Calabria
Recupero evasione fiscale, intesa fra Entrate e Comune di Cosenza
il Comune riceverà una quota pari al 100% delle somme recuperate a seguito delle segnalazioni effettuate
Recupero evasione fiscale, intesa fra Entrate e Comune di Cosenza
La Direzione regionale della Calabria delle Entrate ha siglato oggi con il Comune di Cosenza un protocollo d’intesa per la collaborazione nel recupero dell’evasione dei tributi erariali. L’intesa è stata firmata dal Direttore regionale dell’Agenzia, Giuseppe Orazio Bonanno, e dal sindaco del Comune di Cosenza, Mario Occhiuto.
 
 
Lo scambio di informazioni- L’accordo tra i due enti prevede uno scambio strutturato di informazioni qualificate, trasmesse in via telematica, attraverso il quale l’Amministrazione finanziaria potrà disporre di dati e notizie qualificanti da utilizzare ai fini dell’accertamento fiscale dei tributi. Per il 2017, il Comune riceverà una quota pari al 100% delle somme recuperate a seguito delle segnalazioni effettuate, che abbiano contribuito al buon esito dell’accertamento fiscale. Questi i settori interessati:
 
- il commercio e le professioni:
  • svolgimento attività senza partita Iva;
  • svolgimento attività diversa da quella dichiarata;
  • ricavi/compensi incoerenti rispetto a quelli dichiarati;
  • affissione pubblicitaria abusiva;
  • ente non commerciale con attività lucrativa. 
    - l’urbanistica e il territorio, la proprietà edilizia e il patrimonio immobiliare:
  • opere di lottizzazione in funzione strumentale alla cessione di terreni;
  • professionista o imprenditore che ha partecipato ad operazioni di abusivismo edilizio;
  • proprietà o diritto reale in assenza di contratti registrati o non indicato in dichiarazione;
  • accertamento per omessa dichiarazione Ici;
  • accertamento per omessa dichiarazione Tarsu/Tia;
  • revisione di rendita catastale ex art. 1, comma 336, della legge n. 311 del 2004. 
    - le residenze fittizie all’estero e la disponibilità di beni e servizi di rilevante valore indicativi di capacità contributiva:
  • soggetti ai quali, di fatto o di diritto, siano riconducibili beni indicativi di capacità contributiva;
  • soggetti interponenti. 
pubblicato Martedì 11 Luglio 2017

I più letti

Con un altro provvedimento, anch’esso pronto per la firma, slitta al 31 ottobre il termine per la presentazione della dichiarazioni dei redditi, Irap e dei modelli dei sostituti, i 770/2017
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Secondo l’Agenzia delle Entrate, nella fattispecie non sussistono i presupposti per l’applicazione della disciplina dell’articolo 10-bis dello Statuto dei diritti del contribuente
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dopo aver ribadito i requisiti previsti dal Tuir per la deducibilità dei costi, l’Agenzia delle Entrate mette in chiaro le modalità per la loro conservazione dematerializzata
Con un altro provvedimento, anch’esso pronto per la firma, slitta al 31 ottobre il termine per la presentazione della dichiarazioni dei redditi, Irap e dei modelli dei sostituti, i 770/2017
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino