Schede Paese
Sint Maarten
Le principali fonti di reddito dello Stato provengono dal turismo e dal commercio internazionale
bandiera Saint Maarten
Isola delle ex Antille olandesi, il Paese caraibico costituisce una nazione costitutiva del regno dei Paesi Bassi; quest’ultimo gestisce le decisioni in tema di difesa e politica estera, mentre Sint Maarten agisce come nazione indipendente per tutte le altre materie.
Il territorio, situato nel sud del mare dei Caraibi, confina a nord con Saint-Martin, una collettività d’oltremare dipendente dalla Francia, che occupa la parte settentrionale dell’isola. Sint Maarten è una delle cinque isole dell’ex Antille olandesi, ufficialmente sciolte il 10 ottobre 2010.
Negli ultimi anni, proprio come territorio delle ex Antille olandesi, Sint Maarten ha rispettato gli standard internazionali stabiliti dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) e dall’Unione europea. Sono previsti diversi incentivi, nella forma di esenzioni e agevolazioni fiscali paragonabili a quelli vigenti nei Paesi Bassi e in Lussemburgo, per tutti i contribuenti.
 
Imposte sul reddito delle persone fisiche
Le persone fisiche residenti a Sint Maarten sono soggette a imposizione sulle entrate ovunque prodotte. I soggetti non residenti sono tassati solo sulle fonti di reddito nazionali.
L’imposta sul reddito delle persone fisiche prevede delle aliquote progressive fino al 47,5% (compreso un supplemento locale del 25%).
Rientrano nel computo del reddito personale i redditi da lavoro, compresi la maggior parte dei sussidi di disoccupazione, gli utili e le plusvalenze derivanti dall’esercizio di un’attività.
Fatte salve alcune restrizioni, sono concesse detrazioni per le spese mediche, le assicurazioni, le rendite di vecchiaia, gli interessi ipotecari; sono deducibili, inoltre, le indennità personali spettanti al contribuente, al suo coniuge, ai figli e ad altre persone a suo carico.
Uno speciale regime fiscale per espatriati, che prevede specifiche esenzioni, può essere applicato ai dipendenti assegnati a Sint Maarten. A tal fine il dipendente deve essere assunto dall’estero o distaccato presso un datore di lavoro interno a Sint Maarten, non deve aver vissuto a Sint Maarten per un periodo continuativo di almeno cinque anni prima del distaccamento a Sint Maarten, deve avere competenze specifiche che non sono disponibili o nel mercato del lavoro nazionale.

Imposta sul reddito delle società
L’imposta sui redditi societari prevede un’aliquota ordinaria del 30%. A ciò va aggiunta una sovrattassa del 15% che porta l’imposizione fiscale a un’aliquota effettiva del 34,5% per tutte le società.
Le società residenti sono tassate sul reddito “mondiale”, ossia sui redditi ovunque prodotti; quelle non residenti sono soggette ad imposizione solo per i proventi conseguiti all’interno del territorio di Sint Maarten. Il reddito derivante da fonti estere conseguito da soggetti residenti è imponibile secondo le stesse regole previste per i redditi nazionali. 
Le spese aziendali possono essere portate in deduzione ai fini del calcolo della tassazione reddituale. Le perdite possono essere riportate per 10 anni.
Può essere applicato il regime di participation exemption alle plusvalenze e ai dividendi derivati da una holding di Sint Maarten sulla base di una sostanziale partecipazione azionaria. Per beneficiare dell’esenzione, la società di Sint Maarten deve detenere una partecipazione sociale di almeno il 5% e la controllata deve essere soggetta a una tassazione pari almeno al 10%.
Sono previsti incentivi e agevolazioni fiscali per gli investimenti finalizzati, in senso lato, al miglioramento dell’economia del Paese, come, ad esempio, quelli effettuati nel settore del turismo, dello sviluppo del territorio o industriale.
In materia di transfer pricing, Sint Maarten rispetta le linee guida sui prezzi di trasferimento condivise a livello internazionale.
Le dichiarazioni fiscali, redatte secondo un sistema di autovalutazione, seguono l’anno solare e devono essere presentate entro sei o dodici mesi dalla fine dell’anno d’imposta della società.
Nei gruppi di imprese la società madre può richiedere che venga presentata un’unica dichiarazione dei redditi di gruppo. A tal fine, le società devono essere stabilite a Sint Maarten e la società madre deve detenere il 99% o più delle azioni in ciascuna delle società affiliate.

Imposta sulle vendite e altre tasse
L’imposta sulle vendite è riscossa sulla vendita di beni e sulla fornitura di servizi. Possono essere applicate diverse esenzioni. L’aliquota ordinaria è del 5%. I residenti e i non residenti che effettuano forniture imponibili di beni o servizi a Sint Maarten devono registrarsi; si applica un regime di autovalutazione e il pagamento deve essere effettuato su base mensile.
Sotto il profilo immobiliare, oltre a un’imposta sulla proprietà è prevista una tassa sul trasferimento di beni immobili pari al 4% del valore oggetto dell’alienazione. Non sono previste imposte di bollo mentre sono vigenti sia l’imposta sulle successioni che sulle donazioni.
Tra le fonti della legislazione fiscale, oltre alle leggi sulle imposte sui redditi, agli atti sul reddito personale e sui salari e alla legge sull'imposta generale, vanno annoverati anche la giurisprudenza, che fa parte della normativa, e gli annunci di politica fiscale da parte del governo.

Rapporti internazionali
Negli ultimi anni Sint Maarten ha stipulato quattro trattati fiscali, 19 accordi sullo scambio di informazioni fiscali (Tax Information Exchange Agreement) e quattro accordi per promuovere le relazioni economiche con altri Paesi.
 
Dati generali
 
Capitale: Philipsburg
Lingua ufficiale: Olandese, inglese
Moneta: Fiorino (“guilder”) delle Antille Olandesi (ANG)
Forma istituzionale: Monarchia costituzionale
 
Fonti
https://dit.sdeloitte.com/#TaxGuides
PWC

La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la direzione del giornale, né l’Agenzia delle Entrate
 
Andrea Santoro
pubblicato Mercoledì 11 Luglio 2018

I più letti

Nella corrispondenza, che contiene il logo dell'Agenzia delle entrate, si comunica il riconoscimento di un rimborso fiscale, per ottenere il quale bisogna scaricare un modulo allegato
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
immagine generica con mappa del globo
Tra le modifiche più rilevanti si segnala l'introduzione del concetto di significativa e continuativa presenza economica quale indice della sussistenza di una permanent establishment
Diventa definitiva la proroga dei termini per la ripresa dei versamenti di imposte, contributi e canone tv prevista a favore delle popolazioni di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria
Le sole opere di urbanizzazione non sono sufficienti a garantire, all’acquirente originario, la riduzione dei tributi sui trasferimenti di terreni, previsti dalla legge finanziaria 2001
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà subito l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il Mef ha stabilito gli importi delle deduzioni forfettarie e la misura del recupero del contributo al Ssn; dall’Agenzia arrivano le indicazioni per la loro esposizione nel modello Redditi
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino