Schede Paese
Austria
Le persone fiscalmente residenti in Austria sono soggette a imposizione su tutti i redditi prodotti su base mondiale
bandiera Austria
L’Austria ricava il 34,7% delle entrate fiscali da imposte indirette (contro una media nella EU a 27 del 34,5%) di cui l’Iva conta per oltre la metà. Una notevole quantità di altre imposte provengono, invece,  dalla produzione (7,6% del totale delle imposte contro il 5,4% della media Ue). In particolare dal contributo dei datori di lavoro al fondo di perequazione dei carichi familiari e da una imposta sui salari da corrispondere ai Comuni. Al contrario, le accise rappresentano una quantità minoritaria che riflette le basse aliquote applicate, in particolare sulle bevande alcoliche. Le imposte dirette rappresentano una percentuale delle entrate pari al 30,9% del totale delle imposte leggermente inferiore alla media UE (33,2%). Il contributo del prodotto interno lordo al gettito fiscale totale è vicino alla media UE a 27 (23,2% contro media Ue del 23,5%) mentre i contributi sociali rappresentano più di un terzo delle entrate fiscali totali (34,6% contro la media UE a 27 del 33,5%) .
Tra gli Stati dell'Unione europea con sistemi di finanze pubbliche federali, l’Austria riceve la percentuale più bassa del gettito fiscale complessivo (10% contro oltre il 20% di Belgio, Germania e Spagna). La quota delle entrate dei governi locali (12%) è leggermente superiore alla media Ue a 27 (10,8%). L'aumento nel 2009 delle quote fiscali a livelli inferiori di governo è dovuto a un aumento della quota di ricavi concordati nel quadro della procedura di perequazione finanziaria che ha sostituito gli ex trasferimenti ai livelli inferiori di governo.

I tratti salienti del sistema fiscale
Le persone fiscalmente residenti in Austria sono soggette a imposizione su tutti i redditi prodotti su base mondiale; i soggetti non residenti sono invece tenuti a versare l'imposta per i soli redditi conseguiti in Austria. Ai fini dell’applicazione dell’imposta sui redditi (Einkommensteuer), una persona fisica viene considerata fiscalmente residente in Austria quando ha il suo domicilio ovvero soggiorna abitualmente all'interno del territorio dello Stato. In particolare, secondo le disposizioni normative austriache, il domicilio è il luogo in cui una persona occupa un immobile, le cui condizioni, unitamente ad altre circostanze, fanno oggettivamente presumere che si tratta della sua abitazione principale. In ogni caso, sono considerate residenti in Austria le persone fisiche che risultano aver trascorso nel Paese, in modo continuativo, un periodo di almeno sei mesi nel corso di un anno, fatte salve le diverse clausole applicabili contenute nei trattati contro le doppie imposizioni.

Il calcolo della base imponibile e le tipologie di reddito
La base imponibile è data dalla somma dei singoli redditi che rientrano nelle seguenti categorie:
  • redditi fondiari;
  • redditi di lavoro autonomo;
  • redditi di attività commerciale;
  • redditi di lavoro dipendente;
  • redditi di capitale;
  • redditi di locazione;
  • redditi diversi (tra i quali rientrano alcune tipologie di capital gain e le rendite vitalizie).

La tassazione sulle persone fisiche 
L’imposta sulle persone fisiche è progressiva con aliquote. Dedotte le spese direttamente sostenute per la produzione dei  redditi, il calcolo dell'imposta dovuta avviene mediante l'applicazione delle aliquote progressive per scaglioni di reddito che vanno dallo 0 al 50%. In ogni caso, la normativa vigente consente ulteriori detrazioni correlate alla situazione personale del contribuente, come ad esempio particolari detrazioni per i lavoratori dipendenti, i pensionati, i carichi di famiglia e le famiglie monoreddito. Dal 2013 poi rientrano tra gli oneri deducibili a valenza straordinaria e fino a un massimo di 2.300 euro all'anno, anche alcune spese per i servizi di assistenza familiare per i figli fino a 10 anni di età elevati a 16 anni se portatori di handicap.
 

Aliquote persone fisiche 


Fino a 11.000 €

0

da 11.001 a 25.000 €

36,5%

da 25.001 a 60.000 €

43,2%

Oltre 60mila €

50%


Fonte: The Tax Book pag. 21


Il calcolo dell'imposta, per redditi superiori a 11mila euro, deve essere effettuato nel modo seguente
 
da 11.001 a 25.000 (reddito imponibile – 11.000) x 5.110 (imposta cumulativa) : 14.000 
da 25.001 a 60.000 (reddito imponibile – 25.000) x 15,125 + 5,110 (imposta cumulativa) : 35.000 
superiore a € 60.000 (reddito imponibile – 60,000) x 0,5 + 20,235

Fonte: The Tax Book pag. 21



Categorie esenti da tassazione
Tra le tipologie di retribuzioni e prestazioni non soggette a tassazione figurano:
  • gli assegni familiari;
  • gli assegni di maternità e simili;
  • gli assegni previdenziali;
  • gli assegni di congedo parentale, assistenza parentale e di assistenza all'infanzia;
  • gli assegni di invalidità;
  • i contributi per l’assistenza infermieristica e il sostegno alle spese.

L’imposta sul reddito delle persone giuridiche
Nel 2005 l’aliquota dell’imposta sulle persone giuridiche è scesa dal 34% al 25%. Una scelta in parte finanziata ampliando la base imponibile e abolendo il sussidio del 10% per l'incremento degli investimenti in macchinari e attrezzature. Negli ultimi anni gli incentivi fiscali per ricerca e sviluppo sono aumentati costantemente e oggi prevedono un credito d'imposta del 10%. Allo stesso modo, l'indennità di formazione è pari al 20% delle spese di qualificazione con un credito d'imposta alternativo del 6%. Nel 2011 è stato introdotto un prelievo bancario di solidarietà basato sul totale dello stato patrimoniale (escluso il capitale proprio e i depositi garantiti).
Le società residenti, che hanno la propria sede legale o amministrativa in Austria, sono soggette a una imposta del 25% sui redditi ovunque prodotti. In questo caso la base imponibile viene determinata secondo il metodo del valore patrimoniale netto comparato. L'ammontare dell'utile o della perdita imponibile si ottiene, infatti, calcolando la differenza tra l'attivo netto risultante in apertura di esercizio e quello risultante al termine dell'esercizio, rettificata sulla base della normativa fiscale. Le società estere sono invece tassate soltanto in relazione ai redditi d'impresa imputabili a una stabile organizzazione situata sul territorio austriaco; in assenza di stabile organizzazione, il reddito imponibile è determinato sulla base delle stesse categorie reddituali previste per le persone fisiche. Generalmente le spese si considerano deducibili se direttamente connesse alla produzione del reddito. L'ordinamento prevede poi ogni anno la corresponsione di una alternative minimum tax di 500 euro per le società a responsabilità limitata e di 3.500 euro per le società per azioni.

L’imposta sul valore aggiunto
La normativa austriaca dell’imposta sul valore aggiunto è disciplinata dalla legge n. 663 del 1994 (Umsatzsteuergesetz), con cui l’Austria si è uniformata alla normativa europea dando esecuzione alla sesta direttiva Cee in materia. Tenuti al pagamento dell’imposta sono coloro che esercitano un’attività commerciale o professionale autonoma. Non vi è alcuna distinzione tra soggetti residenti e non residenti. La base imponibile è rappresentata dai corrispettivi pattuiti per tutte le forniture di beni o prestazioni di servizi effettuate all’interno del territorio austriaco. Sono tre le aliquote Iva cui sono assoggettate attualmente diverse tipologie di beni e servizi. Più precisamente, la normativa fiscale austriaca prevede:
  • 20% aliquota standard;
  • 12% aliquota che si applica al vino che deriva dalla produzione agricola;
  • 10% aliquota che ai applica alla vendita di generi alimentari considerati di prima necessità, quali latte, pesce, uova, frutta e verdura, caffè, zucchero, olio, nonché a libri, giornali e riviste, a prestazioni alberghiere, servizi di trasporto pubblico, alla locazione di immobili per uso privato, alla fornitura di energia elettrica, alle prestazioni artistiche, alle manifestazioni culturali e dal 2009 anche ai prodotti farmaceutici;
  • esenzione per le transazioni bancarie e aliquota zero che si applica alle esportazioni.
Nelle zone di Jungholz e Mittelberg l'aliquota Iva standard è fissata nella misura del 19% (dato relativo al 2013).

Dichiarazioni, obblghi strumentali, versamenti
Ai fini della tassazione sui redditi delle persone fisiche, la dichiarazione dei redditi deve essere presentata per via telematica entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello di valutazione. Ai fini Iva  ogni operatore soggetto a Iva è tenuto a compilare dichiarazioni periodiche in cui va indicata l’imposta dovuta (a titolo di acconto) o il credito spettante in base ai calcoli da lui stesso effettuati. La presentazione di dichiarazioni Iva provvisorie ha scadenza mensile mentre la dichiarazione annuale definitiva deve essere presentata per via telematica entro il 30 giugno dell'anno seguente all'anno fiscale.






Capitale: Vienna
Lingua ufficiale: tedesco
Moneta: euro (EUR)
Forma istituzionale: repubblica federale
Principali trattati sottoscritti con l’Italia
Convenzione tra la Repubblica Italiana e l’Austria per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio, firmata a Vienna il 29 giugno 1981, ratificata con Legge n. 762 del 18 ottobre 1984 ed entrata in vigore il 6 aprile 1985.
Accordo per l’effettuazione di verifiche fiscali simultanee firmato a Roma il 21 ottobre 1987.





Fonti di consultazione:




aggiornamento: aprile 2014
Gianluca Di Muro
pubblicato Giovedì 13 Ottobre 2005

I più letti

testo alternativo per immagine
La condizione essenziale è che l’ufficio fiscale garantisca, nei casi richiesti, il diritto al contradittorio, invitando il contribuente prima dell’emissione dell’atto impositivo
terreni coltivati
Deve essere invece assoggettata all’imposta sui redditi (e relative addizionali) la componente dominicale dei fondi esclusi dal pagamento del tributo municipale per il 2013
immagine
In tema d’imposta di registro, i presupposti agevolativi sono quelli dettati dal Dm espressamente richiamato per indicare le caratteristiche delle abitazioni non di lusso
immagine
La comunicazione dei compensi riscossi per le prestazioni dei professionisti “autonomi” comincia dal modello Ssp e passa necessariamente da Entratel o Fisconline
 immagine
Lo Statuto del contribuente prevede che l’avviso non può essere emanato prima di sessanta giorni dal rilascio di copia del processo verbale di chiusura delle operazioni di controllo
terreni coltivati
Deve essere invece assoggettata all’imposta sui redditi (e relative addizionali) la componente dominicale dei fondi esclusi dal pagamento del tributo municipale per il 2013
immagine
In tema d’imposta di registro, i presupposti agevolativi sono quelli dettati dal Dm espressamente richiamato per indicare le caratteristiche delle abitazioni non di lusso
tessera sanitaria
Il servizio è on line sul sito delle Entrate. Particolarmente utile nei casi di omocodia e per i cittadini italiani nati in Comuni che non fanno più parte del territorio nazionale
 immagine
Lo Statuto del contribuente prevede che l’avviso non può essere emanato prima di sessanta giorni dal rilascio di copia del processo verbale di chiusura delle operazioni di controllo
Censurata la sola disposizione sull’inammissibilità dei ricorsi depositati prima della conclusione del procedimento, tra l’altro normativamente già superata con l’ultima legge di stabilità
pc
Applicazione semplice e facilmente utilizzabile da chi ha familiarizzato più con monitor e tastiera che con la vecchia biro, ormai sulla soglia della pensione di anzianità
faq
Chiarimenti su operazioni con soggetti residenti in Paesi della black list, caselle “Autofattura” e “reverse charge”, fatture emesse registrate tra i corrispettivi. E altro ancora
testo alternativo per immagine
Risolta l’asimmetria creatasi con il succedersi delle norme. Adesso, imposta sul valore aggiunto e imposte dirette possono continuare a viaggiare e relazionarsi come prima
modellino casa con contratto e chiavi
La riduzione del corrispettivo non comporta riliquidazione dell'imposta né risoluzione del contratto
testo alternativo per immagine
Il maggior tempo concesso all’ente locale per esercitare il controllo è ritenuto necessario a seguito della mancata collaborazione del contribuente, in tal modo sanzionandola