Sardegna
Una nuova Cittadella Finanziaria per Cagliari: sede unica per l'Agenzia
Previsti risparmi per circa 4 milioni l'anno. 15mila metri quadri negli ex magazzini dell'Aeronautica
Una nuova Cittadella Finanziaria per Cagliari: sede unica per l'Agenzia
Questa mattina, il direttore dell’Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, e il Provveditore alle Opere Pubbliche del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Vittorio Rapisarda, hanno firmato la convenzione per la progettazione, il coordinamento alla sicurezza e la direzione lavori  finalizzata a riqualificare gli ex Magazzini dell’Aeronautica di via Simeto  a Cagliari che ospiteranno la nuova Cittadella Finanziaria sul modello del federal building.
A partire dal 2023, saranno infatti accorpati in un’unica sede, di oltre 15 mila metri quadrati, gli uffici dell’Agenzia delle Entrate dislocati in città, con oltre 600 dipendenti. In particolare, gli uffici che vengono accorpati sono: la Direzione Regionale, la DP di Cagliari con i due uffici territoriali di Ca1e Ca2, l’Ufficio Provinciale Territorio – Cagliari, il CAM e il Centro Operativo di Cagliari.
 
Grazie a quest’operazione,  saranno così abbattuti i costi sostenuti per i contratti di locazione passiva di quattro uffici (ubicati in via Pintus, via Jenner, via Bacaredda e località San Lorenzo), con un  risparmio annuo per le casse dello Stato di circa  4 milioni di euro e sarà offerto un servizio più funzionale ai cittadini. La stima totale dell’intervento di riqualificazione prevede un investimento di circa 50 milioni di euro, di cui 25,3 milioni sono stati già finanziati dall’Agenzia delle Entrate, mentre la restante quota sarà reperita con fondi dell’Agenzia del Demanio. L’attività di progettazione e direzione lavori per la riqualificazione del bene sarà coordinata dal Provveditorato alle Opere Pubbliche Lazio-Abruzzo-Sardegna e darà importanti opportunità di lavoro a professionisti e imprese del territorio,  apportando benefici per l’economia della città di Cagliari.
Il progetto si inserisce infatti all’interno di un più ampio piano di rigenerazione che il Comune sta portando avanti anche grazie alle possibilità offerte dal “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni  capoluogo di provincia” promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
 
“L’Agenzia del Demanio – ha dichiarato Roberto Reggi – è fortemente impegnata nell’attività di ottimizzazione e razionalizzazione degli spazi occupati dalle Amministrazioni pubbliche. L’obiettivo è di ridurre la spesa e i consumi per gli affitti. L’accordo di oggi consentirà infatti di conseguire un risparmio significativo per lo Stato e di creare una sede di servizio più funzionale per i cittadini. Un‘operazione che si avvia grazie a un minuzioso lavoro di squadra, indispensabile per dare concretezza a progetti di riqualificazione edilizia e rigenerazione urbana”.

 
 “Si porta a compimento oggi un progetto a cui tutti noi abbiamo aderito fin dall’inizio con convinzione – ha aggiunto Rossella Orlandi – Voglio ricordare l’impegno di tutto il personale dell’Agenzia per il raggiungimento di questo risultato, che mira al risparmio delle risorse e alla concentrazione dei servizi fiscali. Il polo unico diventerà, infatti, il punto di riferimento della collettività per tutti i servizi fiscali e catastali che saranno integrati in un unico ambiente di lavoro più fruibile ed efficiente”.

"L'intervento – ha proseguito Vittorio Rapisarda – è l'occasione per realizzare un'architettura a scala urbanistica che si ripropone di riqualificare un'ampia area della città. E' un'occasione da non perdere, quindi, attraverso l'azione coordinata di Amministrazioni dello Stato che sapranno procedere per il bene del territorio".

“La sede unica dell'Agenzia delle Entrate – ha concluso infine il Vice Sindaco di Cagliari Luisa Anna Marras che è intervenuta nel corso dell’evento – costituirà un vantaggio importante per i cittadini, che oggi sono costretti a recarsi in diversi uffici dislocati in zone anche lontane tra loro: i benefici in termini di tempo e quelli economici, legati al risparmio di benzina che si utilizza oggi per gli spostamenti da una sede all'altra, saranno innegabili. La sistemazione dell'area aggiunge un importante progetto di riconversione di una porzione di città che si somma ai progetti di riqualificazione del quartiere di Sant'Avendrace, per cui abbiamo ricevuto 18 milioni di euro dal Governo nell'ambito del programma per il rilancio delle periferie: a questi si aggiungono poi 9 milioni di investimenti privati”.
 
 
 
pubblicato Venerdì 26 Maggio 2017

I più letti

immagine generica che indica una sostituzione
L'obiettivo è favorire l'emersione spontanea di basi imponibili, stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari e rafforzare la collaborazione tra i contribuenti e la Pa
immagine di una mano con dito che spinge un pulsante
La legge di bilancio 2017 ha introdotto un meccanismo di detassazione indirizzato a canalizzare gli investimenti privati verso il finanziamento del sistema imprenditoriale italiano
Non è prevista alcuna deroga alle disposizioni che indicano specificamente nel pagamento il momento dal quale deve decorrere il tempo disponibile per la presentazione dell’istanza
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
Così come avviene per il conto economico, l’imponibilità della plusvalenza, derivante da un contratto di locazione finanziaria, va ripartita per tutta la durata del contratto stesso
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
Dalla nuova procedura di collaborazione rafforzata per le società non residenti all’introduzione degli indici di affidabilità fiscale: sono numerose le “new entry” in ambito tributario
Si applica il principio di onnicomprensività, secondo cui tutte le somme e i valori, a qualunque titolo percepiti durante il periodo d’imposta, costituiscono reddito imponibile
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Proroga della maggiore detrazione Irpef per i lavori di recupero e anche per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici, specificazioni sui beneficiari degli sconti e altro ancora
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
Il credito di imposta va utilizzato in compensazione, a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in cui sono stati sostenuti i costi relativi agli investimenti eleggibili
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino