Lombardia
Evasione: a Milano rinnovata intesa fra Entrate, Comune e Gdf
L’accordo prevede la collaborazione tra i 3 attori attraverso uno scambio d’informazioni sistematico e pianificato
Evasione: a Milano rinnovata intesa fra Entrate, Comune e Gdf
Comune di Milano, Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza rafforzano la collaborazione e continuano a fare squadra per garantire legalità e equità sociale.
Rinnovata oggi la convenzione tra il Comune di Milano, la Direzione regionale della Lombardia dell’Agenzia delle Entrate e il Comando regionale della Guardia di Finanza per intensificare la collaborazione per il contrasto all’evasione fiscale, sia nell’ambito tributario generale, sia in quello immobiliare e catastale.

Come funziona il patto - l’accordo prevede la stretta collaborazione tra i tre attori del sistema della fiscalità attraverso un piano sistematico di scambio d’informazioni e dati che siano utili all’Agenzia e alla Guardia di Finanza per individuare situazioni di evasione o elusione fiscale.
In particolare, il Comune predispone e invia tramite web all’Agenzia e alla Guardia di Finanza segnalazioni qualificate relative a dati e notizie che evidenzino situazioni ad alto potenziale di evasione. Il Comune, inoltre, si impegna a condividere informazioni relative a situazioni di anomalie o incongruenze nei dati dichiarati dai cittadini così che le amministrazioni fiscali possano fare ulteriori controlli.

Le segnalazioni del settore immobiliare – Il Comune, avendo il presidio del territorio, dispone di informazioni molto dettagliate, come ad esempio, il settore del commercio e delle professioni, l’urbanistica e territorio, le proprietà edilizie e il patrimonio immobiliare.
Per questo settore è previsto l’invio di segnalazioni relative agli immobili non dichiarati in catasto o a quelli per i quali non sono state denunciate modifiche a seguito di variazioni edilizie; segnalazioni relative alla congruità del classamento catastale e alla corretta intestazione degli immobili. Saranno evidenziati anche i casi necessari di verifica sull’effettivo stato delle unità immobiliari urbane censite nelle categorie F/3 (unità in corso di costruzione) ed F/4 (unità in corso di definizione).
Inoltre, tramite le funzionalità messe a disposizione dall’Agenzia sul “Portale per i Comuni”, saranno trasmesse le segnalazioni di incoerenza relative a denunce di accatastamento/variazione con procedura Docfa.
La convenzione prevede anche un’attività di sensibilizzazione congiunta per l’emersione e la regolarizzazione dei contratti di affitto “in nero” e continueranno le segnalazioni sulle residenze fittizie all’estero.

Una maggiore equità e legalità – La collaborazione tra Comune di Milano, Agenzia e Guardia di Finanza garantirà una maggiore equità nei servizi sociali messi a disposizione dei cittadini da parte del Comune, per quanto riguarda ad esempio il riconoscimento di agevolazioni e benefici fiscali realmente spettanti, e una maggiore tutela della legalità contrastando le irregolarità amministrative e fiscali.
“Continuiamo la collaborazione con il Comune di Milano e la Guardia di Finanza per sviluppare sempre più le sinergie attivate negli anni scorsi. Vogliamo ancora garantire nel tempo risultati importanti, non solo nella correttezza degli adempimenti fiscali da parte di tutti i contribuenti, ma anche per far crescere il senso di giustizia sociale tra i cittadini milanesi. ” ha dichiarato al tavolo della firma il Direttore regionale delle Entrate della Lombardia Giovanna Alessio.
“Il rinnovo della convenzione sottoscritta con il Comune di Milano e l’Agenzia delle Entrate costituisce un importante esempio di collaborazione interistituzionale volta a garantire una sempre più efficiente gestione delle risorse pubbliche. Assicurare livelli crescenti di legalità economica, infatti, è il presupposto necessario perché possano continuare ad essere erogati quei servizi indispensabili a mantenere e, in prospettiva, migliorare tanto una buona qualità della vita dei singoli quanto, più in generale, la coesione sociale” ha dichiarato all’atto della sottoscrizione il Comandante regionale Lombardia della Guardia di Finanza Gen.D. Piero Burla .
“La cooperazione istituzionale, lo scambio di informazioni e la condivisione di banche dati sono gli strumenti d’elezione per ridurre l’evasione fiscale nel Paese. In questa direzione, un passo ulteriore che gli enti territoriali si aspettano dal governo è una proposta di riforma del sistema di riscossione”. Lo afferma l’assessore al Bilancio e al Demanio del Comune di Milano, Roberto Tasca.

La formazione continua e i tavoli tecnici – L’Agenzia e la Guardia di Finanza rinnovano il proprio impegno verso il Comune di Milano per assicurare una continua formazione ai funzionari comunali. Per garantire la massima operatività all’accordo sono previsti anche tavoli tecnici con l’obiettivo di individuare ulteriori e sempre più proficui percorsi di indagine.
 
pubblicato Mercoledì 26 Luglio 2017

I più letti

Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Con un’integrazione al provvedimento sull’obbligo di rendicontazione dei gruppi societari multinazionali, pubblicato lo scorso 28 novembre, arrivano i chiarimenti sul primo appuntamento
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino