Emilia Romagna
Si rinnova in Emilia Romagna il Patto per la legalità fiscale e sociale
Prosegue la collaborazione dei Comuni alle attività di accertamento con Agenzia e Guardia di Finanza
Si rinnova in Emilia Romagna il Patto per la legalità fiscale e sociale

Continua il sodalizio tra Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza e Comune di Bologna. E’ stato rinnovato oggi, 22 novembre, infatti, per la seconda volta, il Patto per la legalità fiscale e sociale. L’obiettivo principale della collaborazione avviata nel 2012 con la Guardia di Finanza e il Comune di Bologna, e proseguita con un primo rinnovo nel 2015, è definire, all’interno della più ampia cornice della partecipazione alle attività di accertamento e attraverso il coordinamento inter-istituzionale, piani di controllo mirati su particolari tipologie di soggetti, attività e operazioni. Diversi sono i vantaggi: la possibilità di attingere a nuove fonti di innesco dell’attività di controllo; l’incremento delle segnalazioni di possibile evasione fiscale, ma anche una maggiore equità fiscale e fruizione dei servizi di welfare, fattori, questi ultimi, che incidono in modo significativo anche sulla tax compliance.
 

In base all’accordo il tavolo tecnico, composto dai rappresentanti dei tre enti, assicura il coordinamento operativo di specifici percorsi di indagine. I tecnici comunali, inviano all’Agenzia delle Entrate e alla Guardia di Finanza segnalazioni mirate su particolari tipologie di soggetti, attività ed operazioni (ad esempio titolari di partite Iva, dichiarazioni Isee, iscrizioni al registro dei residenti all’estero (Aire), ecc.). L’Agenzia delle Entrate fornisce al Comune dati e notizie per gli accertamenti Imu e per la revoca di agevolazioni non spettanti. Compito della Guardia di Finanza, infine, è quello di comunicare all’Agenzia gli esiti dei controlli effettuati sulla base delle segnalazioni comunali. Inoltre, l’accordo prevede anche percorsi di indagine che ricomprendono attività indirizzate al miglioramento della qualità dei dati e della fruibilità dei servizi catastali. Spetta al Comune, infatti, segnalare all’Agenzia, le unità immobiliari il cui classamento risulti palesemente incongruente rispetto a fabbricati similari e aventi medesime caratteristiche. Attenzione specifica è poi dedicata alla lotta agli affitti "in nero", attraverso l’analisi incrociata delle informazioni in possesso del Comune. Il Patto si affianca al Progetto Sportello Registrazione Affitti, un accordo siglato nel giugno del 2012 con l’Università Alma Mater di Bologna per promuovere la legalità fiscale.

 

 

pubblicato Giovedì 22 Novembre 2018

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino