Piemonte
“Lo Sport no profit” protagonista a Torino

Lunedì 5 dicembre 2005 alle 11.30, a Torino, Via Avogadro 30, nella sala congressi dell'assessorato allo Sport della Regione Piemonte verrà presentato il vademecum "Lo sport no profit - Aspetti giuridici, fiscali e amministrativi delle associazioni e società sportive dilettantistiche". La pubblicazione nasce dall'accordo fra l'Agenzia delle Entrate e la Finpiemonte, e si avvale della collaborazione della Regione Piemonte, del Comitato Regionale del Coni, dell'Ordine dei commercialisti di Ivrea, Pinerolo e Torino, del Collegio dei ragionieri e periti commerciali di Torino e dell'Istituto per il credito sportivo. E' stata ideata con la comune volontà di fornire al mondo dello sport dilettantistico, un sussidio informativo per facilitare gli adempimenti amministrativi e fiscali da parte delle società sportive senza fine di lucro. Come mostrano i dati Istat, infatti, nel settore sportivo la presenza del volontariato e delle piccole società è assolutamente prevalente: attualmente, in Piemonte, le istituzioni private no profit rappresentano il 65,4 per cento dei soggetti operanti.
Il vademecum "Lo sport no profit" rappresenta il primo passo di un accordo di collaborazione tra l'Agenzia delle Entrate e la Finpiemonte, finalizzato a favorire percorsi formativi e a far evolvere qualitativamente la gestione e l'operatività delle stesse società, rendendole maggiormente professionali e manageriali nell'affrontare le problematiche connesse alle loro attività.
Dopo i saluti delle Autorità, gli interventi dei relatori riguarderanno:

  • "Il trattamento fiscale agevolato dei compensi e delle indennità agli sportivi dilettanti e ai collaboratori amministrativi"
  • "La personalità giuridica e l'iscrizione nel Registro nazionale delle associazioni e società sportive dilettantistiche".


 

pubblicato Venerdì 2 Dicembre 2005

I più letti

La legge di bilancio non ha chiarito, ma modificato, le regole e, mancando una espressa previsione di retroattività, gli atti antecedenti al 2018 seguono la precedente normativa
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
L’Agenzia precisa che il tax credit è applicabile anche nel caso in cui le spese agevolabili siano sostenute da una società residente su incarico del socio unico statunitense
immagine generica illustrativa
Vale per le imposte sui redditi; ai fini Iva, invece, l’ufficio deve provare la macroscopica non convenienza rilevante quale indizio dell’assenza di connessione tra costo e attività d’impresa
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino