Puglia
Evasione fiscale: in Puglia protocollo fra Anci, Entrate e Gdf
L'intesa punta a rendere più efficace e uniforme la partecipazione dei Comuni all’accertamento dei tributi statali
testo alternativo per immagine
Si consolida in Puglia la collaborazione tra Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza e Anci in materia di accertamento dei tributi. Il protocollo d’intesa sottoscritto lo scorso 11 marzo dai vertici regionali delle tre istituzioni punta a rendere quanto più efficace e uniforme su tutto il territorio regionale il processo di partecipazione dei Comuni all’accertamento dei tributi statali, migliorandolo e rendendolo ancora più efficiente.
 
L’obiettivo è quello di mettere a fattor comune il patrimonio informativo dell'Amministrazione finanziaria con quello che i Comuni dispongono o possono disporre in ragione delle proprie funzioni istituzionali, valorizzandoli in chiave anti-evasione e al fine di indurre comportamenti virtuosi dei contribuenti.
 
L’Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza condivideranno le proprie competenze specifiche con i Comuni aderenti ad apposite convenzioni, consentendo agli enti locali pugliesi di intercettare e di segnalare i comportamenti evasivi più gravi nei vari ambiti in cui operano: commercio e professioni, urbanistica e territorio, proprietà edilizie, patrimonio immobiliare, affitti “in nero”, residenze fittizie all’estero e disponibilità di beni indicativi di capacità contributiva.
 
Gli strumenti messi in campo dal Protocollo d’intesa regionale sono la formazione continua, la diffusione delle best-practices e la predisposizione di specifici percorsi metodologici. Il punto di forza del Protocollo è un network di personale delle tre istituzioni, selezionato tra specialisti nell’analisi del rischio di evasione e nell’accertamento dei tributi locali ed erariali. La rete di lavoro avrà il compito di mettere in campo tutti gli strumenti formativi e informativi previsti dal protocollo, di rendere efficace il collegamento tra le istituzioni, di monitorare i risultati e di stimolare nuove iniziative.
 
In Puglia sono 31 gli enti locali che hanno già aderito ad un protocollo d’intesa con l’Agenzia delle Entrate in materia di partecipazione dei comuni all’accertamento dei tributi statali. Il Protocollo d’Intesa regionale tra Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza e Anci, oltre ad una più ampia adesione da parte degli enti locali pugliesi, si propone di raggiungere risultati ancor più consistenti, in modo che anche in Puglia dell’azione di contrasto all’evasione sia percepita in modo più concreto, proporzionato e dissuasivo da tutti coloro che non rispettano la regola costituzionale della partecipazione alla spesa pubblica in base alla propria capacità contributiva.
 
pubblicato Lunedì 13 Aprile 2015

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Nei confronti di chi versa l’imposta, con riferimento all’anno in cui avviene la cessione del prodotto non si applica la ritenuta del 23% ordinariamente prevista sul 78% dei corrispettivi
Il trasferimento è efficace ai fini fiscali solo in presenza della successiva indicazione in dichiarazione, della conseguente richiesta di rimborso e della notifica dell’atto
Hanno valenza fiscale e previdenziale e possono essere applicate esclusivamente ai settori produttivi indicati nelle tabelle allegate al decreto ministeriale che le ha determinate
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
fatture elettroniche
Per quelle emesse in ciascun trimestre solare, l’imposta deve essere versata entro il giorno 20 del primo mese successivo; l’importo dovuto è reso noto dall’Agenzia delle entrate
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino