Puglia
Tre nuovi comuni alleati dell’Agenzia delle Entrate
Minervino Murge, Torremaggiore e Valenzano firmano accordo per il recupero dell’evasione
testo alternativo per immagine
Tre nuovi comuni sull’asse tra Foggia e Bari hanno sottoscritto, presso la Direzione Regionale dell’Agenzia delle Entrate, il protocollo d’intesa in materia di partecipazione degli enti locali all’accertamento dei tributi erariali. Si applica, dunque, anche a Minervino Murge, Torremaggiore e Valenzano il patto anti-evasione finalizzato al recupero del sommerso e alla conseguente individuazione di risorse aggiuntive, destinate a finanziare i servizi per i cittadini.

Contenuti dell’accordo – L’accordo è stato siglato da Aldo Polito, direttore regionale delle Entrate, dal vice sindaco di Minervino, Sabino Rizzi e da Enzo Quaranta, vice sindaco di Torremaggiore insieme con il commissario prefettizio di Valenzano, Nicola Covella. L’intesa prevede il ricorso ad una specifica metodologia basata su:
- segnalazioni qualificate
- incrocio di dati e informazioni
- percorsi di analisi e ricerca
Le segnalazioni qualificate rappresentano il canale privilegiato della collaborazione. Si tratta, in particolare, di notizie, dati o circostanze note agli enti locali e capaci di rivelare, con chiarezza e precisione, comportamenti dei cittadini mirati ad evadere le imposte. Le segnalazioni e ogni altra comunicazione tra i Comuni e l’Agenzia delle Entrate dovranno viaggiare sul canale telematico, in modo da assicurare riservatezza ed economicità dell’azione amministrativa. I funzionari del Comune, inoltre, parteciperanno a percorsi formativi specialistici erogati dall’Agenzia delle Entrate.
I Comuni, grazie alla stipula dell’accordo, acquisiranno al proprio bilancio il 100% delle somme riscosse sulla base della segnalazione inviata agli uffici dell’Agenzia delle Entrate, come prevede la legge (Dl n. 138/2011).
Con l’ultima firma, il numero dei comuni pugliesi aderenti al protocollo d’intesa risulta pari a 21, così distribuiti sul territorio regionale: 5 a Bari, 2 a Barletta-Andria-Trani, 3 a Brindisi e 3 a Foggia, 1 comune per Lecce e 4 nella provincia di Taranto.
 

pubblicato Venerdì 25 Gennaio 2013

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
Riguarda i sostituti d’imposta, chiamati a pagare l’anticipo delle imposte dovute dai lavoratori sui rendimenti delle quote di trattamento di fine rapporto accantonate
La violazione degli obblighi formali contabili e dichiarativi, pur non impedendo l’insorgenza del diritto al recupero dell’imposta, incide sul suo esercizio
Il prelievo fiscale sui redditi prodotti oltralpe che non concorrono alla formazione del reddito complessivo nazionale, quindi della base imponibile, non dà diritto a detrazione
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino