Abruzzo
Corso di perfezionamento in Procedure e processo tributario
La direzione regionale Entrate dell'Abruzzo ha sottoscritto, lo scorso mese di dicembre, una convenzione con la facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Teramo e la fondazione dell'Ordine dei dottori commercialisti di Teramo per l'attivazione di un corso di perfezionamento in Procedure e processo tributario. Al corso possono iscriversi, fino a un massimo di sessanta, laureati quadriennali/triennali o specialistici in Giurisprudenza, Economia e Scienze Politiche o altro titolo equipollente.Sono ammessi al corso, a titolo gratuito e in soprannumero, anche dipendenti dell'Agenzia in servizio negli uffici della regione Abruzzo in possesso del medesimo requisito di ammissione in ordine al titolo di studio, in base alla proporzione di uno a quattro rispetto ai corsisti paganti, con un massimo di 10. L'attività didattica comprende un ciclo di 120 ore di lezioni in aula - tutti i venerdì dalle 9,30 alle 13,30 e dalle 14,30 alle 18,30 - con inizio il 31 gennaio 2007, e, per i soli corsisti esterni all'Agenzia, un ciclo di 180 ore di tirocinio formativo presso gli uffici dell'Amministrazione finanziaria o presso altri enti pubblici o privati o studi professionali.
La domanda di ammissione, redatta secondo l'apposito modulo, deve essere, entro il 15 gennaio 2007, spedita con raccomandata a.r. o presentata all'Università di Teramo, Settore didattica e studenti - Servizio ordinamenti didattici, Viale Crucioli 122 - 64100 Teramo.
Per ulteriori informazioni si rinvia alla consultazione del bando.
 

 

 
pubblicato Venerdì 5 Gennaio 2007

I più letti

Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
L’argomento trattato è il sistema di tassazione dei redditi percepiti dai nostri concittadini fuori dai confini nazionali: dove si pagano le imposte e come evitare la doppia tassazione
L’adempimento, già oggetto di proroga al prossimo 28 settembre, riguarda le informazioni Iva da trasmettere al Fisco anche da parte di chi ha esercitato l’opzione dell’invio telematico
È fondamentale trasmettere al cittadino la percezione positiva che lo Stato, oltre a chiedere il giusto, e a chiederlo in modo corretto, lo spenda in modo attento e produttivo
Utilizzando l'apposita applicazione informatica per compilarlo e inviarlo, è possibile avvalersi del calcolo automatico delle imposte e di eventuali sanzioni e interessi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
L’adempimento, già oggetto di proroga al prossimo 28 settembre, riguarda le informazioni Iva da trasmettere al Fisco anche da parte di chi ha esercitato l’opzione dell’invio telematico
L’argomento trattato è il sistema di tassazione dei redditi percepiti dai nostri concittadini fuori dai confini nazionali: dove si pagano le imposte e come evitare la doppia tassazione
immagine estratta dalla copertina della guida
Il vademecum predisposto dall'Agenzia delle entrate è stato aggiornato per adeguarne il contenuto alle recenti modifiche che hanno interessato la disciplina dell'ecobonus
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
L’adempimento, già oggetto di proroga al prossimo 28 settembre, riguarda le informazioni Iva da trasmettere al Fisco anche da parte di chi ha esercitato l’opzione dell’invio telematico
Slitta il debutto per l’adempimento che ha sostituito la trasmissione annuale dello “spesometro”. Il nuovo termine viene incontro alle esigenze segnalate dai professionisti
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino