Marche
Accordo nelle Marche tra Entrate e commercialisti
Ancona: protocollo d’intesa per un rapporto più facile tra i contribuenti e il fisco
panorama di Ancona
Rinnovata la collaborazione tra l’Agenzia e l’Unione regionale degli Ordini dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili della regione Marche. Il Direttore regionale delle Entrate e il Presidente dell’Unione regionale degli ODCEC provinciali hanno siglato oggi, ad Ancona, un protocollo di intesa per favorire il progressivo miglioramento dei rapporti tra fisco e cittadini.

Il cuore dell’intesa
L’accordo ha l’obiettivo di incrementare l’uniformità dei comportamenti nel territorio e proporre ai rispettivi organi nazionali soluzioni comuni alle diverse esigenze, ma anche di agevolare l’adempimento degli obblighi fiscali e sviluppare i canali di comunicazione telematica per tendere a una semplificazione dell’accesso ai servizi di assistenza e di informazione. In questo contesto si inserisce la “tax compliance”, da perseguire e consolidare grazie alla realizzazione di concrete forme di cooperazione e di scambio di informazioni, per una sempre maggiore efficacia dell’azione fiscale al servizio della collettività.

Ruoli diversi, obiettivo comune
“L’Agenzia ha intrapreso da alcuni anni un percorso rivolto a migliorare il dialogo con i cittadini, grazie anche ad una maggiore efficienza nell’erogazione dei servizi” ha dichiarato il Direttore regionale delle Entrate, Rossella Rotondo. “In Italia” - ha aggiunto il Direttore - “l’ODCEC svolge un ruolo fondamentale per il corretto adempimento degli obblighi tributari ed in generale per la diffusione di una sempre più estesa cultura ed etica fiscale, che configura il primo gradino per una maggiore affermazione di comportamenti positivi e adempimenti spontanei da parte dei contribuenti”.
Per il Presidente dell’Unione Regionale degli Ordini, Eliana Quintili “La firma di questo protocollo, in uno spirito collaborativo e non in contrapposizione, garantisce ai contribuenti che i Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili regolarmente abilitati sono gli unici interlocutori preparati e affidabili a rappresentarli, a tutela anche dell’intero sistema economico e della fede pubblica”.
pubblicato Giovedì 11 Ottobre 2018

I più letti

L’eccedenza evidenziata nel modello “ultra tardivo” non può essere recuperata con il debito fiscale del periodo d’imposta successivo, ma soltanto tramite richiesta di rimborso
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Maggiori importi di Irap e Ires dimezzati, niente sconti per l’Iva. Versamenti con il modello F24 riducendo direttamente la pretesa del Fisco. Assistenza presso gli uffici
Alle società e alle associazioni, iscritte nel Registro Coni, si applicano le regole previste per tutti gli altri contribuenti, con alcune specificità relative agli importi da pagare
immagine di una lente e di documenti
Di cosa si tratta, l’ambito oggettivo, gli esclusi dalla procedura, qual è il vantaggio, termini per il versamento, modalità di compilazione delle deleghe, pagamento rateale
Definite anche le regole con cui gli intermediari possono inviare all’Amministrazione finanziaria la comunicazione telematica relativa ai dati essenziali degli incarichi ricevuti
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine di una lente e di documenti
Di cosa si tratta, l’ambito oggettivo, gli esclusi dalla procedura, qual è il vantaggio, termini per il versamento, modalità di compilazione delle deleghe, pagamento rateale
Entro il 30 aprile 2019 le richieste dovranno essere presentate direttamente agli sportelli della Riscossione o trasmesse alla casella pec della direzione regionale competente
Per il perfezionamento della procedura, entro il 31 maggio 2019 bisogna presentare un’apposita domanda e versare, con F24, l’importo dovuto, pari al valore della controversia
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino