Marche
Fisco e Scuola, una giornata dedicata alla legalità fiscale
L’iniziativa, coordinata dalla Direzione regionale Entrate delle Marche, ha coinvolto 600 studenti di 11 istituti
testo alternativo per immagine
“Chi paga le tasse ha tutto da guadagnare”, questo è il motto con cui l’Agenzia delle Entrate delle Marche ha aperto la giornata regionale dedicata al progetto Fisco e Scuola. Anche quest’anno infatti, considerato l’indice di gradimento dimostrato nella precedente edizione, si replica l’esperienza educativa che ha coinvolto alunni e insegnanti di diverse scuole presenti sul territorio regionale.

L’Agenzia delle Entrate delle Marche all’appuntamento con la legalità fiscale del 1° dicembre schiera una task force di 30 funzionari che hanno incontrato quasi 600 studenti di 25 classi appartenenti a 11 istituti scolastici di ogni ordine e grado. Questi i numeri dell’iniziativa, coordinata dalla Direzione Regionale Marche e realizzata nell’ambito del progetto nazionale “Fisco e Scuola”, che vede coinvolti contemporaneamente nella stessa giornata un numero così elevato di studenti.
Tutti insieme, dunque, da Ancona a Pesaro Urbino, da Macerata a Fermo per finire ad Ascoli Piceno. Nel corso della giornata è stato illustrato il kit “Insieme per la legalità fiscale” rivolto agli studenti delle scuole primarie e secondarie, con l’obiettivo di sensibilizzare i “contribuenti del futuro” sul valore etico legato ai corretti comportamenti fiscali.
Il percorso formativo ha previsto la proiezione di un cartone animato per i bambini delle scuole elementari e di un cortometraggio per gli alunni degli istituti superiori. Due allegri personaggi, “Pag e Tax”, alle prese con la realtà quotidiana, hanno dimostrato ai ragazzi l’importanza di vivere in un mondo in cui il rispetto della legalità, delle regole civili e soprattutto del pagamento delle tasse, costituisca non solo un dovere nei confronti della collettività ma anche un vantaggio per essi stessi.
Gli alunni coinvolti nell’iniziativa hanno manifestato grande interesse e sorprendente maturità, discutendo con passione il tema trattato nel corso degli incontri. La giornata si è conclusa con la consegna ai docenti di ciascuna classe del kit “Insieme per la legalità fiscale”, composto da un DVD, un poster da affiggere in classe, dei depliant e alcuni pieghevoli informativi.

Di seguito l’elenco completo delle Scuole che hanno preso parte all’evento:
2 classi dell’Istituto Comprensivo “A. Novelli” di Ancona, con 50 studenti; 8 classi della Scuola elementare “G. Speranza” di Grottamare con 180 studenti; 1 classe dell’ITC “L. Einaudi” di Montegranaro con 15 studenti; 2 classi dell’ITC di Amandola con 40 studenti; 3 classi del Liceo Scientifico “E. Medi” di Montegiorgio con 60 studenti; 1 classe della Scuola primaria “A. Moro” di Fabriano con 25 studenti; 2 classi della Scuola elementare di Cuccarano di S.Orso Fano con 25 studenti; 1 classe dell’Istituto “G. Pascoli” di Tavullia con 25 studenti; 1 classe dell’Istituto “G. Branca” di S. Angelo in Lizzola con 25 studenti; 4 classi dell’Istituto Comprensivo “Colmurano” di Loro Piceno con 96 studenti e 2 classi dell’Istituto Commerciale “Betti” di Camerino con 50 studenti.

pubblicato Giovedì 1 Dicembre 2011

I più letti

testo alternativo per immagine
Snc e suoi componenti sono coobbligati al pagamento delle imposte e, quindi, dopo la cessazione dell’attività tocca ai secondi versare i tributi non assolti dall’azienda
testo alternativo per immagine
Una delle principali scadenze fiscali dell’anno, il versamento della seconda o unica rata dell’“anticipo” Irpef, cade di domenica (30 novembre) e, perciò, slitta al dì successivo
testo alternativo per immagine
Nel processo amministrativo è previsto normativamente e qualificato come vera e propria obbligazione dovuta ex lege, ma non altrettanto succede nel diritto tributario
testo alternativo per immagine
In prossimità della scadenza del termine per la trasmissione telematica dei modelli, i chiarimenti del dipartimento delle Finanze sull’adempimento pro esenzione
testo alternativo per immagine
Incontro semestrale del Forum italiano, presso l’Agenzia delle Entrate, al quale hanno partecipato numerosi stakeholders pubblici e privati e le competenti autorità
testo alternativo per immagine
A differenza del vecchio Cud, contenente solo i dati dei redditi di lavoro dipendente e assimilati, il nuovo schema accoglie anche quelli di lavoro autonomo e diversi e le provvigioni
Dito su calendario
La regola vale qualora l’interessato non contesti di non aver avuto la cartella con la pretesa tributaria, ma si limiti a metterne in discussione la data di consegna
testo alternativo per immagine
Snc e suoi componenti sono coobbligati al pagamento delle imposte e, quindi, dopo la cessazione dell’attività tocca ai secondi versare i tributi non assolti dall’azienda
testo alternativo per immagine
Una delle principali scadenze fiscali dell’anno, il versamento della seconda o unica rata dell’“anticipo” Irpef, cade di domenica (30 novembre) e, perciò, slitta al dì successivo
testo alternativo per immagine
In prossimità della scadenza del termine per la trasmissione telematica dei modelli, i chiarimenti del dipartimento delle Finanze sull’adempimento pro esenzione
testo alternativo per immagine
A differenza del vecchio Cud, contenente solo i dati dei redditi di lavoro dipendente e assimilati, il nuovo schema accoglie anche quelli di lavoro autonomo e diversi e le provvigioni
testo alternativo per immagine
Più facile, inoltre, aggiornare la propria situazione economica in caso di rilevante diminuzione del reddito, con la possibilità di ottenere l’indicatore “corrente”
immagine generica
La deduzione dal reddito è pari al 20% del prezzo di acquisto risultante dall’atto di compravendita, comunque entro il limite massimo complessivo di spesa di 300mila euro
mela
Sul sito dell’Agenzia disponibile, inoltre, il pacchetto informatico che consente di verificare che i file predisposti siano conformi ai criteri necessari per terminare la procedura
testo alternativo per immagine
Le modalità di presentazione via web della delega di pagamento unificato. La versione cartacea sopravvivrà per i versamenti di importi esigui e in qualche ipotesi residua