Piemonte
La Dr Entrate del Piemonte pronta per l'alternanza scuola-lavoro
Siglata l'intesa con l'Ufficio scolastico regionale: gli studenti potranno "entrare in Agenzia" da settembre
La Dr Entrate del Piemonte pronta per l'alternanza scuola-lavoro
E' stato firmato oggi a Torino il protocollo d'intesa tra Direzione regionale dell'Agenzia delle Entrate del Piemonte e Ufficio scolastico regionale per dare avvio al progetto di alternanza scuola-lavoro valido nel triennio 2017/2020. Un'iniziativa destinata ad ampliare l'offerta formativa rivolta ai ragazzi, consentendo loro di accedere, dal prossimo anno scolastico, agli uffici delle Entrate per conoscere da vicino i processi di lavoro di una moderna pubblica amministrazione e acquisire consapevolezza del ruolo dei tributi per il funzionamento della macchina statale.
 
La proposta formativa è destinata agli studenti degli ultimi tre anni del ciclo secondario superiore, dai licei agli istituti tecnici. Nella fase sperimentale - anno scolastico 2017/2018 - l’alternanza scuola lavoro riguarderà inizialmente circa 100 studenti della provincia di Torino.
L’intesa siglata oggi rappresenta un accordo quadro a cui potranno aderire le singole scuole interessate: ciascun “pacchetto formativo” sarà progettato congiuntamente tra Agenzia e istituto scolastico sulla base dell’offerta e della disponibilità di risorse e dovrà avere carattere particolarmente qualificante, consentendo l’acquisizione di competenze idonee ad orientarsi nel mondo del lavoro.
 
“Crediamo fermamente che un cittadino attivo non possa prescindere dalla conoscenza del funzionamento della ‘macchina amministrativa’ del nostro Paese” ha commentato il Direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate, Giovanni Achille Sanzò: “ogni pubblica amministrazione ha le sue regole, i suoi processi operativi e decisionali e conoscerli non può che arricchire il bagaglio formativo di uno studente. In particolare, ci sembra cruciale avere consapevolezza della mission dell’Agenzia delle Entrate per la gestione della fiscalità a sostegno della spesa pubblica”.
 
“Questo protocollo di intesa” ha affermato il Direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte, Fabrizio Manca “rappresenta un esempio importante del contributo, sempre più incisivo e strategico, che la Pubblica Amministrazione sta offrendo per favorire l’incontro e lo scambio fra il mondo della scuola e quello del lavoro. I percorsi previsti in questo specifico accordo rappresentano senza dubbio un’opportunità di approfondimento per gli studenti che frequentano gli indirizzi di taglio più marcatamente economico (LES, AFM, Professionale commerciale), ma sono anche, per tutti i giovani di qualsiasi indirizzo che parteciperanno al progetto, un’occasione preziosa per assimilare, attraverso esperienze sul campo, temi di educazione alla cultura contributiva e sviluppare un senso vivo e concreto di cittadinanza”.
 
 
pubblicato Martedì 4 Luglio 2017

I più letti

L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Corte di Giustizia Ue
I giudici europei chiariscono quali sono i limiti che la normativa nazionale può imporre alla rettifica da parte del contribuente della base imponibile Iva in caso di mancato incasso
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il sistema di navigazione dinamico mostra i risultati registrati anno per anno. Nuove informazioni a disposizione del contribuente, per un dialogo all’insegna della trasparenza
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino