Schede Paese
Grenada
Tra le novità di recente introduzione figura l’Iva che ha fatto il suo ingresso nel sistema fiscale dal 2010
bandiera grenada
Lo Stato caraibico di Grenada fa parte dell’Organizzazione degli Stati dei Caraibi orientali (CARICOM) di cui adotta la moneta comune, il dollaro dei caraibi orientali (di seguito più semplicemente dollaro). Pur essendo pienamente indipendente da tutti i punti di vista, Grenada riconosce formalmente il sovrano del Regno Unito come proprio Capo di Stato.

Imposta sulle persone fisiche
Le persone fisiche sono tassate sui redditi di qualsiasi fonte mentre solo per quelli provenienti dal Paese per i non residenti. Si è considerati residenti se vi si soggiorna per più di 183 giorni in un anno. È prevista unicamente un’esenzione personale per i primi 36 mila dollari mentre non possono essere dedotte altre spese. Per lo scaglione tra 36 mila e 60 mila l’aliquota è del 15% mentre sul reddito eccedente sale al 30%. La dichiarazione dei redditi deve essere presentata entro tre mesi dalla fine dell’anno di imposta.

Imposta sulle persone giuridiche
L’imposta grava sui i redditi di qualsiasi provenienza per  le società residenti  mentre solo  su quelli di fonte nazionale per i non residenti. Una società è considerata residente se è stata costituita in Grenada o se viene amministrata e gestita nel paese.
Il reddito imponibile è calcolato sul reddito civilistico prima delle imposte che viene aggiustato in aumento ed in diminuzione secondo quanto previsto dalla legge.
I dividendi sono esenti da imposta se pagati a soggetti residenti o non residenti ma localizzati nel paese altrimenti sono soggetti a ritenuta alla fonte del 15%. Uguale aliquota è prevista per i pagamenti di interessi, royalties, servizi tecnici  e qualsiasi altro pagamento nei confronti  di non residenti.  Le plusvalenze sono, invece, esenti così come non deducibili sono le perdite in conto capitale.
Le perdite possono essere riportate in avanti per un massimo di tre anni ma possono essere utilizzate solo per coprire il 50% dell’utile realizzato. Non è possibile effettuare il carry back.
Il reddito imponibile così calcolato è sottoposto ad un’aliquota del 30%.
L’anno di imposta è quello normale di calendario anche se è possibile utilizzare anche altri periodi di imposta. La dichiarazione dei redditi deve essere presentata entro tre mesi dalla fine dell’anno di imposta insieme con il bilancio. In caso di ritardo nella presentazione della dichiarazione viene applicata, per ogni mese di ritardo,  una sanzione che è la maggiore tra il 10% dell’imposta dovuta e 100 dollari più l’1% dell’imposta.  Le società devono effettuare degli acconti mensili sulla base del reddito dell’anno precedente per poi effettuare il saldo con la presentazione della dichiarazione annuale.
Al fine di incentivare gli investimenti esteri e lo sviluppo di nuove attività il governo ha predisposto diverse tipologie di regimi agevolati. Per il settore turistico i nuovi investimenti sono esenti per un periodo di dieci anni dall’imposta sui redditi e dalle accise doganali e dall’iva per quanto riguarda i beni utilizzati in tali attività. Per la manifattura è prevista per 15 anni l’esenzione dall’imposta sul reddito e da accise doganali e iva per l’acquisto di macchinari e materie prime. Per i servizi è prevista l’esenzione   da accise doganali e iva per gli equipaggiamenti.
Per le International business companies è previsto un regime fiscale agevolato che prevede l’esenzione dall’imposta sui redditi, dalle ritenute e dall’imposta sulle proprietà per un periodo di venti anni.
 
Imposta sulle proprietà
I terreni e gli immobili sono soggetti ad un’imposta che grava sul loro valore di mercato con un’aliquota che può giungere fino allo 0,5% del valore a seconda della tipologia e dell’uso.
E’ prevista un’esenzione per i primi cento mila dollari di valore per una sola proprietà purché sia occupata dei proprietari .
Per la cessione di proprietà è prevista un’imposta sul valore di vendita con aliquota al 5% per i residenti e del 15% per i non residenti  che devono ottenere  una licenza per il possesso di proprietà da parte di non residenti. Per l’acquista da parte di non residenti l’aliquota è del 10%. 
L’imposta viene pagata sul valore eccedente i 20 mila dollari, soglia che aumenta a  150 mila se la transazione avviene attraverso la cessione delle azioni dell’impresa che possiede il bene.
 
Imposta di successione e donazioni
Successioni e donazioni non sono sottoposte a tassazione ma, nel caso di donazione le proprietà devono scontare l’imposta di transazione delle proprietà.
 
Imposta sul valore aggiunto
L’imposta è stata introdotta nel 2010 e grava sulle transazioni interne di beni e servizi e sulle importazioni con un sistema di deduzione di imposta da imposta. I soggetti passivi di imposta sono solo coloro che sono iscritti negli appositi registri, iscrizione che è obbligatoria per chi supera i 120mila dollari di ricavi e facoltativa per gli altri.
L’aliquota ordinaria è del 15% mentre è prevista un’aliquota ridotta al 10% per i servizi  turistici e una maggiorata al 20% per i servizi di telefonia. L’aliquota relativa ad alcuni beni soprattutto ad uso edile che era stata ridotta al 5% nel 2013 è stata riportata al livello ordinario nel 2014.  Esiste anche un’aliquota allo 0% per le esportazioni mentre altri beni e servizi sono esenti.    
L’imposta dovuta deve essere dichiarata e pagata  mensilmente entro venti giorni dalla fine del periodo di riferimento.
 
 


Capitale: St. George's
Lingua ufficiale: inglese
Moneta: dollaro dei caraibi orientali
Forma istituzionale: monarchia costituzionale (reame del Commonwealth)
Accordi con altri Stati: per quanto riguarda l’Italia, Grenada rientra nelle liste contenute nei decreti ministeriali del 4 maggio 1999, del 23 gennaio 2002 e del 21 novembre 2001 e le loro successive modifiche che individuano i Paesi e territori a fiscalità privilegiata per quanto riguarda rispettivamente le persone fisiche, l’indeducibilità dei componenti negativi e le controlled foreign companies.



La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la direzione del giornale né l’Agenzia delle Entrate.



aggiornamento: aprile 2015
Luca Campanelli
pubblicato Venerdì 19 Settembre 2014

I più letti

L’Agenzia delle entrate illustra come utilizzerà le informazioni relative agli utenti, comprese quelle fornite per registrarsi al servizio di newsletter della rivista online FiscoOggi
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
immagine di un cronometro su un calendario
È possibile suddividere il pagamento con F24 fino a un massimo di 24 rate mensili di pari importo (senza applicazione di sanzioni e interessi) a decorrere dalla stessa data
Le applicazioni informatiche consentono di predisporre i file e verificare la presenza di possibili errori nei dati inseriti. Il sistema, inoltre, garantisce l’utilizzo della versione più aggiornata dei programmi
Circa 60mila, tra vecchi e nuovi iscritti, gli aspiranti destinatari di una quota dell’Irpef. Prossima tappa, per i neocandidati, la presentazione della dichiarazione sostitutiva
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Sono stati pubblicati sul sito dell’Agenzia delle entrate i programmi che consentono la compilazione e il controllo delle comunicazioni; prossimo appuntamento il 31 maggio
I nuovi servizi del software Otello 2.0 sono disponibili a partire già da oggi. Per accreditarsi alla piattaforma gli utenti dovranno utilizzare i sistemi nazionali di identità digitale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
Previsti tre diversi metodi di determinazione della base imponibile a seconda della natura dei beni rivenduti, delle modalità di esercizio dell’attività e dei soggetti rivenditori
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino