Puglia
Premio "Malala", le amministrazioni pugliesi per legalità e istruzione
In questa prima edizione il riconoscimento sarà attribuito all’Istituto Pirandello di Taranto
Malala
Sono stati  sottoscritti questa mattina, alla presenza del Prefetto Donato Cafagna, gli accordi di partenariato che istituiscono e danno il via all’attuazione al “Premio Malala Yousafzai”, progetto che nasce dalla collaborazione tra le principali Amministrazioni pubbliche della Puglia, presentato oggi nel corso della conferenza stampa congiunta tenutasi presso il castello Aragonese di Taranto.
Il riconoscimento, ispirato alla più giovane vincitrice del Nobel per la pace, insignita per il suo impegno nella promozione dei diritti civili e del diritto all’istruzione, mira a sostenere gli istituti scolastici impegnati a difendere un diritto all’istruzione frequentemente leso da atti di violenza e vandalismo, in contesti socio-culturali disagiati. Un progetto di ampio respiro, che vede Istituzioni ed Enti schierati al fianco delle scuole maggiormente colpite.
 
La rete di Amministrazioni pubbliche – Da quest’anno, Regione Puglia, Direzione Regionale della Puglia dell’Agenzia delle Entrate e Ufficio Scolastico Regionale della Puglia, in collaborazione con Questura di Taranto, Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni “Puglia”, Comune di Taranto, Comando Marittimo Sud della Marina Militare, hanno scelto di condividere un obiettivo comune: promuovere la legalità in tutti i suoi volti, a cominciare dai banchi di scuola. Per inaugurare questa sinergia le Istituzioni hanno stabilito di porsi al fianco di una scuola costretta a combattere ogni giorno per tutelare la dignità e  la libertà di tutti.
Una cooperazione ufficializzata questa mattina alla presenza del Prefetto di Taranto Donato Cafagna, sottoscrivendo, dietro impulso dell’Agenzia delle Entrate - Direzione regionale della Puglia, gli accordi di partenariato con cui è stato istituito il “Premio Malala Yoousafzai”, quale riconoscimento da conferire ad un istituto scolastico che, operando quotidianamente in realtà disagiate, lotta con tenacia e coraggio insieme ai suoi studenti in difesa del diritto all’istruzione. Moderatrice dell’evento è stata Maristella Massari, giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno, volto noto della realtà tarantina.
 
Il conferimento del premio - In questa prima edizione il premio sarà attribuito all’Istituto comprensivo Luigi Pirandello di Taranto, teatro dal settembre scorso di vari episodi di vandalismo culminati nell’attacco del 23 aprile che rese inagibile la scuola costringendola a sospendere le lezioni. Un black day che l’assegnazione del “Premio Malala Yousafzai”  intende trasformare in un rinnovato inizio, rafforzando il forte segnale già lanciato dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con l’apertura dell’anno scolastico 2017-2018 tenuta  proprio presso l’Istituto Pirandello. 
Il conferimento del premio rappresenta solo la conclusione di un più ampio programma. Il progetto prevede, infatti, uno speciale percorso formativo che porterà in aula, come docenti, i rappresentanti delle Amministrazioni firmatarie, arricchito anche dalla collaborazione della Guardia di Finanza, per parlare di legalità, di coscienza civica e di libertà. Saranno inoltre organizzate visite guidate presso le sedi degli Enti partecipanti e verrà indetto un concorso sul tema della legalità.
 
pubblicato Mercoledì 13 Dicembre 2017

I più letti

Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà lunedì l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Il valore delle parti staccate confluisce in quello della prestazione, cioè gode dell’aliquota ridotta al 10 per cento, solo se connotate da una propria autonomia funzionale
immagine generica con mappa del globo
Il legislatore italiano ha adeguato la normativa interna alle indicazioni provenienti dal contesto internazionale e, in particolare, alle soluzioni ideate nell'ambito del progetto Beps
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il valore delle parti staccate confluisce in quello della prestazione, cioè gode dell’aliquota ridotta al 10 per cento, solo se connotate da una propria autonomia funzionale
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà lunedì l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino