Notizie flash
Ue: luce verde alle nuove norme
per risolvere le controversie fiscali
La Commissione europea accoglie con favore la decisione presa oggi all’Ecofin
commissione europea_logo
Un nuovo sistema condensato in una direttiva per migliorare la certezza del diritto e la competitività dell'Unione europea e permettere a cittadini e alle imprese di risolvere in modo più rapido ed efficace le controversie legate all'interpretazione dei trattati fiscali sull’eliminazione della doppia imposizione. In estrema sintesi è la posizione espressa dalla Commissione europea che, in una nota ufficiale, ha accolto con favore la decisione adottata oggi dai ministri delle finanze dell'Ue in occasione della riunione del Consiglio Ecofin di Lussemburgo.

I correttivi approvati dai ministri delle finanze dell'Ue a Lussemburgo offriranno ai contribuenti maggiore sicurezza nell’ipotesi di interpretazione dei trattati fiscali o di problemi di doppia imposizione. In particolare, sarà coperto un più ampio numero di casi e gli Stati membri avranno ora delle chiare scadenze per concordare una soluzione vincolante, assicurando ai cittadini e alle imprese decisioni più tempestive.

La doppia imposizione si riferisce a casi in cui due o più Paesi rivendicano il diritto di tassare gli stessi redditi o profitti di una società o di persona fisica. Può accadere, ad esempio, a causa di una mancata corrispondenza delle norme nazionali o di interpretazioni diverse di un trattato fiscale bilaterale per quanto riguarda le modalità di trasferimento dei prezzi.

L'accordo raggiunto oggi in sede Ecofin permetterà ai contribuenti di avviare una procedura in cui gli Stati membri dovranno tentare di risolvere in modo amichevole la controversia entro il termine di due anni. Se alla fine di questo periodo non dovesse essere trovata alcuna soluzione, gli Stati membri dovranno istituire una commissione consultiva per l'arbitrato. In caso contrario il contribuente potrà presentare un ricorso dinanzi al giudice nazionale. La Commissione consultiva sarà composta da 3 membri indipendenti e rappresentanti delle autorità competenti in questione e avrà sei mesi di tempo per adottare una decisione definitiva e vincolante. Questa decisione sarà immediatamente esecutiva e dovrà porre termine alla controversia.

Nel giugno di quest’anno la commissione per gli Affari economici del Parlamento Ue aveva approvato un testo il cui intento era di trovare una soluzione definitiva a un problema di peso per l’economia comunitaria. Secondo stime della Commissione europea oggi esistono circa 900 controversie sulla doppia imposizione nell'Unione europea, per un valore stimato di 10,5 miliardi di euro. Le nuove regole adottate formalmente oggi soddisfano meglio le esigenze delle imprese e dei contribuenti persone fisiche.
Gianluca Di Muro
pubblicato Martedì 10 Ottobre 2017

I più letti

La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Ai fini delle deduzioni dei costi e delle detrazioni Iva incombe sul contribuente l’onere di provare l’inerenza del bene o del servizio all’attività imprenditoriale
Può essere presentato direttamente in rete attraverso il servizio “Fai DA Te” oppure consegnato agli sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione o, ancora, inviato tramite Pec
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
L’ufficio finanziario è tenuto a riscontrare la coerenza fra le diverse operazioni realizzate, pertanto, non è sufficiente che tali documenti siano correttamente registrati in contabilità
Può essere presentato direttamente in rete attraverso il servizio “Fai DA Te” oppure consegnato agli sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione o, ancora, inviato tramite Pec
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino