Dalle regioni
Napoli, nuovi orari di apertura al pubblico per gli uffici delle Entrate

A partire da questo mese i quattro uffici dell'Agenzia delle entrate di Napoli uniformano gli orari di apertura al pubblico degli sportelli di front-office.

Il nuovo orario rende possibile l'apertura al pubblico per ventiquattro ore settimanali, così come previsto dalla Carta dei servizi adottata dall'Agenzia che impegna l'Amministrazione finanziaria a raggiungere e mantenere determinati standard di qualità.

L'apertura pomeridiana degli sportelli, quindi, passa da due a quattro pomeriggi settimanali, l'intervallo di chiusura dalla mattina al primo pomeriggio si riduce di trenta minuti e viene confermata l'apertura al pubblico per cinque giorni a settimana (di cui quattro, rispetto ai due di prima, anche al pomeriggio).

Di seguito i nuovi orari di apertura degli uffici di Napoli:

Giorno
Mattina
Pomeriggio
LUNEDI'
Dalle ore 9,00 alle ore 13,00
Dalle ore 14,30 alle ore 15,30
MARTEDI'
Dalle ore 9,00 alle ore 13,00
Dalle ore 14,30 alle ore 15,30
MERCOLEDI'
Dalle ore 9,00 alle ore 13,00
Dalle ore 14,30 alle ore 15,30
GIOVEDI'
Dalle ore 9,00 alle ore 13,00
Dalle ore 14,30 alle ore 15,30
VENERDI'
Dalle ore 9,00 alle ore 13,00
-----------CHIUSURA----------

pubblicato Lunedì 7 Maggio 2007

I più letti

vignetta
Nuove e più avanzate forme di comunicazione entrano in gioco nei rapporti tra Fisco, contribuenti e Guardia di finanza. Ad andare in chiaro, ora, è l’attivo del reddito d’impresa
testo alternativo per immagine
Il parere dell’Agenzia sul principio di neutralità fiscale dell’operazione in capo ai soci, in base al quale il concambio delle partecipazioni originarie non genera materia imponibile
sttretta di mano
Al centro del protocollo, lo scambio di informazioni e la lotta alle compensazioni indebite, finalizzate principalmente al rilascio del documento unico di regolarità contributiva
computer
Le applicazioni utilizzano una nuova tecnologia che consente di usufruire sempre dell’ultima versione disponibile del programma, evitando le procedure di aggiornamento
agenzia immobiliare
Il loro elevato numero e le contraddizioni rilevate tra agende e block notes danno origine a presunzioni semplici, ma corredate dai requisiti di gravità, precisione e concordanza
vignetta
Nuove e più avanzate forme di comunicazione entrano in gioco nei rapporti tra Fisco, contribuenti e Guardia di finanza. Ad andare in chiaro, ora, è l’attivo del reddito d’impresa
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
lavagna
Sono 204, aggiornati con i correttivi anticrisi e, allegati a Unico 2015, vanno trasmessi tramite i servizi telematici Entratel o Fisconline, direttamente o avvalendosi di intermediari
somma su lavagna
I costi dei servizi sono deducibili nell’anno in cui la prestazione è portata a termine, a prescindere dal momento in cui viene emessa la fattura o è effettuato il pagamento
due tasti del pc
I database delle due agenzie fiscali interessate alle nuove modalità di trasmissione delle dichiarazioni di chi effettua operazioni con l’estero, ora parlano la stessa lingua
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
immagine
Sono escluse dall’applicazione del meccanismo le attività di pulizia specializzata di impianti e macchinari industriali, in quanto questi strumenti non rientrano nella nozione di edifici
faq
Chiarimenti su operazioni con soggetti residenti in Paesi della black list, caselle “Autofattura” e “reverse charge”, fatture emesse registrate tra i corrispettivi. E altro ancora
Dogana con la Svizzera
La corretta collocazione nei modelli del regime che consente agli acquirenti stranieri di non pagare l’imposta sul valore aggiunto relativa a beni comprati in Italia