Piemonte
"Novità fiscali 2018", a Torino focus sulla legge di bilancio
Ieri il convegno organizzato dall'Ordine dei Commercialisti e dalla Direzione regionale dell'Agenzia
"Novità fiscali 2018", a Torino focus sulla legge di bilancio
Una platea di oltre 350 professionisti della fiscalità ha partecipato mercoledì 21 marzo al convegno “Le novità fiscali 2018” che si è svolto presso il centro congressi Torino Incontra del capoluogo piemontese. Al centro dell’incontro le principali novità della legge di bilancio per imprese, professionisti e privati cittadini: la rottamazione-bis delle cartelle, le novità sull’Iva (dall’indebita applicazione dell’imposta alla fatturazione elettronica), le agevolazioni del Progetto Industria 4.0, il principio di derivazione rafforzata, le criticità per le imprese in contabilità semplificata, dividendi e plusvalenze su partecipazioni qualificate, l’interpretazione degli atti nell’imposta di registro.

Il convegno è stato organizzato congiuntamente dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Torino e dalla Direzione regionale del Piemonte dell’Agenzia delle Entrate con lo scopo di fornire agli specialisti del settore un focus dettagliato sull’evoluzione della normativa in materia e nella prospettiva di favorire la compliance da parte di contribuenti ed operatori del settore. “Noi crediamo fermamente all’ascolto e al dialogo continuo con i cittadini” ha spiegato il Direttore regionale, Giovanni Achille Sanzò, nel suo intervento di saluto: “Stiamo realizzando un cambiamento di rotta, in cui non sono più i cittadini che devono adeguarsi alle consuetudini dell’amministrazione ma è l’Agenzia delle Entrate che deve andare loro incontro”.

Il convegno sulle novità fiscali è ormai un tradizionale appuntamento della primavera torinese, grazie alla pluriannuale collaborazione tra la Direzione regionale del Piemonte dell’Agenzia delle Entrate e l’Ordine dei Dottori commercialisti ed Esperti contabili di Torino. L’iniziativa rappresenta un segno tangibile del proficuo rapporto di cooperazione esistente tra Amministrazione fiscale e ordini professionali e associazioni del mondo produttivo, tanto che in svariate occasioni si è parlato del “modello Torino” a proposito del tessuto dei rapporti interistituzionali esistenti.

E in effetti, è stata anche l’occasione per uno scambio di vedute con il presidente dell’Ordine di Torino, Luca Asvisio, su tematiche concrete quali i tavoli di lavoro congiunti, la gestione delle pratiche Civis e così via. Tutto questo nello spirito di massima collaborazione reciproca affinché non venga meno la sinergia e si realizzi la compliance.
Per l’Agenzia delle Entrate sono intervenuti in qualità di relatori Bernardo Maronero, capo Ufficio Consulenza della Direzione regionale, sulle tematiche legate alle agevolazioni del piano “Industria 4.0”, Fabrizio Novello, Direttore dell’Ufficio territoriale di Alessandria, sull’interpretazione degli atti ai fini della tassazione ai sensi delle norme sull’imposta di registro, e Franco Ricca, funzionario della Direzione provinciale di Novara, che ha fatto il punto sulle novità in campo Iva.
 
Luciano Morlino
Roberta Quarto
pubblicato Giovedì 22 Marzo 2018

I più letti

Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
immagine generica
Nel caso in cui gli investimenti dell’anno precedente a quello per il quale viene presentata la richiesta telematica sono stati pari a zero, non è possibile accedere al bonus
Secondo l’Agenzia delle entrate, la società istante può procedere al “recupero” del componente negativo di reddito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa
L’interpretazione dell’articolo 7-quater, comma 1, lettera a), del Dpr 633/1972, si basa sui chiarimenti forniti dall’articolo 31-bis del Regolamento di esecuzione Ue 1042/2013
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Per quelle emesse nei confronti dei soggetti passivi Iva da un Comune che gestisce il servizio idrico sussiste l’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 21, Dl 78/2010
Secondo l’Agenzia delle entrate, la società istante può procedere al “recupero” del componente negativo di reddito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino