Liguria
Stadio Ferraris di Genova, Entrate “arbitro” per la stima
In campo il Comune e le due squadre cittadine. Al sindaco la perizia dell’Ufficio provinciale-Territorio
Stadio Ferraris di Genova, Entrate “arbitro” per la stima
Quanto vale uno stadio di calcio? Se lo chiedi a uno dei tanti tifosi rossoblucerchiati che di domenica affollano gli spalti del “Ferraris”, ti risponderà che “non ha prezzo”, misurando tale richiesta in base alla febbre che attacca chiunque segue le vicende calcistiche delle due squadre genovesi.
Ma se la domanda, ovvero il quesito estimale, è posta dal sindaco della città all’Agenzia delle entrate, allora la storia diventa molto più complessa e vale la pena di essere raccontata anche perché non capita spesso di dover ricercare “il più probabile valore di mercato all’attualità” di un tempio laico quale è uno stadio di calcio.
 
Stadio Ferraris, una storia antica alle spalle  
Quello genovese, inaugurato nel 1911, è uno dei più antichi d’Italia ancora in funzione nel sito originario dove fu edificato dalla Genoa Cfc, che fu la prima società calcistica a dotarsi di un impianto di proprietà. Dopo alcuni importanti lavori di ristrutturazione, il “nuovo” stadio fu inaugurato nel 1933 e intitolato a Luigi Ferraris, capitano della squadra del Genoa, caduto durante la prima guerra mondiale, diventando uno dei più moderni dell’epoca.
 
L’ultimo importante restyling fu impresso in occasione di “Italia 90” dall’architetto Vittorio Gregotti, che lo concepì come un moderno stadio all’inglese con gli spalti a ridosso del campo per consentire una visuale ravvicinata del gioco.
Se da sempre al “Marassi” – altro nome di battesimo dello stadio, dal quartiere in cui si trova – sono andate in scena epiche disfide tra le due tifoserie, oggi le due società si trovano alleate nella richiesta di acquisto formulata al Comune che ne detiene la proprietà e che ne ha già conferito la gestione – fino al 2022 –  alla Luigi Ferraris srl, società paritariamente posseduta dai due club.
 
Le perizie dell’Ufficio delle Entrate di Genova
Da qui nasce il quesito posto: quanto vale lo stadio? Nei giorni scorsi è stata fornita la risposta, ovvero la stima che i tecnici dell’Upt hanno redatto con cura e attenzione, che ha richiesto l’impegno di un team dedicato per un periodo non breve. Dire dei criteri e della metodologia scelta significa ripercorrere i principi dell’estimo che, come sempre, guidano le perizie di stima redatte dai valutatori. In questo caso, scelto il procedimento del costo di riproduzione deprezzato, la vera difficoltà è stata quella di recuperare da fonti attendibili le varie voci che concorrono a determinarne il valore attraverso tale metodologia.
 
Del resto, non è la prima volta che il settore dedicato dell’Upt di Genova si misura con quesiti estimali a elevata difficoltà. E non la prima volta che la riconosciuta professionalità e competenza contribuisce ad accreditare tale struttura come uno dei punti di riferimento più preziosi per gli enti locali che si trovano a gestire “pratiche” ad alto tasso di sensibilità economica.
 
È già accaduto che l’Università abbia scelto come proprio partner “estimativo” proprio l’ufficio genovese per diverse e delicate perizie del proprio patrimonio immobiliare. Oppure che Regione Liguria si sia affidata per diverse volte all’Upt per stime e consulenze di vario genere: l’ultima, per gli immobili della collina degli Erzelli che oggi ospita il “Great Campus”, ovvero il Parco scientifico e tecnologico più grande d’Italia.
Più recentemente è stata “Arte”, l’Azienda regionale territoriale per l’edilizia, ad affidare l’incarico di stimare tutto il portafoglio immobiliare ex ospedaliero, che aveva ricevuto in eredità proprio dall’Ente di piazza De Ferrari. In questo caso, il lavoro ha coinvolto tutti e quattro gli Upt liguri e gli immobili da stimare erano di vario genere e destinazione. Ecco, in tutti questi casi, la risposta fornita è stata sempre giudicata ad alto valore professionale anche dal mondo dei valutatori indipendenti e accademici tanto da accreditarne i risultati in diverse situazioni di pubblici convegni.
Dunque, se vi capitasse di leggere un annuncio simile, “Vendesi Stadio, da riordinare, zona semi-centrale, trattativa riservata” e se il prezzo vi sembrasse troppo elevato, saprete chi contattare…
 
 
Alessandro De Falco
pubblicato Mercoledì 11 Luglio 2018

I più letti

La legge di bilancio non ha chiarito, ma modificato, le regole e, mancando una espressa previsione di retroattività, gli atti antecedenti al 2018 seguono la precedente normativa
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
L’Agenzia precisa che il tax credit è applicabile anche nel caso in cui le spese agevolabili siano sostenute da una società residente su incarico del socio unico statunitense
immagine generica illustrativa
Vale per le imposte sui redditi; ai fini Iva, invece, l’ufficio deve provare la macroscopica non convenienza rilevante quale indizio dell’assenza di connessione tra costo e attività d’impresa
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino