Marche
Ancona, intesa Entrate-Comitato regionale dei Consigli notarili
L'intesa rilancia la collaborazione per migliorare i rapporti con i contribuenti e tutelare l’uniformità interpretativa
Ancona, intesa Entrate-Comitato regionale dei Consigli notarili
Il Direttore Regionale dell’Agenzia delle Entrate delle Marche, Carmelo Rau, e il Presidente del Comitato Regionale dei Consigli Notarili delle Marche, Pietro Ciarletta, hanno sottoscritto ad Ancona un nuovo protocollo di intesa che rilancia la collaborazione tra i due organismi per migliorare i rapporti con i contribuenti e tutelare l’uniformità interpretativa, estesa anche alle attività dei servizi catastali e di pubblicità immobiliare.

Cosa prevede l’intesa - Sarà istituito un tavolo tecnico congiunto di confronto periodico in cui le parti esamineranno questioni interpretative. Le soluzioni condivise saranno tempestivamente rese note agli uffici e agli studi notarili per favorire la semplificazione e l’equità dei rapporti con i contribuenti sulla base dei principi dello Statuto del Contribuente e di Deontologia Notarile. La Direzione Regionale si impegna, inoltre, a sottoporre agli uffici centrali dell’Agenzia delle Entrate le questioni emerse nel corso degli incontri che risultino non risolvibili a livello locale.
Ulteriore elemento di spicco del protocollo è la promozione dei servizi telematici dell’Agenzia e della semplificazione delle procedure e degli adempimenti tecnici e amministrativi.
 
pubblicato Giovedì 15 Giugno 2017

I più letti

L’imposta sostitutiva può essere versata, con modello F24, in un’unica soluzione oppure in tre rate annuali di pari importo; in quest’ultimo caso, sono dovuti gli interessi del 3%
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
I contribuenti che hanno inviato le istanze di adesione riceveranno, da Agenzia delle Entrate-Riscossione, la comunicazione delle somme dovute con l’elenco dei carichi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
L’Agenzia delle entrate, nel documento di prassi, delinea l’ambito dei soggetti interessati e individua quali enti rientrano nel perimetro delle banche e degli intermediari finanziari
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Presupposto del regime di favore è la sostanza dell’attività esercitata, gli enti associativi non godono di uno status di extrafiscalità che li esenta per definizione da ogni imposizione
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
Previsti tre diversi metodi di determinazione della base imponibile a seconda della natura dei beni rivenduti, delle modalità di esercizio dell’attività e dei soggetti rivenditori
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino