Dalle regioni
Concluso a Napoli il Master in diritto tributario internazionale

Con la cerimonia di consegna delle pergamene si è conclusa ieri, 23 febbraio, presso la sala conferenze dell'ufficio di Napoli 2, la prima edizione del Master in diritto tributario internazionale organizzato dalla facoltà di Economia della II Università di Napoli, in collaborazione con la direzione regionale delle Entrate in Campania, la Scuola superiore di Economia e Finanze, la Guardia di finanza e l'Ordine dei dottori commercialisti di Napoli.

Al percorso specialistico di secondo livello, hanno partecipato giovani laureati, funzionari dell'Agenzia delle entrate della direzione regionale della Campania, commercialisti e ufficiali della Guardia di finanza.
Nove dei trentasei partecipanti hanno realizzato lo stage conclusivo del percorso formativo presso gli uffici della direzione regionale della Campania. Per ciascun settore, i dirigenti della struttura hanno fornito un quadro delle competenze e delle problematiche connesse agli argomenti oggetto del percorso formativo.

La cerimonia di consegna delle pergamene, coordinata da Mario Foglia, dirigente dell'Area di staff per le attività di comunicazione, e presieduta da Manlio Ingrosso, direttore del Master, è stata contrassegnata dagli interventi di Filippo Orlandi, direttore regionale, di Gianfranco Ferranti, capo del dipartimento di Scienze economiche e tributarie della Ssef, del generale Vito Bardi, comandante regionale della Guardia di finanza, di Vincenzo Moretta, vice presidente dell'Ordine dei dottori commercialisti di Napoli. Tra gli illustri ospiti presenti, sono intervenuti il generale di Corpo d'armata Giovanni Mariella, i professori Andrea Amatucci e Raffaele Perrone Capano, e il procuratore capo della Repubblica di Napoli, Giandomenico Lepore.

Unanime la convinzione di tutti gli intervenuti che la formazione debba essere integrata, cioè frutto dello scambio delle esperienze e professionalità maturate nei diversi settori. Solo il raccordo tra lo studio e la pratica operativa consente di adottare soluzioni sempre più adeguate a un mondo economico in continua trasformazione perché rispondente a regole globali. Le professioni fiscali devono proiettarsi in questa logica della formazione continua per poter far fronte alle necessità del mercato. Tale è stato l'obiettivo del Master.

Formare tributaristi di alta qualificazione in grado di operare in campo nazionale e internazionale, è, quindi, un importante passo verso un sistema integrato tra il mondo del lavoro e quello dell'alta formazione universitaria. Questo è l'orientamento degli studiosi presenti (i professori Ingrosso, Amatucci, Ferranti, Perrone Capano), ma anche dei rappresentanti delle Istituzioni (generale CdA Mariella, generale Bardi, procuratore capo della Repubblica Lepore) nonché delle professioni (Moretta). Lo scambio della cultura, teorica e pratica, costituisce un momento di confronto necessario nel mondo del lavoro, soprattutto grazie all'apporto della tecnologia che conferisce valore aggiunto e velocità di scambio alle diverse esperienze.

Il direttore Orlandi, in particolare, ha sottolineato l'importanza della sinergia tra le Istituzioni presenti sul territorio, per rispondere alla domanda professionale. Ed è proprio nell'ottica di una crescente integrazione delle esperienze formative, rivolte all'interno e all'esterno dell'Amministrazione, che la direzione regionale della Campania, facendo proprio l'obiettivo strategico della formazione fissato dall'Agenzia delle entrate, ha allestito un Centro integrato della formazione: un sistema di sedici sale distribuite sul territorio regionale e raccordate tra loro per la realizzazione di videoconferenze, corsi di formazione, tavole rotonde, eccetera.
Infine, il direttore Orlandi, considerato il successo di questa edizione del Master, ha anticipato la notizia del rinnovo dell'accordo per una seconda edizione del corso specialistico.



pubblicato Venerdì 24 Febbraio 2006

I più letti

Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
Le disposizioni di riferimento del Tuir per i proventi “paradisiaci” sono, per quanto concerne i primi, l’articolo 47, comma 4 e, per quanto concerne i secondi, l’articolo 68, comma 4
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino