,8 per cento sulle prestazioni del settore alberghiero fino alla fine del 2027. È quanto ha deciso il Consiglio federale nell’ultima recente seduta prima delle festività pasquali. Una decisione che segue la richiesta delle Commissioni dell’economia e dei tributi del Consiglio nazionale (CET-N) di esaminare in modo approfondito l’aspetto giuridico della questione sulla proroga dell’aliquota speciale oltre il 2020 a cui è attualmente limitata la facoltà della Confederazione di riscuotere l’Iva.

Secondo quanto indicato nel parere,  il Consiglio federale ritiene che l’aliquota speciale per le prestazioni del settore alberghiero non deve essere inserita in modo permanente nella LIVA, la legge sull’Iva, e non è opportuno sopprimere l’aliquota speciale a fine 2017 alla luce della situazione in cui si trova il settore alberghiero, in particolare a causa del franco forte. Inoltre secondo l’esecutivo la soppressione dell’aliquota speciale a favore di un’aliquota normale dell’8 per cento per le prestazioni del settore alberghiero comporterebbe un aumento del gettito dell’Iva di circa 200 milioni di franchi all’anno. Dato che si è tenuto conto della proroga dell’aliquota speciale e del conseguente deficit di entrate nel piano finanziario 2018–2020, la necessità di correzione non è necessaria.

Sul piano giuridico, poi, il Consiglio ritiene che la legge sull’Iva abbia di per sé validità permanente anche se la facoltà di riscuotere l’Iva – e quindi di legiferare – è limitata alla fine del 2020 secondo una norma costitituzionale. Se questa competenza dovesse venir meno, prosegue il consiglio nella sua valutazione, alla scadenza del termine, il primo gennaio 2021 la legge non sarebbe automaticamente abrogata né potrebbe essere soppressa dalla raccolta sistematica del diritto federale. Di conseguenza rimarrebbe un atto legislativo permanente ma sarebbe sprovvista di una base costituzionale. Ciò produrrebbe una situazione giuridica precaria a cui si dovrebbe rimediare adottando eventualmente una legge urgente extracostituzionale da combinare con un nuovo progetto costituzionale.

In questo modo il Consiglio ha risposto alla richiesta delle Commissioni dell’economia e dei tributi del Consiglio nazionale (CET-N) di esprimere il suo parere sul testo e di esaminare in modo approfondito l’aspetto giuridico della questione.

La decisione del Consiglio federale segue una iniziativa parlamentare del 2015 con cui si chiedeva di inserire definitivamente nella legge l’aliquota speciale Iva per le prestazioni del settore alberghiero, la cui validità è attualmente limitata fino al 31dicembre 2017. Nel gennaio e agosto dello scorso anno poi le Commissioni dell’economia e dei tributi del Consiglio nazionale (CET-N) e del Consiglio degli Stati (CET-S) hanno dato seguito all’iniziativa.
 
Gianluca Di Muro
pubblicato Martedì 18 Aprile 2017

I più letti

Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà lunedì l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Il valore delle parti staccate confluisce in quello della prestazione, cioè gode dell’aliquota ridotta al 10 per cento, solo se connotate da una propria autonomia funzionale
immagine generica con mappa del globo
Il legislatore italiano ha adeguato la normativa interna alle indicazioni provenienti dal contesto internazionale e, in particolare, alle soluzioni ideate nell'ambito del progetto Beps
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il valore delle parti staccate confluisce in quello della prestazione, cioè gode dell’aliquota ridotta al 10 per cento, solo se connotate da una propria autonomia funzionale
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà lunedì l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino