Emilia Romagna
Bologna, le Entrate alla “Settimana dell’Amministrazione Aperta”
"Incontri di quartiere" e "Consulente in famiglia" le iniziative per favorire la partecipazione del contribuente
Bologna, le Entrate alla “Settimana dell’Amministrazione Aperta”
Far partecipare attivamente il contribuente alla sua “vita” fiscale: questo l’obiettivo delle iniziative presentate oggi dall’Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna nell’ambito dell’evento “Per un Fisco Partecipato. La dichiarazione dei redditi precompilata”, inserito nella manifestazione Settimana dell’Amministrazione Pubblica promossa dal Dipartimento della Funzione Pubblica.
L’incontro, tenuto presso la Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate, ha visto la partecipazione del Direttore regionale, Paola Muratori, dell’Assessore al Bilancio del Comune di Bologna, Davide Conte, e della dirigente dell’Ufficio Scolastico regionale, Maurizia Migliori.

Le iniziative in Emilia-Romagna. Due le iniziative in programma in Emilia-Romagna per promuovere la partecipazione diretta del contribuente, attraverso la dichiarazione dei redditi precompilata: gli incontri di quartiere, durante i quali i funzionari dell’Agenzia delle Entrate spiegano i passaggi fondamentali della procedura e forniscono supporto ai contribuenti per la compilazione e l’invio della dichiarazione; il progetto Un consulente in famiglia, un programma di educazione alla legalità rivolto agli studenti di alcuni Istituti superiori di Bologna, con una sezione laboratoriale dedicata alla dichiarazione dei redditi on line. L’idea di fondo è rendere il contribuente sempre più autonomo nello svolgimento degli adempimenti fiscali. La novità di quest’anno, per quanto riguarda gli incontri di quartiere, è il coinvolgimento diretto delle associazioni nell’organizzazione degli incontri e l’attenzione alle categorie deboli (es. lavoratori precari, contribuenti stranieri), destinatarie di una specifica campagna di informazione. Nel progetto Un consulente in famiglia, invece, il protagonista è lo studente, a cui è affidato il compito – con il supporto dei funzionari dell’Agenzia delle Entrate – di assistere il proprio familiare alle prese con la dichiarazione dei redditi on line.

Il 730 precompilato: il bilancio del 2016. In Emilia-Romagna, le dichiarazioni dei redditi presentate on line dal contribuente nel 2016 sono state oltre 132mila. A livello provinciale il primato spetta, per ovvie ragioni legate alla popolazione di riferimento, a Bologna (42mila dichiarazioni precompilate inviate); seguono Modena (17.177), Parma (14.483), Ravenna (12.864), Reggio Emilia (12.003), Forlì-Cesena (10.170), Ferrara (9.004), Piacenza (8.283), Rimini (6.405). La fascia di età più a suo agio con la dichiarazione precompilata è quella tra i 41 e i 50 anni (25% delle dichiarazioni presentate), ma non rinunciano ai vantaggi dell’on line i quasi 12mila ultrasettantenni emiliano-romagnoli che hanno presentato la dichiarazione da soli.  

Il 730 precompilato: le novità del 2017. Si arricchisce di nuovi dati la dichiarazione precompilata del 2017: in aggiunta ai redditi da lavoro dipendente e da pensione, alle detrazioni per ristrutturazioni edilizie e per gli interessi passivi sui mutui prima casa- solo per citarne alcuni – da quest’anno entrano nella precompilata anche i compensi versati a psicologi, infermieri, ostetriche, radiologi e veterinari, come pure le spese in parafarmacia.

La dichiarazione del Direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna. La nostra partecipazione alla Settimana dell’Amministrazione Aperta è il segno di un percorso che abbiamo intrapreso e che continueremo a portare avanti nei prossimi anni – afferma il Direttore regionale, Paola Muratori. L’obiettivo che ci proponiamo non è soltanto numerico, non è solo aumentare la percentuale di dichiarazioni trasmesse on line direttamente dal contribuente, ma è un obiettivo anche ‘culturale’, vale a dire una più ampia partecipazione del contribuente alla propria vita fiscale e soprattutto una maggiore vicinanza e fiducia tra cittadino e Agenzia delle Entrate”.
 
 
 
pubblicato Mercoledì 8 Marzo 2017

I più letti

L’imposta sostitutiva può essere versata, con modello F24, in un’unica soluzione oppure in tre rate annuali di pari importo; in quest’ultimo caso, sono dovuti gli interessi del 3%
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
I contribuenti che hanno inviato le istanze di adesione riceveranno, da Agenzia delle Entrate-Riscossione, la comunicazione delle somme dovute con l’elenco dei carichi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
L’Agenzia delle entrate, nel documento di prassi, delinea l’ambito dei soggetti interessati e individua quali enti rientrano nel perimetro delle banche e degli intermediari finanziari
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Presupposto del regime di favore è la sostanza dell’attività esercitata, gli enti associativi non godono di uno status di extrafiscalità che li esenta per definizione da ogni imposizione
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
Previsti tre diversi metodi di determinazione della base imponibile a seconda della natura dei beni rivenduti, delle modalità di esercizio dell’attività e dei soggetti rivenditori
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino