Sardegna
Una nuova Cittadella Finanziaria per Cagliari: sede unica per l'Agenzia
Previsti risparmi per circa 4 milioni l'anno. 15mila metri quadri negli ex magazzini dell'Aeronautica
Una nuova Cittadella Finanziaria per Cagliari: sede unica per l'Agenzia
Questa mattina, il direttore dell’Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, e il Provveditore alle Opere Pubbliche del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Vittorio Rapisarda, hanno firmato la convenzione per la progettazione, il coordinamento alla sicurezza e la direzione lavori  finalizzata a riqualificare gli ex Magazzini dell’Aeronautica di via Simeto  a Cagliari che ospiteranno la nuova Cittadella Finanziaria sul modello del federal building.
A partire dal 2023, saranno infatti accorpati in un’unica sede, di oltre 15 mila metri quadrati, gli uffici dell’Agenzia delle Entrate dislocati in città, con oltre 600 dipendenti. In particolare, gli uffici che vengono accorpati sono: la Direzione Regionale, la DP di Cagliari con i due uffici territoriali di Ca1e Ca2, l’Ufficio Provinciale Territorio – Cagliari, il CAM e il Centro Operativo di Cagliari.
 
Grazie a quest’operazione,  saranno così abbattuti i costi sostenuti per i contratti di locazione passiva di quattro uffici (ubicati in via Pintus, via Jenner, via Bacaredda e località San Lorenzo), con un  risparmio annuo per le casse dello Stato di circa  4 milioni di euro e sarà offerto un servizio più funzionale ai cittadini. La stima totale dell’intervento di riqualificazione prevede un investimento di circa 50 milioni di euro, di cui 25,3 milioni sono stati già finanziati dall’Agenzia delle Entrate, mentre la restante quota sarà reperita con fondi dell’Agenzia del Demanio. L’attività di progettazione e direzione lavori per la riqualificazione del bene sarà coordinata dal Provveditorato alle Opere Pubbliche Lazio-Abruzzo-Sardegna e darà importanti opportunità di lavoro a professionisti e imprese del territorio,  apportando benefici per l’economia della città di Cagliari.
Il progetto si inserisce infatti all’interno di un più ampio piano di rigenerazione che il Comune sta portando avanti anche grazie alle possibilità offerte dal “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni  capoluogo di provincia” promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
 
“L’Agenzia del Demanio – ha dichiarato Roberto Reggi – è fortemente impegnata nell’attività di ottimizzazione e razionalizzazione degli spazi occupati dalle Amministrazioni pubbliche. L’obiettivo è di ridurre la spesa e i consumi per gli affitti. L’accordo di oggi consentirà infatti di conseguire un risparmio significativo per lo Stato e di creare una sede di servizio più funzionale per i cittadini. Un‘operazione che si avvia grazie a un minuzioso lavoro di squadra, indispensabile per dare concretezza a progetti di riqualificazione edilizia e rigenerazione urbana”.

 
 “Si porta a compimento oggi un progetto a cui tutti noi abbiamo aderito fin dall’inizio con convinzione – ha aggiunto Rossella Orlandi – Voglio ricordare l’impegno di tutto il personale dell’Agenzia per il raggiungimento di questo risultato, che mira al risparmio delle risorse e alla concentrazione dei servizi fiscali. Il polo unico diventerà, infatti, il punto di riferimento della collettività per tutti i servizi fiscali e catastali che saranno integrati in un unico ambiente di lavoro più fruibile ed efficiente”.

"L'intervento – ha proseguito Vittorio Rapisarda – è l'occasione per realizzare un'architettura a scala urbanistica che si ripropone di riqualificare un'ampia area della città. E' un'occasione da non perdere, quindi, attraverso l'azione coordinata di Amministrazioni dello Stato che sapranno procedere per il bene del territorio".

“La sede unica dell'Agenzia delle Entrate – ha concluso infine il Vice Sindaco di Cagliari Luisa Anna Marras che è intervenuta nel corso dell’evento – costituirà un vantaggio importante per i cittadini, che oggi sono costretti a recarsi in diversi uffici dislocati in zone anche lontane tra loro: i benefici in termini di tempo e quelli economici, legati al risparmio di benzina che si utilizza oggi per gli spostamenti da una sede all'altra, saranno innegabili. La sistemazione dell'area aggiunge un importante progetto di riconversione di una porzione di città che si somma ai progetti di riqualificazione del quartiere di Sant'Avendrace, per cui abbiamo ricevuto 18 milioni di euro dal Governo nell'ambito del programma per il rilancio delle periferie: a questi si aggiungono poi 9 milioni di investimenti privati”.
 
 
 
pubblicato Venerdì 26 Maggio 2017

I più letti

Deve essere rilasciata dalle organizzazioni firmatarie dell’accordo concluso su base locale ed è necessaria per il riconoscimento delle agevolazioni fiscali previste dalla legge
La decisione del Consiglio, pubblicata ieri, ha effetto dal 1° luglio 2018 al 31 dicembre 2021 e fornisce la copertura del diritto europeo alle disposizioni della legge di bilancio
Al corrispettivo conseguito dalle persone fisiche si applicano le disposizioni generali del Tuir dettate per i trasferimenti a titolo oneroso della piena proprietà degli immobili
È obbligatorio esibire la documentazione in originale per le richieste relative ai mezzi acquistati in regime di Iva del margine o utilizzati come beni strumentali dell’attività di impresa
La contabilità si direbbe regolare, la documentazione sembrerebbe a posto, ma qualcosa non quadra: l’attività così non è redditizia, anzi è antieconomica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Deve essere rilasciata dalle organizzazioni firmatarie dell’accordo concluso su base locale ed è necessaria per il riconoscimento delle agevolazioni fiscali previste dalla legge
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
È obbligatorio esibire la documentazione in originale per le richieste relative ai mezzi acquistati in regime di Iva del margine o utilizzati come beni strumentali dell’attività di impresa
Scade il 15 maggio il termine per aderire alla definizione agevolata e pagare l’importo residuo delle somme dovute senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Previsti tre diversi metodi di determinazione della base imponibile a seconda della natura dei beni rivenduti, delle modalità di esercizio dell’attività e dei soggetti rivenditori
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino