Lombardia
Fisco: a confronto Italia e Germania
Futuri funzionari pubblici tedeschi in visita presso la Direzione provinciale di Bergamo per conoscere l’Agenzia
Fisco: a confronto Italia e Germania
Lo scorso 11 aprile la Direzione provinciale di Bergamo ha ospitato, per il 14° anno consecutivo, gli studenti del Corso tributario della HVF di Ludwigsburg (Hochschule für öffentliche Verwaltung und Finanzen), istituto che si occupa della formazione dei futuri funzionari pubblici tedeschi.
 
L’iniziativa ha consentito ai giovani allievi di conoscere più da vicino i compiti, le funzioni e gli obiettivi istituzionali dell’Agenzia delle Entrate italiana e confrontarsi con il nostro sistema fiscale. Un incontro che quest’anno cade in occasione del 60° Anniversario della firma dei Trattati di Roma costituenti l’Unione Europea.
 
L’esperienza ha permesso un proficuo scambio di conoscenze tra i funzionari delle Entrate italiani e quelli tedeschi ed è stata importante per approfondire la mission istituzionale, il “cambia verso” e la strategia di prevenzione dell’Agenzia.
Gli studenti tedeschi hanno visitato l’Ufficio Controlli di Bergamo e, in particolare, le stanze che sono state inaugurate recentemente per offrire ai contribuenti un’assistenza specifica sulle lettere inviate per la compliance.
 
A presiedere l’incontro, il Direttore provinciale di Bergamo, Antonino Lucido.
Gli studenti sono stati accompagnati dai professori Wolfgang Rieth e Stefan Faiss e hanno avuto il supporto linguistico di Elmo Walter Tamarindo, dottore commercialista e collaboratore del Dipartimento di Scienze Economiche e Finanziarie dell’Università di Genova, in qualità di tutor.
Presenti all’incontro un ufficiale in rappresentanza dell’Accademia della Guardia di Finanza di Bergamo e i funzionari dell’Agenzia delle Entrate di Bergamo, che in qualità di relatori, si sono soffermati sulle modalità operative del “cambia verso” e della tax compliance.
 
Sonia Ogliari
pubblicato Giovedì 13 Aprile 2017

I più letti

Con un altro provvedimento, anch’esso pronto per la firma, slitta al 31 ottobre il termine per la presentazione della dichiarazioni dei redditi, Irap e dei modelli dei sostituti, i 770/2017
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Secondo l’Agenzia delle Entrate, nella fattispecie non sussistono i presupposti per l’applicazione della disciplina dell’articolo 10-bis dello Statuto dei diritti del contribuente
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dopo aver ribadito i requisiti previsti dal Tuir per la deducibilità dei costi, l’Agenzia delle Entrate mette in chiaro le modalità per la loro conservazione dematerializzata
Con un altro provvedimento, anch’esso pronto per la firma, slitta al 31 ottobre il termine per la presentazione della dichiarazioni dei redditi, Irap e dei modelli dei sostituti, i 770/2017
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino